FALL WINTER 2018: ACCESSORI MUST HAVE

Una selezione di brand che abbiamo scoperto alla scorsa edizione di White.

CECCHI DE ROSSI

DSC_2178
La bellezza dell’artigianalità made in Italy. Cecchi De Rossi propone una linea di accessori in pelle che possono essere completamente customized. Un approccio che permette di regalare una vera made-to-measure experience per ogni pezzo della collezione. Ogni pezzo evolve e diventa parte, non solo della nostra vita, ma che delle generazioni future.

D1 MILANO
d1-milano-ne01-grigio-lancette-oro-2
Un brand giovane (è nato nel 2013), fondato dal 25enne, Dario Spallone, di base a Milano. Orologi dal design iconico, con una cura speciale ai dettagli, uno stile anticonvenzionale che riflette l’Italian heritage. Il modello P701 è il must have del brand, dal design unico e moderno.

TOTEM COLLECTIVE

TOTEM_TOTE_E
“La moda fatta diversamente” il claim di Totem Collective, un vero e proprio collettivo di quattro designer Johan Christian Chen, Bohan Qui, David Andersson Sahlin and Daniel Ekström, che realizzano una linea di borse artistiche e genderless. La collezione permanente diventa, quindi, la base per esperimenti di stile e nuovi progetti che aggrega creativi da tutto il mondo in una piattaforma progettuale in continuo divenire

VINCENT GARSON
inception-001

Vincent Garson è un designer francese, stilista-modellista formatosi alla Chambre syndicale de la Haute Couture di Parigi. La sua collezione di borse si pone come esempio di oggetto di lusso: si conserva nel tempo, rispettoso del lavoro degli artigiani che lo hanno realizzato, dalle qualità eccellenti. Lavora con pelli francesi che preferisce usare nella loro essenza più raw, sfoderate, mostrando la realtà dei materiali.

NO/AN
Maj_nude_front
Brand di borse, della designer finlandese, trapiantata a Bruxelles, Anna Lehmusniemi, accoglie al suo interno un concept nuovo, fatto di linee essenziali e materiali pregiati. Il fine ultimo è di avvicinare i clienti ad un diverso concetto di lusso, non fatto di acquisti continui, ma sulla consapevolezza della qualità duratura nel tempo.

 

®Riproduzione riservata

IDRATAZIONE H24

Che la vacanza sia al mare, in montagna o in città, la beauty routine femminile ha un caposaldo fisso: l’idratazione. Essenziale al mattino, da rinnovare la sera dopo la doccia o prima del riposo notturno e soprattutto mai tralasciare qualche refresh durante il giorno. Dati gli attuali picchi di temperatura, ecco tre brand da considerare:

The Cream + The Rich Cream by Augustinus Bader
Augustinus Bader_Cream_Rich Cream_Ambient_1

Partiamo al mattino con due creme viso ad azione idratante per differenti tipologie di pelle, la prima nella versione più leggera e l’altra più ricca. Le loro formulazioni includono il complesso brevettato dal Professor Bader a base di amminoacidi naturali, vitamine e molecole di sintesi naturalmente presenti nella pelle, denominato TFC® (Trigger Factor Complex). Esso veicola i nutrimenti chiave e potenti ingredienti attivi naturali alle cellule della pelle, creando il microambiente ottimale affinché gli innati processi di riparazione e rinnovamento possano attuarsi. Infine è una perfetta base per il trucco. L’abbiamo vista sulla pelle di Priyanka Chopra dove la make up artist Pati Dubroff la posiziona nei punti strategici in cui ottenere un effetto glow evitando la tipica lucidità estiva.

FRESH EAU DE CONCOMBRE by David Mallet
David Mallett_FRESH Eau de Concombre_001

Uno spray rivitalizzante da utilizzare durante il giorno per capelli e viso a base di cetriolo organico. Concepito per tutti i capelli e adatto a tutte le tipologie di pelle, anche le più delicate, apporta proprietà antiossidanti e rinfresca i capelli spenti. Un vero e proprio boost d’idratazione essenziale per le giornate estive. Il plus: è realizzato con il 97% di ingredienti di origine naturale.

