Breitling è main partner della 10° edizione del Trofeo Milano

L’edizione 2016 del Trofeo Milano, celebre Manifestazione di Auto e Moto Storiche del CMAE, Club Milanese Automotoveicoli d’Epoca, diventato un appuntamento irrinunciabile per tutti gli appassionati vanta un prestigioso Main Partner da sempre legato alle più importanti manifestazioni del mondo, del collezionismo e dello sport: la prestigiosa casa orologiera svizzera Breitling.
Partendo dallo storico Galoppatoio di San Siro, l’avvincente passeggiata di 120 km sul percorso Milano-Vigevano-Milano, vedrà un centinaio di auto e una quarantina di moto storiche costruite fino al 1970 sfrecciare nella campagna lombarda. Gli equipaggi delle vetture in gara saranno coinvolti in avvincenti prove di abilità, prove al cronometro, giochi e caccia al tesoro fotografica.
Il 10° Trofeo Milano rientra così nel calendario di eventi supportati dal celebre maison orologiera specializzata nella produzione di strumenti da polso dedicati al mondo della scienza, dell’industria dello sport e dell’aviazione.
Breitling sarà presente alla manifestazione con una VIP Lounge nella quale, sorseggiando una flûte di spumante, si potrà scoprire la Collezione Breitling e Breitling for Bentley.
Breitling inoltre metterà in palio l’orologio BENTLEY GMT della linea Breitling for Bentley, un cronografo dal design audace e dalle prestazioni sorprendenti, una vera e propria scultura da polso, che verrà assegnato alla vettura e all’equipaggio più meritevole che nell’arco della giornata avrà saputo superare le prove di abilità predisposte lungo il percorso.

www.breitlingforbentley.com

www.breitling.com

®Riproduzione Riservata

 

BEN SHERMAN: ECCO LA CAMPAGNA AW16

In linea con il patrimonio di Ben Sherman e abbracciando il look sempre in evoluzione dell’uomo 2.0, la Collezione autunno-inverno 2016 di Ben Sherman si ispira alla storia dello stile unico di Londra. Le sottoculture prominenti e le icone degli ultimi cinque decenni costituiscono il DNA di tutti e quattro gli angoli della città con il loro spirito e l’individualità che li unisce.
Ogni pezzo della collezione riflette e modernizza un periodo iconico del British Style compresi i Teddy Boy Blues, Gessato punk, West End mod e East End Legends. Le diverse epoche evidenziano le modernizzazioni e consentono all’uomo Sherman di indossare ciò che meglio lo rappresenta.
Una miscela di tessuti tradizionali su misura, gessati spezzati, ispirazioni degli anni ’60, stampe paisley e mod britannico si fondono in una vasta gamma di colori della tavolozza invernali.

www.bensherman.co.uk

®Riproduzione Riservata

LAND ROVER PRESENTA LA NUOVA DISCOVERY

La Nuova Discovery è l’epitome della vocazione Above and Beyond di Land Rover, col suo mix di fascino britannico e indomabile spirito di avventura. Estremamente attraente, la Nuova Discovery si caratterizza per le sue straordinarie capacità e tecnologie senza confronti. Durante la presentazione, la Land Rover Discovery mostra le sue impareggiabili capacità sullo sfondo di una struttura in LEGO (raffigurante il Tower Bridge) che entra nel Guinness dei Primati.
All’acclamatissima exhibition hanno preso parte celebri personaggi e clienti del brand come Bear Grylls, Sir Ben Ainslie e Zara Phillips, MBE Sir Ben Ainslie e il Team di Land Rover BAR, che rappresentano il Regno Unito nella 35a Coppa America.
Il Tower Bridge in LEGO è composto da 5.805.846 mattoncini, ben 470.646 pezzi in più di quelli utilizzati dal precedente detentore del record-

