Tra i Sassi di Matera, gli artigiani da scoprire

Immersa nel panorama naturale della Murgia, Matera è stata capitale europea della cultura 2019, ed è famosa per i celeberrimi Sassi, che testimoniano l’antichissimo popolamento sin dalla preistoria, nelle grotte scavate nella roccia. Grotte che tutt’ora sono le sedi abitative della popolazione del centro storico, ma se nel Sasso Caveoso le case sono rimaste come da millenni, solo scavate nel tufo, nel Sasso Barisano alle case scavate, ristrutturazioni e ricostruzioni hanno affiancato abitazioni costruite, che hanno ampliato l’ambiente delle grotte con parti di edificio che fuoriescono, realizzati non scavando la roccia ma nemmeno costruendo ex novo, infatti vengono utilizzati blocchi di tufo che poi vengono scavati.

Matera
Matera


Matera è però anche un centro di artigianato locale tipico con tradizione secolare, conserva nei prodotti identità e storia della Lucania, producendo oggetti di uso comune e utilizzando materiali come pietra, ceramica, legno, tufo, terracotta e metalli. Antichi mestieri artigianali che si tramandano di padre in figlio come anche si tramandano i mestieri di panettiere, ortolano, vignaiolo e pasticcere.
Un artigianato tipico valorizzato dalla manifestazione Fucina Madre, giunta alla terza edizione e promossa da Apt e Regione Basilicata, che valorizza e promuove il turismo, proponendo come meta culturale l’artigianato, in una visione di turismo slow ed esperienziale, con percorsi di viaggio, eventi, laboratori, workshop, appuntamenti tematici, contenuti web e attività social dedicate.
La manifestazione si è svolta dal primo al cinque maggio, e ha coinvolto 44 artigiani lucani; oltre all’esposizione dei manufatti, l’edizione del 2024 si è arricchita proponendo concerti, mostre e conferenze come quella sul souvenir quale oggetto guida per identità, storia di un luogo e di un paesaggio.

Matera
La statua di bronzo di un artigiano di Matera

Il Bottegaccio di Mario Daddiego

Da oltre 35 anni nel cuore della città si trova il caratteristico laboratorio aperto dal maestro Dino Daddiego e condotto ora dal figlio Mario. Nel laboratorio vengono prodotti oggetti caratteristici come la pupa, una bambolina totalmente bianca, che una volta era realizzata solo in caciocavallo e veniva usata per i bambini in fase di dentizione al posto del ciuccio di plastica, oggi, invece, viene realizzata in terracotta e vestita con il tipico arberesh lucano. Altri prodotti caratteristici i presepi in cartapesta, lavori in terracotta e souvenir dei Sassi di Matera realizzati a mano. Nel 2012 il Bottegaccio ha collaborato all’allestimento del carro per la festa della Santa patrona di Matera, la Madonna SS. della Bruna, curando la realizzazione della copertura, eseguita con la tecnica della cartapesta veneziana. Il carro viene
ricostruito ogni anno e il lavoro inizia già a partire da cinque mesi prima, è lungo 14 metri e viene tirato da 4 coppie di muli, presenta stile barocco nella copertura, nelle statue dei personaggi e negli elementi decorativi. La festa patronale si svolge ogni anno il 2 luglio da oltre 600 anni, la processione, richiama migliaia di fedeli, e turisti, e alla fine della sfilata il carro viene assaltato e distrutto: il cosidetto “strazzo” che è un atto sacro, e rappresenta il costante rinnovo di tutte le cose.

Il progetto di riqualificazione Sextantio Matera

Su impulso di Daniele Kihlgren, che a fine anni Novanta, ha restaurato il borgo medievale di Santo Stefano di Sessanio trasformandolo in albergo diffuso, è stato avviato un progetto anche nei Sassi di Matera, patrimonio dell’umanità Unesco dal 1993. Sextantio Matera è un progetto culturale di recupero conservativo di 18 grotte e di uno spazio comune in un’antica chiesa rupestre del tredicesimo secolo, la Cripta della Civita dove hanno luogo tutti gli eventi di convivialità; le stanze hanno interventi di arredo ridotti all’essenziale e con mobili di costruzione locale, spesso incassati nella roccia. Il progetto ha conservato negli spazi originari le tracce del loro uso promiscuo, da quello religioso e rituale a quello di sussistenza agricola e pastorale.

le strade di Matera
Tra le strade di Matera

Le ceramiche d’Arte di Maria Bruna Festa

Maria Bruna Festa si occupa di produzione artigianale di terrecotte e maioliche artistiche e ornamentali, ceramiche tradizionali e contemporanee, manufatti unici e irripetibili, ognuno con una propria storia che la proprietaria racconta agli acquirenti che visitano la sua bottega. Non solo ceramiche tradizionali ma la produzione spazia anche a ceramiche rakù, a piatti, bicchieri e piastrelle. Maria Bruna ha partecipato
anche alla progettazione e realizzazione di un’opera collettiva con laboratori per gli alunni con produzione di 5000 formelle in terracotta, usate per abbellire pareti e colonne della scuola primaria.