SU After Sun by Davines
Davines_Essential Haircare SU_Aftersun

La sera, una crema gel doposole che dona alla pelle nutrimento e idratazione. Contiene estratto di Chinotto da Presidio Slow Food ed Aloe Vera, ricca di sali minerali e sostanze ad azione lenitiva. Accanto all’Olio di Argan, ricco di vitamina E e di vitamina A che assicurano un’azione idratante e nutriente.

®Riproduzione riservata

SUMMER 2018: ESPADRILLES IN THE CITY

Nonostante gli ultimi trend propongano modelli di sneakers per tutte le stagioni, ogni estate le città (e non solo) si popolano di sandali ed espadrillas. Una scelta legittima, anche se il tabù dello stile vuole che l’uomo non debba avere mai, o quasi mai, i piedi nudi. Un tabù che Havaianas, per esempio, ha contribuito ad abbattere con il successo delle sue infradito. Quando è preferibile portare i sandali e quando le espadrillas? E come abbinarli al nostro look? Qui alcuni suggerimenti per i vostri look estivi.

Breve storia dei sandali
milan-streetstyle1-male-1533890604

Come si legge nel dizionario Treccani: “È una forma assai antica di calzatura (affreschi minoici del 2° millennio a.C.) e fu di uso generale, sia presso i popoli orientali (Egizi, Assiri, Babilonesi, Arabi, Persiani), sia presso i Greci e i Romani… Nella forma più semplice, il sandalo è la calzatura ordinaria di religiosi, e in particolare dei frati francescani e cappuccini”. Una prima versione di sandalo, nello specifico infradito, risale a oltre 3500 anni fa e se ne ha notizia dall’Antico Egitto. Erano calzature designate agli uomini più potenti, solo faraoni e sacerdoti potevano portare calzari in cuoio o papiro intrecciato. Con il passare dei secoli, il sandalo si è diffuso sempre di più arrivando fino ai giorni nostri.

Come e quando indossare i sandali

Per molto tempo i sandali sono stati considerati un accessorio fuori moda, soprattutto per l’immediata connessione con i turisti nord europei, che si ostinavano a portarli, in vacanza, con l’immancabile calzettone di spugna bianco. Oggi i sandali maschili sono tornati di moda e hanno iniziato a varcare le passerelle. Rappresentano una soluzione per gli outfit estivi, sia al mare sia a spasso per la città. Lo dimostra il successo planetario di Birkenstock, che da sandalo ortopedico (la cui origine risale al 1774) è passato a icona con il modello Madrid in suola di lattice e sughero con plantare sagomato e cinturino con fibbia che copriva trasversalmente le dita dei piedi.

Un modello che poi è stato interpretato dai più importanti fashion designer, da Phoebe Philo e Riccardo Tisci fino a Rick Owens. Oggi i sandali iconici del brand sono disponibili in tantissime varianti di colore e pattern, come il camouflage che si estende su straps e suola. Non solo comfort, Birkenstock presta più attenzione al design con la capsule di sandali con il velcro a una fascia e il modello Rotterdam a due fasce. Di natura più tecnica e uso sportivo i sandali Teva, marchio nato dall’intuizione di Mark Tatcher, uno studioso di geofisica, che mentre lavorava come guida per un’attività di rafting, si rese conto della mancanza di una calzatura che potesse garantire una perfetta aderenza sulle superfici bagnate e al tempo stesso assicurasse leggerezza e comfort a chi la indossava.

L’idea, semplice ma geniale, fu quella di abbinare ai tradizionali sandali infradito un’allacciatura alla caviglia, che impedisse al piede di scivolare e lo mantenesse sempre in una posizione idonea per evitare gli infortuni. Da qui sono nate una serie di calzature pensate per tutti gli uomini che amano dedicarsi attivamente allo sport, come gli appassionati di trekking, mountain bike e walking.

