DISARONNO WEARS TRUSSARDI: LA LIMITED EDITION 2018

Siamo arrivati alla sesta edizione delle collaborazioni Disaronno, è infatti dal 2013 che il liquore italiano più venduto al mondo presenta a collezionisti e amatori una bottiglia in collaborazione con i brand dell’alta moda italiana.
Abbiamo avuto il piacere di ammirare la storica bottiglia in vetro martellato decorata con i cuoricini di Moschino, il baroccato di Versace, il motivo paisley di Etro, lo storico zig zag stripes di Missoni e, quest’anno, l’inconfondibile texture di Trussardi che incontra il monogramma Levriero.
Le collaborazioni Disaronno uniscono due dei simboli del lifestyle italiano (fashion & beveraggi) portando in alto la nostra tradizione in Italia e all’estero.

“La Limited Edition rappresenta da anni un momento clou per la visibilità del nostro marchio”, commenta Augusto Reina, Amministratore Delegato di Illva Saronno Holding. “Disaronno è apprezzato in tutto il mondo come un simbolo dell’Italian Style e siamo orgogliosi di presentarci quest’anno con una veste particolarmente raffinata ed elegante che riflette pienamente il nostro animo contemporaneo”.

“La storia di Trussardi è fatta di innovazione, scoperta, contaminazione. Vestire l’iconica bottiglia Disaronno, oltre a consolidare il legame fra due aziende che rappresentano l’italianità nel mondo, va a sottolineare ancora una volta che Trussardi continua a essere un brand lifestyle a 360 gradi” replica Tomaso Trussardi, Amministratore Delegato dell’omonima azienda.

A cavallo con le festività di fine anno, l’edizione limitata sarà disponibile in due diverse confezioni mignon, entrambe composte da tre bottiglie in formato mini da collezione.
Non sapete come accogliere i vostri ospiti per le cene natalizie? Un Disaronno sparkling è quello che fa per voi, un cocktail semplice ma efficace composto da una parte di Disaronno, tre di prosecco e decorato con un rametto di ribes.


®Riproduzione riservata

ALLENARSI COME CASSIUS CLAY DA AUDACE MILANO

Dopo il successo di Londra e New York, arriva anche a Milano Clays, una tipologia di allenamento ispirata alla boxe che scopriamo presso Audace Palestre Milano Repubblica. Il nuovo corso di gruppo ideato da Ciro Santucci, Ceo delle palestre Audace Milano trae ispirazione dal pugilato (deve infatti il suo nome al celebre pugile) ma è aperto a tutti perché in realtà non richiede specifiche competenze sugli sport da combattimento.  Sacchi e pungiball sono gli strumenti del nostro allenamento, contengono fluidi per rendere l’esercizio più sfidante e l’impatto meno traumatico. L’atmosfera è accattivante perché ci si muove con playlist create su misura e un sistema di luci studiato ad hoc che accompagna i nostri esercizi.

Questo corso è perfetto a fine giornata per scaricare le tensioni e rappresenta allo stesso tempo un valido allenamento a circuito. Dal pugilato infatti sono stati selezionati i movimenti più intensi, come saltelli, chassé, ganci e montanti al sacco organizzati in piccole sequenze alternate di esercizi, ad esempio 3 minuti al sacco o 3 di allenamento funzionale con un successivo minuto di recupero. Tutto questo lo rende un ottimo workout cardiovascolare che garantisce anche un notevole dispendio calorico.

Oltre a Clays, da Audace troviamo la sala training per il bodybuiliding, un’area cardio animata da dj set e varie “fitness boutique” dedicate esclusivamente a una specifica tipologia di attività come cycling, yoga, pilates. Infine attraverso la app del club verranno registrate tutte le informazioni sul nostro training, dal tipo di esercizi svolti fino al numero di lezioni frequentate. Così si potranno monitorare progressi, risultati raggiunti e vedere i punti acquisiti direttamente dallo smartphone accedendo a un programma di vantaggi per i soci più fedeli e a sconti sul nostro abbonamento. Mai come in questo caso allenarsi ripaga, anche il nostro portafoglio!

 

®Riproduzione riservata

 

THE BEAUTY LOCKER: NICOLA SURBERA

Quello della barba è un trend che non conosce crisi e proprio adesso che ci avviciniamo all’inverno è importante scegliere la giusta strategia per prendercene cura. Del resto, è un accessorio fondamentale per il look maschile. Ne parliamo con Nicola Surbera, influencer romano ma ormai adottato da Milano, che tramite instagram e il suo blog Mensbeauty si rivolge all’universo maschile dandoci sempre consigli e nuovi spunti.