Il Complesso rupestre Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci

La Chiesa rupestre di Madonna delle Virtù, inizio IX secolo d.C., è interamente scavata nella roccia e presenta un’architettura simile alle basiliche romaniche. Più volte ristrutturata negli anni, ha una forma architettonica a pianta poligonale sulla cui volta è incisa una croce e presenta affreschi del XVI secolo con la Crocifissione e altre scene religiose. Salita una rampa di scale si raggiunge il Monastero di
Madonna delle Virtù del IX secolo, completamente ricavato nella roccia e restaurato nel tempo, già sede di religiosi prima e luogo di produzione del vino poi.
Al di sopra si trova la chiesa rupestre di San Nicola dei Greci, del IX secolo in stile bizantino-orientale, affrescate con la Crocifissione, e con le raffigurazioni di Santa Barbara, San Pantaleone (XII secolo) e San Nicola (XIV secolo).

Parco Scultura la Palomba, un museo a cielo aperto

Da cava abbandonata a contenitore d’arte contemporanea, il Parco Scultura la Palomba di Antonio Paradiso si trova in un’antica cava di tufo lungo la via Appia e ospita opere gigantesche realizzate in pietra calcarea e in acciaio. Tema legante è il volo, che esprime l’amore per l’aria, per il volo degli uccelli, e nello specifico delle palombe. Anche la location è parte del museo che ospita le opere lungo un percorso all’interno della cava, ricordando l’antico mestiere dei cavatori con pareti verticali e
intagli nella pietra di calcarenite. Tra le opere principali il Mausoleo ad Icaro, il Volo, i Capricci di Paganini e l’Ultima Cena Globalizzata, esposta anche a Milano a Palazzo Reale e realizzata con alcuni resti delle Torri Gemelle.

Matera
Matera

Il ProgettoArte di Giuseppe Rizzi

Giuseppe e Vincenzo Rizzi, proprietari di ProgettoArte, partiti come artisti per caso da giovani, oggi eseguono lavorazioni artigianali del tufo, utilizzando lo scalpello a mano, per l’edilizia e il restauro, oltre alla creazione di complementi d’arredo e oggettistica per la casa. Seguono le tecniche tradizionali di Matera, ma esplorando anche le nuove tendenze dell’interior design. Lavorano il tufo, materiale duttile ma anche fragile ottenendo prodotti in vendita sul web ma soprattutto per il commercio locale.

La tradizione del Pane di Matera

Il Pane di Matera, prodotto IGP (Indicazione Geografica Protetta) dal 2008, è ottenuto mediante un antico sistema di lavorazione, utilizzato dai panificatori locali, che prevede l’uso solo di semola di grano duro. La cultura del pane di Matera è stata valorizzata anche dalla candidatura dal riconoscimento di Matera come Capitale della Cultura 2019, cultura riguardante non solo i prodotti da forno ma anche la
socialità, rappresentando un luogo d’incontro in primis per le donne. Pane che ha rappresentato per tanto tempo l’unica fonte di apporto calorico e alimentare. “Pane e niente” come cita un antico proverbio locale.