I modelli Teva sono stati rivisti da alcuni brand, come Valentino, che li ha trasformati in sandali urban per attraversare la città con semplici cinturini in velcro con logo VLTN da abbinare con camicia leggera e shorts sartoriali. Per scegliere e abbinare il sandalo bastano poche avvertenze da tenere a mente, per evitare cadute di stile. Di sicuro in estate l’abbinamento sandalo e pantaloni corti è un’accoppiata vincente, un binomio perfetto per un look casual da città o da mare. I pantaloni possono avere una lunghezza variabile a seconda del fisico e dei gusti, mentre il modello di sandalo scelto condiziona il tipo di shorts o pantaloni da indossare.
valentino-black-garavani-vltn-sandals-1533890684

L’idea, semplice ma geniale, fu quella di abbinare ai tradizionali sandali infradito un’allacciatura alla caviglia, che impedisse al piede di scivolare e lo mantenesse sempre in una posizione idonea per evitare gli infortuni. Da qui sono nate una serie di calzature pensate per tutti gli uomini che amano dedicarsi attivamente allo sport, come gli appassionati di trekking, mountain bike e walking.

I modelli Teva sono stati rivisti da alcuni brand, come Valentino, che li ha trasformati in sandali urban per attraversare la città con semplici cinturini in velcro con logo VLTN da abbinare con camicia leggera e shorts sartoriali. Per scegliere e abbinare il sandalo bastano poche avvertenze da tenere a mente, per evitare cadute di stile. Di sicuro in estate l’abbinamento sandalo e pantaloni corti è un’accoppiata vincente, un binomio perfetto per un look casual da città o da mare. I pantaloni possono avere una lunghezza variabile a seconda del fisico e dei gusti, mentre il modello di sandalo scelto condiziona il tipo di shorts o pantaloni da indossare.
05-1533889488

Star del jet set internazionale le scelgono come scarpe estive e vacanziere, personaggi come Salvador Dalì e Grace Kelly. Nel 1972 grazie alla collaborazione con Yves Saint Laurent, viene disegnato il modello femminile con la zeppa, una tappa che segna il successo della scarpa in tutto il mondo. Oggi le espadrillas sono proposte in mille varianti, dalle più classiche con gamma di colori brillanti, a quelle in camoscio traforato di Bottega Veneta rinforzate con suola in gomma; canvas e cotone nei modelli di Riviera che le propone con suole rivestite in pelle e colori che evocano lo stile della Costa Azzurra degli anni 50.

Nella rivisitazione dei classici le espadrillas di Thomas Mennell sono in camoscio dai colori intensi, suola rinforzata e nappino per aggiungere un twist imprevisto. Tra i modelli più modaioli quelli con stampe di Gucci o in morbida pelle scamosciata nera e occhi monster di Fendi, che alla suola di iuta ha aggiunto uno strato di gomma per affrontare al meglio le strade della città o la spiaggia.

Quando indossare le espadrillas
gettyimages-697974262-1533889442

Il primo consiglio per l’abbinamento delle espadrillas maschili è quello di indossarle, soprattutto se di colore chiaro o neutro, sotto un pantalone scuro, anche gessato, purché lasci la caviglia scoperta. La camicia bianca è d’obbligo se vi state preparando a una serata elegante, se preferite uno stile più casual, invece, optate per una semplice T-shirt. Naturalmente, quando si parla di abbinamento, non ci si riferisce soltanto ai modelli e ai colori degli abiti da accostare alle vostre scarpe, ma si tratta anche di capire quali tipi di corporatura siano più adatti al tipo di scarpa che stiamo considerando.
L’uso delle espadrillas è sconsigliato, infatti, a tutti coloro che hanno caviglie robuste. Per gli amanti dei colori accesi, le espadrillas sono le scarpe perfette per esprimere la propria creatività. Abbinarle non è affatto difficile: un semplice jeans metterà in risalto il colore scelto. Le espadrillas con i pantaloni più corti, come i bermuda, sono perfette per ottenere un look casual. Anche in questo caso la camicia serve a dare un po’ di charme in più, soprattutto se si vuole evitare il cosiddetto stile da spiaggia.

gettyimages-973467372-1533889550
Per i più sportivi basta una polo colorata per completare l’outfit all’insegna della praticità. Non bisogna tralasciare nemmeno il materiale con cui le vostre espadrillas sono confezionate, pelle o suede saranno indispensabili per avere un look più ricercato, mentre per il tempo libero e i look più casual date libero sfogo con denim o canvas.