www.media.landrover.com

®Riproduzione Riservata 

Montenapoleone in rosso. Campari

La sera di lunedì 26 settembre, via Montenapoleone si è tinta di rosso per un aperitivo fuori del comune. Il colore non poteva che essere quello di Campari, gruppo leader nel settore del beverage fondato nel 1860 con sede principale a Sesto San Giovanni, che ha presentato la “Campari Fashion Avenue” al fianco dell’Associazione MonteNapoleone, da tempo impegnata nella valorizzazione del Quadrilatero della moda milanese, rappresentando oltre centotrenta Global Luxury Brands presenti in via Montenapoleone, via Sant’Andrea, via Verri, via Santo Spirito, via Borgospesso e via Bagutta.
Tra uno Spritz e un Negroni, la storia italiana del cocktail si è messa in mostra nelle venti boutique che hanno partecipato all’evento, aprendo le proprie porte a un pubblico curioso, interessato, ma soprattutto divertito.
Un incontro inedito fra bere miscelato e moda, che ha salutato nel migliore dei modi la Fashion Week meneghina coinvolgendo anche i non addetti ai lavori. Era infatti possibile accreditarsi all’evento attraverso la pagina Facebook di Campari – fino a esaurimento posti – ricevendo così la preziosa card che, oltre all’accesso a tutte le boutique, dava diritto a usufruire gratuitamente della professionalità dei bartender presenti. La piacevole passeggiata lungo una delle vie dello shopping più esclusive al mondo è stata punteggiata dalla mostra del fotografo inglese Rankin, intitolata “Outside In” e allestita in occasione della settimana della moda. In attesa della prossima edizione di “Campari Fashion Avenue”, non ci resta che esplorare i grandi classici in un buon cocktail bar, ricordando sempre di bere responsabilmente.

#camparifashion
#montenapoleoneofficial

www.camparigroup.com

®Riproduzione Riservata 

FINE DREAM SHOES – IL LUSSO DI UNA SCARPA INTERAMENTE MADE IN ITALY

La Vacchiano Collection nasce dall’idea di un giovane imprenditore toscano, Generoso Vacchiano, la cui passione per il Made in Italy lo spinge a ricercare, studiare e disegnare la sua scarpa “ideale”.
Vacchiano ha presentato la nuova collezione 2016/2017 all’interno del suo primo showroom in Italia, nel prestigioso Porto di Marina di Scarlino, realizzato da un’idea di Leonardo Ferragamo: un angolo, immerso nella Maremma Toscana, con acque limpide, scogliere e spiagge incontaminate del Mediterraneo.
La collezione Vacchiano coniuga “eleganza e lifestyle” rispecchiando così il nuovo stile dandy, per un uomo che ama l’originalità, l’esclusività e la cura del dettaglio. Scarpe stringate, affusolate, mocassini a stampe geometriche, con colori che si differenziano per la loro riconoscibilità e classicità: bianco, blu, beige, grigio, verde bottiglia, bordeaux, testa di moro; lo stile Vacchiano, abbina ed introduce poi nuovi tessuti, quali lo scozzese, il nabuk ed il cashmere, oltre ai pellami pregiati presenti anche nelle precedenti collezioni.
In occasione del lancio della nuova linea uomo è stato presentato un “fashion movie” realizzato dal regista Angelo Frezza, con la straordinaria partecipazione degli attori Francesca Nunzi e Jack Queralt, che rievoca l’ultracentenaria fiaba di Cenerentola che nel nuovo stile di uomo dandy tende ad esaltare la propria sensibilità femminile attraverso la ricerca di un profondo spirito estetico.

www.vacchiano.it

@Riproduzione Riservata

Matières Paris: la FW 2016-17 è una collezione attenta e innovativa

MATIÈRES PARIS è un nuovo progetto di Clément Tavernieri.
Clément ha lavorato con marchi di lusso come Dries Van Noten e Kitsune prima di lanciare il suo brand di street/smart casual dal nome Still Good.
MATIÈRES rafforza la prospettiva in evoluzione di Clément, alla guida di un progetto rivitalizzato e una nuova etichetta.
Mescolando cultura di strada, lusso high-end e tecniche sartoriali tradizionali con nuovi e frizzanti mix tessili, MATIÈRES è un brand estremamente innovativo, diverso da qualsiasi altro marchio di abbigliamento maschile di Parigi.
L’approccio fortemente raffinato e ancora sperimentale fornisce una nuova energia e la collezione FW16 è stata sviluppata con una cura maniacale per i dettagli e le lavorazioni artigianali.