 

 

Come ti prendi cura della tua barba?

Per quanto riguarda la forma e lo stile tendenzialmente vado dal barbiere, nello specifico da Barberinos dove si occupano a 360 gradi di tutto il rituale.  A casa da solo prolungo i benefici del barbiere usando sempre dell’olio e lo faccio dopo la doccia . In generale è importante preparare la pelle con vapore e procedere con la rasatura in ambiente umido . Inoltre consiglio sempre di fare la barba la sera perché trovo la pelle più rilassata, sia che si proceda con una rasatura totale  sia con regolazione.

Prodotti che consigli per la rasatura?

Sicuramente l’olio di Depot che trovo molto fresco e adatto alla pelle sensibile, Lab Series e infine Morgan’s che è un brand molto di nicchia mentre come schiuma da barba il classico sapone da barba Proraso. Rasoi: Trimmer wahl, o le lamette di Boldking.

Questa stagione barba lunga o corta?

Le barbe lunghe hanno raggiunto l’apice lo scorso anno e al momento questo stile è abbracciato solo da una nicchia ristretta, questa stagione andranno senz’altro le barbe corte e i baffi lasciati al naturale dato l’influsso della moda che trae ispirazione dagli anni 70 e 80.

Quali barbieri consigli a Milano o fuori per concedersi un rituale da vero gentleman?

Argagn a Brescia, un bellissimo salone vintage che oltre al barbiere prende forma come punto d’incontro di persone, storie e prodotti diventando barberia, bistrot e negozio. Un vero concept store. A Milano invece L’antica barbieria Colla davvero iconica ma anche Bullfrog il primo che ha aperto le strade dei barber shop.

 

Parlando invece di skincare, essenziali contro il freddo?

Sono fondamentali i lip balm per le proteggere le labbra. Consiglio Kiehls, il nuovo Boy di Chanel e Mediterranea. Altro essenziale è la crema mani come quella di Uriage e infine immancabile una buona crema idrante, in questo caso Cerave, Darphin e la nuova linea di Dermalogica.

Devi partire per un viaggio breve, cosa porti assolutamente nel tuo beauty?

Scelgo le mini taglie di tutti i miei prodotti preferiti, non saprei rinunciare a nulla. Il profumo invece può cambiare rispetto a quello quotidiano, o uso travel size e ne porto con me diversi, oppure mentre viaggio mi trovo bene con i profumi di Montale.

 

®Riproduzione riservata

MACAN MUSIC WALL: LA MUSICA E’ UN VIAGGIO INFINITO

È uno dei più importanti appuntamenti musicali dell’anno in quella che, per una settimana, sarà la capitale italiana della musica. Succede dal 19 al 25 novembre con Milano Music Week, sette giorni di incontri, concerti, mostre, open day, formazione, con la musica come protagonista assoluta.
Per l’occasione è l’opera di arte pubblica di Porsche Italia ispirata alla nuova Macan ad essere stata scelta per inaugurare la Milano Music Week. Con il suo straordinario impatto visivo, Macan Music Wall parla il linguaggio delle emozioni attraverso la musica. Perché “Music is a neverending journey” a bordo della nuova Porsche Macan.

Nel primo giorno dell’evento, lunedì 19 alle ore 12.00, questo grande happening verrà inaugurato in via Troilo, in zona Navigli, proprio di fronte al Macan Music Wall – “Music is a neverending journey”, il murale di 400 metri quadri che Porsche Italia ha voluto regalare alla città di Milano dedicandolo all’universo della musica, con un viaggio virtuale attraverso i generi e gli strumenti musicali. Lo ha fatto prendendo spunto dalla nuova Macan, un’auto che rappresenta la libertà di vivere fino in fondo le proprie emozioni. L’opera, realizzata dal collettivo di artisti Orticanoodles, vede come soggetto principale un cuore umano, simbolo di vita e di emozioni, posto al centro di un cosmo fatto di musica. È dal cuore che, come in una mappa stellare, partono le suggestioni, i flussi, le tendenze, ed è intorno ad esso che ruotano pianeti, che rappresentano i diversi generi, e vivono le costellazioni, disegnando gli strumenti musicali e i simboli della community che la musica crea.
La spettacolarità dell’opera, che arricchisce la parete interamente ripristinata di un palazzo nel cuore della movida milanese, non si esaurisce nella rappresentazione artistica piena di forme e colori che si può ammirare alla luce del giorno: l’utilizzo di speciali vernici fluorescenti rende l’opera visibile anche nel buio della notte, dove la sua essenza onirica si esprime con l’intensità e la magia di un cielo stellato.
La musica come viaggio infinito non è solo il titolo del murales. Per vivere un’esperienza artistica assoluta, sul canale Spotify di Porsche Italia è possibile accedere all’esclusiva playlist “Music is a neverending journey”.