®Riproduzione riservata

SUMMER WORKOUT

L’abitudine di abbandonare l’allenamento durante l’estate è una pratica diffusa ma molto sbagliata. In questo periodo il riposo e la maggiore quantità di tempo da dedicare al nostro corpo è più ampia e proprio per questo sarebbe opportuno ripassare con un ritrovato livello di concentrazione alcuni degli esercizi base che siamo abituati a svolgere nelle palestre durante l’anno con accortezza e precisione.
Il trainer Alessandro Demaria ci spiega come perfezionare 2 esercizi molto noti, il piegamento sulle braccia e la trazione alla sbarra per ottenere il massimo del beneficio e restare in una forma impeccabile anche durante le vacanze:
Piegamento sulle braccia (Push up)

Un grande classico che può essere utilizzato come riscaldamento prima di altri esercizi per il petto oppure come allenamento a corpo libero da fare almeno 10 volte per 4 serie tenendo ben presenti queste indicazioni: Le scapole sono in protrazione completa, ad ogni ripetizione il naso deve toccare a terra e infine mantenere la retroversione del bacino per tutta la durata del movimento.

Trazione alla sbarra (Pull up)

In questo caso è importante mantenere una depressione e retrazione delle scapole. Distendere le braccia ad ogni ripetizione e toccare sempre la barra con lo sterno. 4 serie per 6/8 ripetizioni.

®Riproduzione riservata

3 WELLNESS DESTINATIONS

Dopo mesi di sforzi per raggiungere le vacanze in perfetta forma, accade che una volta raggiunte le destinazioni delle ferie, i più passano le giornate in beato ozio fra cene luculliane, gelati king size e fuoripasto a tutte le ore. Per evitare gli “eccessi da vacanza” sempre più strutture, in ogni parte d’Italia, offrono pacchetti integrati che prevedono, oltre al soggiorno, una serie di attività sportive da svolgere all’aria aperta a contatto con la Natura abbinate a “menù benessere”.

Per rimanere in forma in montagna cambiando ogni giorno attività c’è Movimënt, un comprensorio in Alta Badia (Bolzano) nel cuore delle Dolomiti. Si tratta di un’isola verde, a 2000 metri di altitudine, raggiungibile solo dagli impianti di risalita, dove fare arrampicate il freeclimbing, il parapendio fino allo speed hiking, il trick ski, lo slackline e il tiro con l’arco. L’Alta Badia ha una forte tradizione culinaria, infatti, è l’area geografica più piccola d’Europa con la più grande concentrazione di ristoranti stellati. In appena 7 km, si trovano un 3 stelle Michelin, il St. Hubertus a San Cassiano, La Siriola (2 stelle) sempre a San Cassiano, e La Stüa de Michil (1 stella) a Corvara. Per chi preferisce il mare la meta che mette d’accordo benessere e gola è Borgo Egnazia, a Savelletri di Fasano (Brindisi). Qui, oltre al golf che si pratica sul campo da 18 buche, si trovano delle offerte molto particolari. Una è Fùre che si pratica all’aperto e prevede attività a contatto con l’ambiente circostante. Così si saltano i muretti a secco, ci si arrampica sulle piante d’ulivo, si gioca a ping pong o si prova un numero di giocoleria. In mezzo alle colline toscane ma con vista sul mare c’è la Tenuta La Badiola nel cuore della Maremma Toscana, a 7 Km da Castiglione della Pescaia e dalla costa tirrenica. Già residenza estiva del granduca di Toscana Leopoldo II di Lorena (si può dormire nella sua camera situata ne L’Andana) oggi è un resort 5 stelle dove si può scegliere fra mille attività che vanno dal golf all’equitazione, allo yoga. Oltre ai piatti “healty”, dalla cucina dello chef stellato Enrico Bartolini, escono i dolci pensati per completare i percorsi benessere della Spa Espa. Infatti a ogni specifico programma nella Spa sono abbinati una particolare torta o mousse e speciali tè o infusi a base di erbe, che agiscono in maniera complementare al trattamento. Un percorso benessere in grado di appagare e coinvolgere tutti i sensi.