www.matieres-paris.com

@Riproduzione Riservata

Ai Weiwei in mostra a Palazzo Strozzi (Firenze): se l’arte chiede aiuto

Nei giorni di prigionia pensavo soprattutto alla luna“: queste parole dell’artista dissidente cinese Ai Weiwei, in esposizione a palazzo Strozzi a Firenze fino al 22 gennaio 2017, fanno riflettere sull’amore per la libertà, diritto di ogni uomo, status che Weiwei ha riconquistato nel 2015, al momento in cui il governo cinese gli ha restituito il passaporto confiscato dopo la carcerazione e la distruzione del suo studio di Shangai. Per chi non conosce il personaggio e la sua storia, è consigliabile iniziare il percorso della mostra dalla Strozzina: per visionare anzitutto il filmato dell’agosto 2009 quando l’artista è stato seviziato, portato alla polizia e poi allontanato affinché non testimoniasse al processo contro l’attivista Tan Zuoren; in secundis per ammirare le centinaia di foto scattate dall’artista fra il 2003 e il 2011 che ritraggono vita quotidiana e produzione artistica. Nel 1981 dalla Cina Weiwei si trasferì negli Stati Uniti ma, insofferente verso le istituzioni, abbandona la scuola di design e comincia a frequentare mostre e musei, subendo il fascino del dadaista Marcel Duchamp e il maestro della pop art Andy Warhol. Tornato in Cina, Weiwei media i temi del linguaggio occidentale con materiali e storie cinesi: “Il mondo è una sfera, non ci sono oriente o occidente.
Al piano nobile della mostra le opere dell’artista si fondono col passato e il presente della storia cinese, passando attraverso la ricerca artistica e la provocazione politica, nonché coi temi attualissimi dei diritti umani.
Nella stanza Sichuan, che prende il nome dalla zona dove nel 2008 si verificò un terremoto che provocò 70.000 vittime, è esposto un lungo serpente costruito cucendo insieme 360 zaini raccolti da Weiwei e appartenuti alle piccole vittime sepolte sotto le macerie; i canotti (Reframe) appesi esternamente alle finestre del Palazzo hanno il colore arancio dei soccorritori che quasi ogni giorno salvano vite umane nel Mediterraneo.
L’attivismo incessante di Weiwei lo ha portato anche sull’isola di Lesbo per aiutare concretamente nelle operazioni di sbarco.
La mostra è dunque una retrospettiva completa e ben fatta su quello che è stato definito “l’artista contemporaneo più importante del mondo”: ha una sua traiettoria precisa, in contrasto con l’antichità quasi sacrale dello spazio in cui è allestita; prospettiva di un uomo poco allineato, nella retorica confusa e chiassosa degli equilibri politici e sociali del nostro tempo.

@Riproduzione Riservata

 

 

TOP TEN @SIMONEDECHECCO – Hotel & Fashion

St. Regis Hotel_New York_Dior

Offrire esperienze esclusive e perseguire il valore dell’ospitalità ha sempre orientato i cultori del bello: lo sanno bene gli stilisti ed i brand del lusso che negli ultimi anni hanno deciso di impreziosire il settore dell’hotellerie firmando ambienti esclusivi.

Alcune suite del Claridge’s di Londra, uno degli hotel più famosi del mondo, sono state firmate dall’aristocratica stilista Diane von Furstenberg che in questo hotel ha trascorso numerosi soggiorni negli ultimi decenni. Ogni elemento d’arredo delle camere esclusive è ispirato ai viaggi della Signora della Moda: bauli, dressing table e cocktail bar ricordano l’talia e il medio Oriente, l’Asia e tutti i paesi esotici da lei amati.

L’Hôtel du Petit Moulin a Parigi è un palazzo storico interamente rinnovato dal genio creativo di Christian Lacroix. Situato nell’affascinante quartiere del Marais, l’hotel permette di scoprire le meraviglie della zona. Un quattro stelle capace di suscitare emozioni e ritrovarsi nell’espressione unica di camere e suite tutte una più sorprendente dell’altra.

I St. Regis hotel spesso chiamano le firme della moda a personalizzare camere e suite delle proprietà piú lussuose della catena.Al St. Regis di Roma è possibile dormire tra gli iconici intrecci di Bottega Veneta. A raccontare la luminosità della cittá eterna sono le delicate nuance kaki e palladio, lino e tortora che si rincorrono su tessuti ed arredi. Il St. Regis di New York, invece, vanta l’esclusiva Tiffany Suite, nata dalla collaborazione con la “preziosa” maison americana di gioielleria, e l’elegante Dior Suite, capace di riportare immediatamente alla memoria l’atelier parigino dello stilista, che fece della classicità senza tempo la vera eleganza.

Le residenze Cheval Blanc pensate dal gruppo del lusso LVMH – Louis Vuitton Moët Hennessy – rivisitano la tradizione dell’ospitalità francese attraverso una collezione di Maison uniche: sontuose ma a misura d’uomo, offrono privacy assoluta e sono progettate per trascorrere del tempo con se stessi, in famiglia o con gli amici. A Courchevel in Francia, a Randheli alle Maldive e a St- Barth Isle de France a Saint-Barthelemy, Cheval Blanc traduce il concetto di ospitalitá attraverso i valori dell’Azienda: maestria artigiana, esclusività, privacy, creatività e Art de Recevoir.