 

®Riproduzione riservata

L’OROLOGIO COME ELEMENTO DI STILE

L’orologio uomo negli ultimi anni è divenuto un vero e proprio accessorio che completa l’outfit: elemento di stile, eleganza e di cura dei dettagli, gli orologi sono un regalo di qualità e di gran classe per una persona speciale, un amico, un marito/compagno ma anche un regalo aziendale di grandissimo pregio.

Molti business men ed intenditori prediligono acquistare o farsi regalare lussuosi orologi da collezione, e indossare orologi di lusso adatti per ogni occasione o evento. Scopriamo in questa guida come scegliere l’orologio che valorizza l’outfit di ogni manager e uomo d’affari.

Orologi di lusso: come sceglierli?

Sia che si tratti di accessori da collezione uomo che di orologi per uso quotidiano o da lavoro, in ogni caso il loro valore è giustificato proprio dai dettagli stilistici e dall’accuratezza nella lavorazione dei maestri orologiai.

Qualità, innovazione tecnologica, precisione ingegneristica e maestria artigianali sono i fattori competitivi che rendono gli orologi di lusso delle vere e proprie “opere da collezionare”.

orologio montblanc sportivoOrologi automatici o al quarzo? All’interno della nicchia del luxury, si può optare per l’acquisto di un orologio automatico che si ricarica con un semplice movimento del braccio o della mano, mentre quelli al quarzo necessitano della batteria che fornisce l’energia sufficiente per funzionare. Altrimenti, si può optare anche per quelli manuali meccanici, che devono essere caricati ogni giorno.

Chiarite le differenze e scelta la tipologia che meglio soddisfa le proprie esigenze, è bene valutare la componente qualitativa che assume un ruolo rilevante e determinante nella selezione del giusto orologio di lusso da collezionare o da farsi regalare.

Il brand è un’altra variabile a cui assegnare un peso non indifferente: ci sono tantissimi marchi di lusso specializzati nella produzione di orologi raffinati che si distinguono per la cura dei dettagli, per la scelta dei materiali, per l’ingegneria e l’innovazione tecnologica.

Gli orologi di lusso targati Montblanc

Tra i vari brand di lusso specializzati nella produzione di orologi uomo, gli orologi automatici del noto brand Montblanc sono dei “gioiellini” da collezionare, da indossare in ogni occasione, e a seconda dell’outfit indossato.

Dal completo con giacca color navy al mocassino, dal jeans alle sneaker, gli orologi automatici Montblanc fanno la differenza e mettono in risalto la propria personalità audace.

Si tratta di veri e propri accessori senza tempo, realizzati a mano dagli abilissimi maestri artigiani svizzeri. A partire dai singoli componenti, ogni orologio Montblanc viene assemblato con cura e con la massima attenzione ai dettagli stilistici.

Grazie al movimento del braccio o della mano, gli orologi automatici si ricaricano automaticamente e non necessitano di alcuna batteria, a differenza di quelli al quarzo.

Si tratta di un complesso meccanismo che si accompagna, in ogni caso, alla ricercatezza e alla raffinatezza estetica: gli orologi automatici Montblanc si distinguono per il loro design unico e prezioso, e sono adatti per ogni outfit formale e sporty chic.

Per un outfit di tendenza, gli orologi della TimeWalker Collection sono un vero accessorio di lusso da valutare attentamente; chi ricerca un modello minimal, potrà optare per la serie Montblanc Star Classique Collection.

 

®Riproduzione riservata

4 BEANIE PER L’AUTUNNO INVERNO 2018

Il berretto di lana è ideale in autunno per dare al vostro outfit quel touch di stile in più, oltre a tenervi al riparo dal clima incerto di queste giornate. Ecco la nostra selezione dei modelli dalle collezioni Fall-Winter 2018.

Ce n’è per tutti i gusti: dal modello con pompon a quello con logo, per aggiungere un dettaglio ricercato al vostro look.

RAF SIMONS
Berretto con logo.

PRADA
Berretto con applicazione frontale con logo.

GUCCI
Berretto lavorato a maglia.