Pane di Matera
Il pane di Matera

Tradizionale è il rito dei tre tagli impressi con il coltello all’impasto, tagli che rappresentavano la Santissima Trinità, ed erano il gesto di ringraziamento per il pane quotidiano. Il pane, preparato in casa con lievito madre originato da frutta fresca in macerazione, era conservato nella parte più fresca della casa, e quindi raccolto da un garzone per la cottura nel forno nei Sassi. Il fornaio marchiava le pagnotte con un timbro in legno, recante impresse le iniziali del capofamiglia, timbro che era intagliato al momento della costituzione del nuovo nucleo familiare. I timbri sono manufatti di legno in unico pezzo di circa 20 centimetri e presentano le raffigurazioni più diverse dai rami fioriti, alla chioccia a stilizzazioni della figura femminile (simboli di prosperità), al gallo, cane e alla figura maschile (simboli invece di virilità), simboli sacri o elementi architettonici. Per evitare contatti tra le pagnotte il cornetto materano si è sviluppato in altezza, in modo da essere trasportato ed infornato senza contatti con altri pani. Le pezzature variano tra la minima di 2 kg e la massima di 5 kg, un taglio normale vista la dimensione dei nuclei familiari e la possibilità di lunga conservazione, indispensabile per il sostentamento di contadini e pastori periodi passati lontano da casa per i lavori nei campi o ai pascoli.
Piatto tipico della tradizione contadina lucana, in particolare a Matera è la cialledda, un piatto economico dal sapore rustico, nelle versioni fredda, detta anche “colazione del mietitore” ideale per la stagione estiva, e preparata con pane raffermo, pomodori, cipolla rossa e origano, cetrioli, olive e sedano, servita come antipasto o piatto unico da completare con pesce, formaggio o uova sode. La cialledda calda, invece, è un piatto preparato nelle serate invernali a base di pane raffermo e verdure di stagione, come le cime di rapa, ma anche cipolle e patate.

Panificio Perrone: il Forno di Gennaro

Aperto nel 1960 da Gennaro Perrone, oggi vede le figlie portare avanti la tradizione familiare. Dopo un intervento di restauro il forno riapre come luogo polifunzionale, unendo produzione e vendita del pane con l’incontro con clienti e fornitori, e degustazione di prodotti locali.

La storia dell’ultracentenario Amaro Lucano

Spostandosi a Pisticci si trova fin dal 1894 il famoso Amaro Lucano, invenzione di Pasquale Vena. Dopo aver lasciato un apprendistato da pasticciere a Napoli, aprì nel paese un biscottificio ed è qui che diede origine al famoso amaro mescolando 32 erbe officinali. Nel 1900 divenne famoso a livello nazionale quando divenne fornitore ufficiale della Casa Savoia, il cui stemma è raffigurato in etichetta e quindi ottenne il titolo di cavaliere. Per l’amicizia con Francesco Saverio Nitti e l’antifascismo professato cadde in disgrazia negli anni venti e trenta, ma dopo il blocco dovuto al secondo conflitto mondiale per la carenza di materie prime, negli anni ’50 sotto l’impulso del figlio Leonardo, l’azienda divenne una realtà industriale, aprendo nel 1965 un nuovo stabilimento, Pisticci Scalo, e negli anni ’70 lanciando nuovi prodotti come le varietà alla sambuca, limoncello e caffè, oltre alla produzione di cioccolatini
a base di liquore.

Oggi è aperto il museo tematico: Essenza Lucano che è un percorso immersivo in cinque differenti aree tematiche (Lucania, Lucano, Amaro, Storia e Pacchiana) che ripercorrono la storia dell’azienda. Il tour parte dal giardino aromatico della corte, passa attraverso uno spazio espositivo tecnologico e interattivo, tra le campagne pubblicitarie, tra cui quella dell’etichetta con la Pacchiana e il suo caratteristico abito, simbolo del radicamento dell’azienda sul territorio. Vestita con eccentrici e sgargianti colori e per questo definita dalle nobili “pacchiana”, faceva loro il verso perché usava tessuti economici ma ricordava quello dei nobili. Portava da nubile una gonna rossa invece della consueta nera o verde scuro e grembiule blu giorno di festa.
Un’azienda di successo ancorata al proprio territorio, che utilizza le materie prime locali, e azienda leader a livello globale e come nella ormai classica pubblicità che da anni è diventata ormai un leit motiv potremmo dire “Cosa vuoi di più dalla vita? Un lucano”.

Un cocktail fatto con Amaro Lucano
Amaro sour, un cocktail con Amaro Lucano

Intervista a Fabio Marchina, esperto nella cura dei capelli

Abbiamo fatto due chiacchiere con Fabio Marchina, titolare di Marchina Hair and Beauty, salone nel centro di Milano, aperto nel 1972 dal padre ed esperto tricologo, certificato da ormai più di 25 anni. Lo abbiamo intervistato per capire la causa della perdita dei capelli.

«Il focus del nostro salone è la cura, oltre che chiaramente la bellezza, in quanto ci occupiamo non solo di tutto ciò che riguarda il mondo dei capelli in generale, come da un parrucchiere, ma prestiamo anche grande attenzione al benessere della cute. Quest’ultima rappresenta un aspetto che solitamente si trascura molto, dimenticando la sua importanza in quanto prolungamento del viso. Come curiamo la pelle del volto, bisognerebbe preoccuparsi anche della pelle della cute per migliorare la salute dei capelli. Questo è un po’ il nostro focus principale oggi». Così spiega Fabio Marchina a proposito del suo salone.