®Riproduzione riservata

SOS SCOTTATURE

Eritemi e scottature in estate sono dietro l’angolo. Nel caso di arrossamenti più gravi per correre ai ripari bisognerà utilizzare anche creme a base di cortisone, se invece gli arrossamenti sono comuni le regole a fine giornata sono semplici: lavare con acqua fresca la zona interessata e abbondare nell’idratazione con alcuni prodotti che contengono agenti lenitivi. Ecco una selezione dei migliori doposole assolutamente da avere.

®Riproduzione riservata

THE RETURN OF MORCHEEBA

The British pioneers of ‘90s trip-hop are back with a new album, Blaze Away .

INIZIAMO CON IL NOME: COSA SIGNIFICA BLAZE AWAY?
Probabilmente sai che Morcheeba in gergo significa “più marijuana” e a Londra, se qualcuno ti chiede se può rollarsene una la risposta è questa e il senso è “certo fai pure”.

L’ALBUM VEDE ANCHE ALCUNE IMPORTANTI PARTECIPAZIONI, CE LE RACCONTATE?
Ci piace collaborare con personaggi e artisti diversi, non ci poniamo limiti. Abbiamo con noi il rapper inglese Roots Manuva, ospite della title-track ‘Blaze Away’, il cantautore e musicista francesce, Benjamin Biolay, canta con noi in ‘Paris Sur Mer’. Mentre in ‘Summertime’, disinvolto pezzo pop arricchito da richiami , è impreziosito dalla scrittura di Kurt Wagner dei Lambchop. La sezione di ottoni degli Zion Train è ospite ancora una volta – c’erano anche in “Big Calm” – nella track di ‘Love Dub’.

COME PENSATE CHE LA BAND SI SIA EVOLUTA DALL’INIZIO?
Nelle prime registrazioni, eravamo timidi e la nostra musica un po’ acerba. Ora il nostro suono è diventato meno impostato. Abbiamo aggiunto più di un tocco grezzo come ad esempio usando la batteria live in alcune tracce, piuttosto che usare battiti programmati.

CHE TIPO DI STILE MUSICALE RITENETE RAPPRESENTI LA VOSTRA ESTETICA MUSICALE?
È difficile scegliere un solo stile perché ci piace sempre mescolarlo, passando dal trip hop al rock psichedelico, passando per il blues, il country e il soul. Fino al rap che ora impazza.

PARLIAMO DI MODA. QUAL È IL VOSTRO STILE, IN PARTICOLARE SUL PALCO?
Skye: “disegno e cucio tutti i miei vestiti per il palcoscenico. Le collezioni che creo s’ispirano agli album che creiamo. Quindi sì, penso che corrisponda. Ross è molto vicino a un look più sportivo del mio, da qualche accenno rude boy dei primi tempi, fatto di polo jeans e anfibi, ha attraversato un periodo in cui usava camicie stampate microfantasia e jeans più slim in stile 70. Ora anche per le foto dell’album abbiamo optato per look monocromatici, io in bianco, lui con giacca sahariana con collo alla coreana, piuttosto che un abito couture nero per me che si accompagna a un look più combat e militare per lui. Per il lancio dell’album indosserò un abito da me realizzato interamente con le mitiche zip YKK, nostro partner di lancio e anche Ross, che non vuole dire nulla al momento, sta pensando a qualcosa.”