MARCELO BURLON
Berretto con pompon.

®RIPRODUZIONE RISERVATA

BEAUTY ALERT: BOY DE CHANEL

Se già qualche tempo fa, il designer Marc Jacobs aveva lanciato il trend dello smalto, bisogna sottolineare che attualmente sono molti i marchi beauty di ogni fascia di prezzo che si stanno inserendo in questo segmento emergente. Da questo mese arriva sull’e-commerce italiano  e da Gennaio nelle Fragrance & Beauty Boutique della maison BOY DE CHANEL, una collezione di “soft make up” che accompagna gli uomini nella loro routine quotidiana per un’immagine più curata ed una maggiore fiducia in se stessi.

Con un packaging blu notte dal design essenziale la linea racchiude tre prodotti: il fondotinta Le Teint, il balsamo labbra Le Baume Lèvres e la matita per le sopracciglia Le Stylo Sourcils (utile anche per riempire i difetti della barba). Il fluido colorato (disponibile in 8 tonalità), invisibile all’occhio e al tatto, è pensato per rivitalizzare il colorito del viso e correggere le imperfezioni, oltre che idratare la pelle con una formula a base di estratto di kalanchoe antiossidante e un fattore di protezione solare Spf 25. Il balsamo labbra in stick, invece, idrata e ammorbidisce le labbra con olio di jojoba e burro di karité garantendo un effetto opaco che lo rende invisibile.

La collezione ha già spopolato in  Corea del Sud, paese pioniere in questo frangente dove il make-up maschile è ormai pienamente accettato. Ulteriore conferma che la bellezza non è una questione di genere, ma di stile.

 

®Riproduzione riservata

 

CHRISTIAN LOUBOUTIN LANCIA LA SUA PRIMA COLLEZIONE DI CINTURE

Non solo scarpe e borse, per la spring/summer 2019 la prestigiosa maison francese Christian Louboutin amplierà la sua gamma leather goods anche alle cinture uomo.
La prima collezione belt comprenderà quattro diverse categorie di cinture interamente prodotte in Italia. Louboutin è pronto a sbarcare su uno degli accessori più importanti dell’outfit maschile, e per l’occasione propone dei prodotti adatti a qualsiasi stile, che sia esso business casual, urban o formale.

Ricky Design: disponibile in tre diverse finiture, back rust gold, black red e black incarna a pieno l’anima Louboutin grazie alla firma a mano, agli iconici strass tono su tono e alla pelle rossa, da sempre rappresentativa del brand.

Etarnalou style: una cinta adatta a tutte le occasioni, è disponibile in black e brown ma la vera novità sta nella fibbia, dalle ipnotiche forme metalliche in rosso o argento.

Louis Style: Una vera e propria celebrazione alle scarpe che hanno fatto la storia della maison. Le Louis sono anche le prime sneakers disegnate da Christian Loubuotin. La fibbia è adornata dai celebri spikes e le piccole curve metalliche, che insieme al pellame raffinato costituisce un accessorio must have del gentleman Louboutin, rigorosamente da abbinare alle Louis sneakers.

CL Logo: semplice, classica e logata. L’elegante design della fibbia è perfetto per un look forte, la cintura è reversibile da rosso a nero e altri colori. Un accessorio semplice che donerà ai vostri outfit quel qualcosa in più.

La collezione sarà disponibile da dicembre 2018.

®Riproduzione riservata

YATCH DA SOGNO: LE NOVITA’ DI FERRETTI GROUP

Da 50 anni Ferretti Group è un punto di riferimento per la nautica di lusso e non solo. Un nome che è entrato nell’immaginario collettivo, grazie a modelli memorabili spesso associati a icone di stile come Brigitte Bardot, che in Costa amava dare gas al suo Riva, o Sean Connery, che tre anni dopo avere rinunciato al ruolo di 007 acquistò lo storico modello Rudy.

Riva, è solo uno dei marchi del Gruppo, insieme a Ferretti Yachts, Pershing, Itama, Mochi Craft, CRN e Custom Line, che è stato definito la “Rolls Royce del mare“, per l’incredibile attenzione e cura del particolare, esclusività del design e costante innovazione di prodotto. Non a caso i modelli Riva sono protagonisti sin dai tempi della Dolce Vita insieme a personaggi del jet set internazionale, come Anita Ekberg (che possedeva un Tritone con tappezzeria zebrata), Elizabeth Taylor, Richard Burton, fino a Jean-Paul Belmondo, Kirk Duglas, Roger Vadim George Clooney.