Caduta dei capelli
Interni del salone Marchina Hair and Beauty, Milano

Fabio Marchina: un’attenzione particolare alla caduta dei capelli

«Essendo tricologo, mi occupo di vari inestetismi cutanei, come l’eccesso di sebo, la forfora, le dermatiti, i pruriti, i dolori cutanei, la tricodinia ecc. Il mio lavoro consiste quindi nell’affrontare diverse problematiche legate ai capelli e al cuoio capelluto, con un’attenzione particolare alla caduta dei capelli.

È importante chiarire che i capelli cadono naturalmente alla fine del loro ciclo di vita, che dura circa 2-3 anni negli uomini e 5-6 anni nelle donne. I capelli crescono, si sviluppano, poi entrano in una fase di riposo e infine cadono. Normalmente, quelli caduti vengono sostituiti da nuovi capelli e il ciclo continua. Tuttavia, quando le condizioni ottimali per il sano sviluppo della nostra chioma non sono presenti, possono verificarsi eccessiva caduta, riduzione della massa e assottigliamento.

Il mio approccio consiste nel valutare attentamente la condizione del cuoio capelluto e dei capelli per identificare le cause alla base del problema. Posso consigliare trattamenti personalizzati, includendo terapie specifiche per il cuoio capelluto, modifiche nella cura dei capelli e l’uso di prodotti mirati per favorire la crescita e la salute della chioma. Mi impegno a educare i miei pazienti affinché il ciclo di vita naturale dei capelli si svolga nel modo più sano possibile».

Marchina Hair and Beauty di Fabio Marchina
Marchina Hair and Beauty di Fabio Marchina

Per la caduta dei capelli, trattamenti naturali ad hoc e consulenze tricologiche mirate

Entrando più nello specifico, Fabio Marchina afferma: «Le mie pratiche tricologiche si concentrano su un approccio naturale e non invasivo per affrontare la caduta dei capelli. Utilizziamo esclusivamente prodotti di qualità come oli essenziali ed estratti botanici che la scienza ha ampiamente documentato per la loro efficacia. Prima di ogni trattamento, eseguiamo una consulenza tricologica completa. Esaminiamo il tipo di caduta dei capelli, identificando le possibili cause e valutando lo stato di salute del cuoio capelluto. Analizziamo anche le abitudini alimentari e lo stile di vita della persona, poiché questi fattori possono influenzare la salute dei capelli.

Utilizziamo diversi test non invasivi per valutare il microcircolo sanguigno, l’idratazione e lo stato di benessere della cute. Inoltre, ci avvaliamo della tricoscopia, un dispositivo dermatologico che ci consente di osservare dettagli specifici dei capelli e del cuoio capelluto che non sarebbero visibili a occhio nudo. Grazie a questi strumenti e analisi, siamo in grado di definire lo stato generale dei capelli, inclusa la loro miniaturizzazione (l’assottigliamento), e valutare la salute del cuoio capelluto e dei follicoli piliferi. Questo permette di individuare eventuali inestetismi come l’eccesso di sebo e le dermatiti.

Dopo aver ottenuto tutte le informazioni necessarie durante la consulenza tricologica, il mio obiettivo primario è accertarmi che il cliente comprenda appieno come curare e trattare il cuoio capelluto e i capelli in base alla propria situazione specifica. Ogni cliente è unico e ogni singolo caso richiede un approccio personalizzato. Basandomi sulle problematiche emerse durante la consulenza, propongo percorsi di trattamento mirati da effettuare nel mio studio e suggerisco prodotti da utilizzare a casa».

Caduta dei capelli
Marchina Hair and Beauty

Per capelli sani, uno stile di vita sano

In conclusione della nostra chiacchierata, Fabio Marchini chiude dicendo: «Consiglio detergenti specifici per il cuoio capelluto e trattamenti ad hoc per gli steli dei capelli, tenendo conto delle esigenze individuali. L’uso di shampoo e fiale anticaduta, molto comune nel nostro settore, può essere parte di questi trattamenti, ma non è la soluzione universale. Ogni situazione richiede un’analisi approfondita per determinare il miglior approccio e la soluzione più adatta.