Screenshot 2018-08-13 12.31.33
QUALI SONO I TUOI PROSSIMI PROGETTI? OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE?
Mi sto davvero godendo il tour in questo momento, promuovendo Blaze Away. Abbiamo viaggiato per la prima volta in Sud Africa, che è stata un’esperienza incredibile, siamo riusciti a fare un safari e a vedere gli animali. Abbiamo anche visitato per la prima volta il Marocco. E presto suoniamo in Israele per la prima volta. Ci sono così tanti altri posti in cui vorremmo andare come ad esempio l’Islanda e il Giappone.

QUALCHE VIDEO MUSICALE IN PREPARAZIONE?
Stiamo lavorando ad alcune idee per il prossimo singolo che si chiama ‘It’s Summertime’. È una canzone molto brillante e positiva, con la promessa di un momento di romanticismo. Ci piacerebbe che il video non fosse un video ovvio e solare ambientato in spiaggia.

COSA NE PENSATE DEI SOCIAL MEDIA E COME LI USATE?
Abbiamo creato una nuova pagina Instagram dedicata ai fan chiamata#MorcheebaMobsters, un modo per far vedere cosa facciamo ed entrare in contatto con i fan direttamente. Le nostre pagine personali non hanno una vera strategia e in generale non ci piace condividere troppo della nostra vita personale.

AVETE SCELTO DI PUBBLICARE UN’EDIZIONE LIMITATA IN VINILE, PENSATE A UN REVIVAL DEI VINILI?

Il vinile è stato popolare, certamente nel Regno Unito, per un certo numero di anni. Puoi persino comprarlo nei grandi supermercati. Era popolare averlo come opera d’arte per incorniciare anche i dischi delle proprie icone, ma ora le persone stanno effettivamente tornando ad apprezzare il suono, ci sono locali a Londra dove puoi ascoltare e ballare sulle note della sola musica analogica. È una bella esperienza organica ascoltare il vinile. Ed è bello possederlo fisicamente, come un oggetto prezioso, anziché ascoltare musica semplicemente in streaming.

QUI IN ITALIA “ROME WASNT’ BUILT IN A DAY” È STATA UN SUCCESSO. CI RACCONTATE COSA VI HA ISPIRATO?

Per fare qualcosa di bello ci vuole tempo. Dal creare fisicamente qualcosa, fino a costruire una relazione, che sia di amore o di amicizia, non cambia, ci vuole tempo e dedizione. Da un semplice proverbio volevamo lanciare un messaggio ben preciso: in un mondo che correva (e che corre) prendetevi il tempo per coltivare ciò a cui tenete di più, e sarete ripagati.

COSA NE PENSATE DELLA BREXIT? COME SI STA VIVENDO NEL REGNO UNITO?
Adoriamo vivere nel Regno Unito. È incredibilmente deludente che non restiamo nell’Unione europea. Non ci sono parole.

Screenshot 2018-08-13 12.26.07

QUAL È L’ESSENZA DELLA FELICITÀ PER VOI?
Essere umili, essere in grado di godersi le cose semplici della vita e apprezzare le piccole cose. E apprezzando ciò che hai, concentrandoti sul positivo. Ogni giorno.

®Riproduzione riservata

ALL ABOUT VODKA: 3 SUMMER DRINKS

Scopriamo tre drink suggeriti da Maurizio Stocchetto del Bar Basso, che interpreta per MANINTOWN Mama Vodka, la vodka scandinava fondata da Pauline Birch, una giovane donna di Copenhagen che adora il cibo, i drink e la vita sociale. Spirito nordico anche nel design della bottiglia in puro cristallo con la scritta in rosso.
A Milano il Bar Basso è da sempre un luogo di riferimento per la moda e il design: Maurizio Stocchetto, il figlio dell’inventore del Negroni Sbagliato, nato da per errore nei primi anni settanta quando il padre Mirko, preparando un Negroni a un cliente al banco, ha usato lo spumante al posto del gin. Maurizio, che porta avanti la tradizione dello storico locale, ha scatenato la sua fantasia con tre cocktail tutti a base Mama vodka.

Screenshot 2018-08-13 12.12.29

 

®Riproduzione riservata