In particolare i modelli Riva sono stati utilizzati spesso in film di grande impatto, da pellicole storiche come Mambo (1954), dove a bordo di un Ariston ci sono gli splendidi e tenebrosi Vittorio GassmanSilvana Mangano e Michael Rennie, passando per film d’azione come Indiana Jones e l’ultima crociata, e più recentemente Ocean’s Twelve e Golden Eye, interpretato da Pierce Brosnan, che per la prima volta veste i panni dell’agente segreto.

 

Una storia costellata di successi che si rinnova ogni anno, come dimostrano le novità presentate a Cannes e al Monaco Yacht Show, dove hanno debuttato due nuovi modelli: Riva 110’ Dolcevita e Riva 66’ Ribelle. Il primo è caratterizzato da un profilo supersportivo e da un design impreziosito da vetrate sagomate e inserti cromati, Riva 110’ è paragonabile a un lussuoso loft, aperto da ogni lato sul mare, capace di offrire al suo interno 270°di visibilità assoluta grazie a vetrate a tutt’altezza. Oltre all’innovativa struttura “spider frame”, una delle principali particolarità del modello risiede nella totale vivibilità degli spazi: le aree esterne di flybridge e prua sono infatti collegate tra loro e creano così un “infinity deck” di circa 34mq di aree conviviali da estrema poppa a estrema prua, in un’unica soluzione di continuità.

Riva 66’ Ribelle, ultimo capolavoro Riva contraddistinto da una dichiarata volontà di uscire dagli schemi abituali, introduce nuovi elementi sia estetici, sia funzionali e si connota per l’utilizzo dei materiali pregiati tipici della tradizione del cantiere, come il mogano e l’acciaio inox. Ma le novità non finiscono qui. Proprio sulla Croisette di Cannes Ferretti Group ha presentato altri importanti modelli: Ferretti Yachts 670, Custom Line 120’, Custom Line Navetta 42, première affiancate da una flotta di ben 25 modelli. Una strategia precisa, che ha riscontro anche nei numeri in crescita con ricavi pari a 420 milioni di Euro, (+22% rispetto allo stesso periodo del 2017), come spiega l’Amministratore Delegato Alberto Galassi: “Mai come in questo momento il successo è di chi si muove veloce nello sviluppo di novità e tecnologie d’avanguardia, e il mercato oggi guarda con sempre maggiore interesse agli yacht di grandi dimensioni. È proprio nel segmento delle navi da diporto, che stiamo investendo capitali, risorse, e tutto il nostro know how per consolidarci come punto di riferimento mondiale per eccellenza e design”.

Non a caso Ferretti Group ha vinto ben sei premi ai World Yachts Trophies 2018 di Cannes dove sono stati premiati per lo stile, il design e le novità tecnologiche Ferretti Yachts 670, Riva 66’ Ribelle, Riva 110’ DolceVita, Custom Line 120’, Custom Line Navetta 42 e Pershing 9X. Tra i nuovi nati della serie planante ha riscosso grande successo il  Custom Line 120’ per il design aggressivo e filante e dalla forte personalità, dove si incontrano stilemi dell’automotive con quelli dell’architettura residenziale. E’ la prima barca che consente di collegare direttamente i flybridge alla zona di prua tramite dei corridoi laterali con accesso anche da controplancia, creando un unico ampio ponte di 100 mq. Navetta 42 è la più grande Navetta Custom Line mai costruita, la prima imbarcazione nella storia del marchio a superare le 300 GT. Il super yacht propone un concept di ambienti interni completamente personalizzabili che sfrutta al meglio i volumi generosi della nave. Ne risultano una migliore organizzazione dei flussi a bordo, privacy totale per l’armatore e i suoi ospiti e ampia libertà di movimento per il comandante e l’equipaggio. Uno yacht con spazi extra comfort: una vasta suite sul ponte principale è a disposizione dell’Armatore, mentre il layout del ponte inferiore prevede un allestimento con 4 VIP rooms con doppi servizi per gli ospiti. Infine CNR Latona 50 affascina per il perfetto equilibrio tra le linee filanti degli esterni, la prua slanciata, gli ampi volumi degli interni e il raffinato color azzurro dello scafo. Lo stile Liberty e i dettagli preziosi, frutto di una sapiente maestria artigianale, donano continuità a tutti ponti grazie a linee fluide e sinuose, costante stilistica che accomuna tutte le aree dello yacht. Tante novità per un Gruppo che rappresenta un fiore all’occhiello del Made in Italy.

®Riproduzione riservata