Inoltre, educo i miei clienti sull’importanza di mantenere uno stile di vita sano e di adottare abitudini alimentari che possano favorire la salute dei capelli e del cuoio capelluto nel lungo termine. Il mio obiettivo finale è fornire gli strumenti e le conoscenze necessarie per prendersi cura della propria chioma in modo efficace e sostenibile, promuovendo la salute e la bellezza dei capelli in modo naturale e non invasivo».

Marocco: un itinerario a tre ore dall’Italia nel deserto del Sahara

Immaginate il deserto del Sahara che si tinge di rosso, con in lontananza la maestosa catena dell’Atlante innevata. In mezzo, qualche palma e rocce scolpite dal vento. Questi luoghi solitari sono stati un tempo il crocevia dei ricchi commercianti, dove le montagne, se potessero parlare, racconterebbero storie di fiumi d’oro, di briganti e di scambi di spezie, schiavi, pelli e datteri.
I cittadini di Marrakech descrivono gli abitanti di queste terre come “gente del deserto e di poeti”, con occhi profondi e sereni, zigomi scolpiti dal vento e pelle bruciata dal sole implacabile. Al contrario, i locali li definiscono luoghi “freddi dal sole caldo”.

Ouarzazate: la Mecca del cinema del Marocco

Ouarzazate, chiamata dai locali “la porta verso il deserto“, è stata una volta un crocevia strategico per i commerci tra Marrakech e l’Africa continentale. Fu una stazione di posta per le carovane dirette a Timbuctu, l’odierna Mali. Tuttavia, il suo vero splendore è arrivato nei primi anni del XX secolo, quando divenne un avamposto del colonialismo francese e successivamente si affermò come la “Hollywood del deserto” negli anni ’50, soprannominata anche “Ouallywood” nel gergo internazionale.

Ouarzazate è diventata un importante set cinematografico en plein air, dove sono stati girati film ambientati in luoghi esotici come il Tibet, l’Antica Roma, la Somalia, l’Antico Egitto e Israele. Gli Atlas Film Corporation Studios, fondati nel 1983, hanno ospitato produzioni di successo come I gioielli del Nilo e Le crociate. La città vanta anche un Museo del Cinema che racconta la sua storia cinematografica, dai tempi di Lawrence d’Arabia a produzioni più recenti come Game of Thrones.

Marocco, deserto del Sahara, Ouarzazate
Ouarzazate

Kasbah Aït Benhaddou: Patrimonio UNESCO nel deserto del Sahara

La Kasbah Aït Benhaddou è una testimonianza vivente della ricca storia e cultura berbera. Situata lungo la rotta delle carovane nel deserto del Sahara, è stata riconosciuta come Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 1987. Questa antica kasbah è un complesso fortificato costruito con terra cruda, con torri angolari e cortine interne che separano le abitazioni e i vicoli interni.
Utilizzata come set cinematografico per famosi film come Il Gladiatore e Game of Thrones, la kasbah offre un’atmosfera pittoresca e un paesaggio desertico mozzafiato. Le case tradizionali in terra mostrano l’arte e l’artigianato berbero, ed è possibile perdersi tra le viuzze o salire in cima alla cittadella per ammirare il panorama.

Kasbah Aït Benhaddou
Kasbah Aït Benhaddou

Kalaa’t M’gouna: la Città delle Rose

Nei dintorni di Ouarzazate si trova Kalaa’t M’gouna, conosciuta come la “Città delle Rose“. Quest’area si estende su 800 ettari e produce annualmente tra le 2500 e le 4500 tonnellate di rose. Coltivate qui, vengono poi utilizzate in vari prodotti, tra cui biscotti, tajine, pastilla e tè. I taxi locali sono noti per essere dipinti di rosa, celebrando la rinomata produzione di rose di questa regione.

Kalaa't M'gouna
Le rose coltivate a Kalaa’t M’gouna

Gola di Todra

Proseguendo il viaggio, si raggiunge la spettacolare Gola di Todra. Situata nelle vicinanze di Tinerhir, questa gola è una delle più impressionanti del Marocco. Le imponenti pareti di roccia si innalzano per oltre 300 metri, creando uno spettacolo naturale mozzafiato. La gola offre anche opportunità per escursioni e arrampicate, consentendo ai visitatori di immergersi nella bellezza selvaggia delle montagne dell’Atlante.