Dietro l’ispirazione esotica del Tortuga Bay Puntacana Resort & Club si cela la raffinatezza dello stilista dominicano Oscar de la Renta. Un paradiso di ville indipendenti nel sogno dei mari caraibici. Ogni ambiente comunica serenità e gioia di vivere, spensieratezza e calore, caratteristiche tipiche di questi atolli baciati dal sole.

Tropical preppy style per il Round Hill Hotel and Villas disegnato da Ralph Lauren. La proprietà di Montego Bay in Giamaica conquista per i tratti coloniali e il ritmo reagge, che si può ascoltare anche nel più profondo silenzio. Le camere della Pineapple house offrono una vista incantevole sui mari caraibici, mentre nelle ville sperdute nel parco si può apprezzare privacy e tranquillità.

La famiglia di Ermenegildo Zegna ha un sogno visionario legato all’ospitalità. Tra Trivero e la Valle Cervo nelle alpi biellesi l’Oasi Zegna è un’area protetta: non solo un parco naturale da visitare, ma una vera e propria destinazione turistico-culturale da scoprire. Un ambiente protetto affidato alle cure di Anna, la nipote di Ermenegildo, che si preoccupa in prima persona di organizzare iniziative speciali legate all’educazione ambientale, alle ricerche scientifiche attraverso innumerevoli percorsi e sapori del territorio.

Impossibile non citare gli Armani Hotels & Resorts di Dubai e Milano. Giorgio Armani è il nome che definisce la moda, lo stile e il design. Ora, la sua estetica si estende al mondo dell’ospitalità e all’arte del ricevere. Eleganza e armonia sono i segni distintivi di questi luoghi dove gli ospiti potranno vivere un’esperienza totale del lifestyle Armani e godere della stessa accoglienza che Giorgio Armani riserverebbe alla famiglia e ai suoi amici.

Australia ed Emirati Arabi sono i Paesi scelti da Versace per stupire con Palazzo Versace. Ispirato a una residenza signorile italiana del XVI secolo, Palazzo Versace a Dubai sorprende per i propri giardini paesaggistici, l’ingresso trionfale ed una collezione di raffinati arredi italiana. Incastonato tra l’Oceano Pacifico e il Gold Coast Broadwater, Palazzo Versace australiano presenta un’architettura spettacolare, un centro benessere e fitness aperto 24 ore su 24, un porto turistico privato ed ovviamente una boutique dove poter acquistare le creazioni di Donatella Versace.

Tre differenti hotel cinque stelle lusso, un ristorante dalla vista mozzafiato e numerose nuove aperture in programma da qui al 2019 è quanto offre Bulgari, la maison italiana famosa nel mondo per la raffinata gioielleria. I Bulgari Hotels & Resorts incantano e stupiscono a Milano, Londra e Bali: ogni progetto si fonda sul connubio tra lo stile tradizionale locale e il design di lusso contemporaneo italiano, arricchito dall’impiego di materiali rari e pregiati.

@Riproduzione Riservata

EYEPETIZER NEW COLLECTION

Eyepetizer, marchio nato dall’idea e dalla passione di tre amici, ha lanciato due nuove collezioni di occhiali, Art de Voir e Metropolis, accomunate da due concetti cari al brand: design e funzionalità. L’ispirazione retrò si unisce all’estrema leggerezza e vestibilità della montatura in acciaio ultraleggero e all’eccellente qualità delle lenti, tutto Made in Italy.
Sono modelli unisex e dal carattere senza tempo, ciascuno dei quali riporta un nome particolare a cui è legata una storia.
Le lenti colorate, adatte sia di giorno che di notte, invitano chi le indossa a vivere una vita a colori, assaporandone ogni momento.

www.eyepetizer.it

@Riproduzione Riservata

Dal 1 al 9 ottobre a Milano si parla di Design

Conferenze, interviste, dialoghi, mostre, proiezioni, laboratori, presentazioni, installazioni, eventi.
Dall’1 al 9 ottobre 2016, Milano vivrà un momento di dialogo tra il design e il suo pubblico, una riflessione sullo stato attuale del mondo del progetto e della città, attraverso la quale diffondere il sapere e la cultura. In questo panorama, prenderà forma la prima edizione di Design City, un palinsesto di eventi dedicati alla divulgazione e alla promozione della cultura del progetto a Milano.

Scarica il Programma qui

www.designcitymilano.it

@Riproduzione Riservata