Erfoud: la porta verso il deserto del Sahara

Infine, il viaggio porta a Erfoud, una cittadina vicina a Merzouga, che funge da porta verso il deserto del Sahara. Erfoud è nota per essere un centro di produzione del fosfato e per la sua posizione strategica per esplorare il deserto. L’aeroporto più vicino è El Rachidia, che serve la regione e facilita l’accesso a questa destinazione; si può partire per un tour anche direttamente da qui, per chi non ha abbastanza giorni per fare un tour completo da Ourzazade.
Erfoud è anche famosa per il Festival dei Datteri, che ne festeggia la raccolta. Qui è possibile ammirare l’artigianato locale, inclusi prodotti come il Gueddid, un prosciutto di montone tradizionale consumato durante le festività religiose.

Marocco. Deserto del Sahara
Deserto del Sahara

Merzouga: alla scoperta del Marocco più autentico

Da Ouarzazate, ci si dirige verso Merzouga, il punto di partenza per vivere il sogno del trekking nel deserto. Questa città, vicina al confine con l’Algeria, è famosa per i tour che partono verso le grandi dune di Erg Chebbi, alte fino a 160 metri, estese per quasi 30 km da Nord a Sud.
Il consiglio è di trascorrere almeno uno o due giorni nel deserto, approfittando di trekking in dromedario al tramonto, notti in tenda sotto le stelle, emozionanti corse in fuoristrada o quad e l’opportunità di provare il sandboarding sulle dune.
Merzouga rappresenta una tappa imprescindibile per coloro che desiderano scoprire il Marocco più autentico, immergendosi nella bellezza selvaggia del deserto e vivendo esperienze uniche e indimenticabili tra le suggestive dune di Erg Chebbi.

Marocco
Trekking in dromedario nel deserto del Sahara

Club Med Michès Playa Esmeralda in Repubblica Domenicana, per rigenerarsi con yoga e sport

Svegliati dolcemente con una sessione di yoga di fronte ai Caraibi, lasciati trasportare dal ritmo delle onde mentre pratichi tennis al pomeriggio, immergiti in un mondo di benessere e relax tra gli oltre 60 sport e attività offerti nei Resort Club Med in tutto il mondo. Assapora una selezione di prelibatezze locali o deliziati con un frullato fresco mentre ti godi la tranquillità delle meritate vacanze, sapendo che i tuoi bambini sono in buone mani con l’assistenza dedicata a partire dai 4 mesi. Esplora tutto questo in completa serenità grazie all’offerta all-inclusive e alle esperienze à la carte, sii libero. 

Il Club Med Michès Playa Esmeralda è una perla rara dei Caraibi, una destinazione di prima classe che rappresenta il gioiello di punta della collezione Exclusive delle Americhe. Qui, immergersi in questo paradiso eco-chic significa avvolgersi nella bellezza incontaminata della natura e vivere un’esperienza senza pari, arricchita da servizi esclusivi e attività pensate su misura per soddisfare ogni tipo di viaggiatore.

Al Resort Club Med Michès Playa Esmeralda, una speciale scuola di yoga nel cuore dei Caraibi

Heberson Oliveira, uno degli yogi più famosi di Francia, ha sviluppato il metodo Vibhava Yoga negli ultimi 20 anni. I movimenti progressivi di questo metodo sono accessibili a te e combinano un dolce risveglio muscolare con momenti di profonda concentrazione, respirazione e rilassamento. Le sue tecniche vengono trasmesse dai G.Os® formati da lui stesso, ma non è raro incontrare Heberson di persona in uno degli 11 villaggi Club Med che offrono il suo programma.

La scuola di yoga di Heberson offre anche sessioni speciali di baby yoga per i tuoi piccoli, creando così i primi ricordi di vacanza in un ambiente attento al benessere. Al Club Med Michès Playa Esmeralda le sessioni si svolgono in una palapa, una tradizionale struttura con il tetto di foglie di palma tipica del Messico e della regione caraibica, dove il vento sfiora i corpi in tensione e rilassamento degli ospiti.

Lo sport come elemento chiave del benessere

Fin dalla sua fondazione negli anni ’50, Club Med ha riconosciuto l’importanza dello sport per il tuo benessere e la tua felicità. Gérard Blitz, ex atleta olimpico e fondatore di Club Med, ha voluto rendere accessibile il maggior numero possibile di proposte sportive; il tutto in modo divertente. Oggi, ogni Resort Club Med offre una vasta gamma di sport e attività, dalle gare di immersione alle escursioni nelle baie, dai trapezi da circo al wing surfing, offrendo così un’esperienza di benessere completa e coinvolgente.

Unica nel suo genere l’esperienza che simula l’adrenalina provata dagli atleti circensi; facilmente, anche alla prima volta, si possono imparare i movimenti di chi si ammira sempre da terra, sul trapezio. 

Cibo sano e local

In Club Med, l’attenzione al benessere si estende anche alla gastronomia. I ristoranti e i buffet offrono una vasta selezione di prodotti freschi e sani, parzialmente forniti da piccoli produttori locali attraverso il programma Green Farmers. Succhi di frutta appena spremuti e acque detox completano l’offerta, proponendo un’esperienza culinaria equilibrata e deliziosa per preservare il tuo benessere anche nel piatto.

7 motivi per visitare Dakhla: tra deserto, surfisti e coste incontaminate del Marocco

Dakhla si presenta come una destinazione unica in Marocco, un mosaico di storie, tradizioni e bellezze naturali. Mentre il porto si prepara a diventare un nodo cruciale nel commercio africano, le coste offrono un rifugio di pace e bellezza, completando l’esperienza di questa straordinaria regione. Patria dei surfisti e degli appassionati di kite surf.

Un porto in crescita nel cuore del deserto marocchino

Nella remota penisola di Dakhla, nel sud del Marocco, sorge un progetto ambizioso destinato a trasformare il paesaggio desertico in un punto cruciale di scambio globale: il futuro porto più grande dell’Africa. La guida locale, con un inglese permeato di influenze arabe e qualche parola italiana, ci introduce a questa terra che fu anticamente conosciuta come “Rio del oro“.

Dakhla Club
Dakhla Club

Un crocevia storico tra continenti

Dakhla, ex protettorato spagnolo, è sempre stato un crocevia di merci e scambi tra America ed Europa. Questa regione, diversamente dal Marocco francese più noto, ha un passato ricco di significato, con il suo antico nome che riecheggia un fiume dorato che collegava laguna e oceano. Qui transitavano pietre preziose, oro e le ricchezze dell’Africa nera.

Dai cieli marocchini, le prime mappe astrali

Si narra che proprio in questa terra siano nate le prime mappe astrali e siano stati dati nomi alle prime stelle. La vicinanza al tropico del Cancro regala spettacolari visioni notturne, con una luna “araba” dalle caratteristiche uniche, ispiratrice del celebre croissant francese che, sorprendentemente, trova le sue radici proprio in questa regione come un omaggio lunare.

Un’atmosfera accogliente e multiculturale

I residenti di Dakhla, sebbene conoscano solo poche parole nella nostra lingua, le condividono con calore, un gesto che va oltre il semplice linguaggio. Questo atteggiamento aperto e accogliente non è ereditato dal passato coloniale francese, ma sembra essere radicato nella cultura locale, facendo sentire i visitatori a proprio agio.

Kitesurf a Dakhla
Kitesurf a Dakhla

Per gli amanti di surf e kite, le avventure acquatiche di Dakhla

Dakhla si rivela anche un paradiso per gli amanti di surf e kite. Le onde che si infrangono sulle coste offrono l’emozione del surf, mentre il vento costante crea condizioni ideali per il kitesurf. Un’esperienza unica per chi ama la sfida delle acque e il contatto con la natura.

Le incantevoli coste di Dakhla: un paradiso isolato dal deserto

Queste coste, tra le più belle del Marocco, sono un’oasi di pace isolata dal deserto circostante. Il luogo ideale per rilassarsi al sole a 25 gradi tutto l’anno, offrendo una fuga dalla frenesia del mondo.

Spiagge celebri e atmosfere diverse

Nei dintorni, due spiagge emergono come gemme: PK25 e Foum El Bouir. La prima, amata da chi ricerca relax, offre acque calme e cristalline nella laguna, mentre Foum El Bouir emana un’atmosfera più vivace, ideale per chi cerca una spiaggia con un tocco di energia.

spiagge celebri
Una delle spiagge celebri a Dakhla

A SAN VALENTINO C’È PIÚ PASSIONE NEL FESTEGGIARE CON UN MENU AD HOC

Dai viali di Milano al suggestivo Lago di Garda, fino alle pittoresche regioni dell’Umbria e delle Marche, un viaggio attraverso un percorso gastronomico intriso di passione, raffinatezza ed esclusività. Questi ristoranti offrono menu speciali per celebrare l’amore di coppia a San Valentino, in atmosfere romantiche e suggestive.

La trattoria contemporanea Classico Trattoria & Cocktail

La prima tappa è rappresentata da Classico Trattoria & Cocktail a Milano, in Via Marcona, 6. Gestito dalla famiglia Murray, questo ristorante propone una cucina trattoria con una visione contemporanea, arricchita da influenze mediterranee dello chef Massimiliano Ciocchetti. L’atmosfera elegante e raffinata fa da cornice ideale per una serata romantica. Il menu offre piatti prelibati come ostriche “Les Marie Morganes” con gocce di champagne e caviale, seguiti da deliziosi gamberi rossi di Mazara del Vallo e risotto Carnaroli con foie gras e zafferano.

Una delle specialità di Classico Trattoria & Cocktail
Una delle specialità di Classico Trattoria & Cocktail

Da Casa Degli Spiriti si festeggia con vista sul lago

Il secondo paradiso culinario è la Casa Degli Spiriti, con la sua splendida posizione sul Lago di Garda. Lo chef Federico Chignola esalta i sapori locali in piatti come le capesante con crema di patate affumicate e il risotto alle erbe di montagna con funghi porcini. Con una vista mozzafiato e un’atmosfera magica, questo ristorante offre un’esperienza culinaria indimenticabile per San Valentino.

Ristoranti San Valentino
Esterno di Casa Degli Spiriti

La cucina multiculturale di Ada Gourmet

Nel cuore dell’Umbria, la terza tappa è Ada Gourmet, un ristorante contemporaneo ed elegante. La chef Ada Stifani presenta una cucina multiculturale che fonde stili e tecniche internazionali con ingredienti locali. Tra i piatti proposti spiccano la quaglia con ricci di mare e lo gnocco di rapa rossa con anguilla affumicata.

Attico sul Mare: un’esperienza unica tra tradizione e innovazione

Per godere di un’esperienza culinaria affascinante, c’è l’Attico sul Mare a Grottammare. Con una vista mozzafiato sul mare, questo ristorante offre piatti creativi come il carpaccio di ricciola in carpione e le capesante scottate con zuppa di canocchie. Con una cucina che mescola tradizione e innovazione, l’Attico sul Mare promette un San Valentino indimenticabile.

Ristoranti San Valentino
Interno di Attico sul Mare

Napoli a Melegnano: le specialità della Pizzeria 081

Infine la Pizzeria 081 di Melegnano, fondata dai fratelli Davide e Francesco Saggese, offre un’esperienza culinaria unica. Con 110 posti a sedere e un ambiente moderno, il locale propone pizze preparate con ingredienti di alta qualità, come lievito madre, farina macinata a pietra e basilico fresco. Il menu include specialità napoletane, come la frittatina di pasta con salame e pepe, accompagnata da un calice di Prosecco Valdobbiadene DOCG, seguita da una pizza a scelta.

Ristoranti San Valentino
Le pizze di Pizzeria 081

Natale 2023: ecco alcuni regali last minute per stupire ogni foodlover

A chi non capita di dimenticarsi un regalo per un amico? O per una lontana zia? O di essere stati così indaffarati fino alla fatidica settimana di Natale da non aver avuto il tempo di pensare a un regalo per una persona cara? E se fosse invece un vostro conoscente, il capo o il medico che vi ha aiutato? Non conoscendo i suoi gusti, con il cibo non si sbaglia. Cercate di capire se il vostro regalo deve essere pensato per una persona golosa o attenta alla salute e alla linea; amante del bello o più attenta alla sostanza e il gioco è fatto. Ecco alcuni consigli per i vostri regali last minute, la scelta ad hoc per ogni foodlover (e per chi ama la vita, il cibo e tutto quello che vi gira intorno).

Il regalo di Natale per chi ama la cioccolata: il Cesto Regalo Orsetto di Lindt

Un cofanetto irresistibile per chi ama il cioccolato e i classici orsetti Lindor. Il Cesto Regalo Orsetto è un gesto tenero per rendere il Natale ancora più dolce. La box contiene diverse tavolette Lindor, al cioccolato al latte, bianco, con caramello salato e al pistacchio, e un classico orsetto Lindor da 200 e 400g. Prezzo consigliato 34,95 euro.

Regali last minute
Cesto Regalo Orsetto Lindt

Le latte di Goppion Caffè per i coffee lover

La storica Goppion Caffè ha lanciato per Natale due latte storiche, create appositamente per celebrare il 75° anniversario della torrefazione veneta.
Le confezioni riprendono le immagini delle latte del 1948 e 1960, che raffigurano Piazza dei Signori, luogo simbolo di Treviso. Proprio qui, nel 1948, ha avuto inizio la storia di Goppion Caffè. Vent’anni dopo, nell’estate 1968, viene inaugurato a Preganziol, alle porte di Treviso, lo stabilimento che tuttora ospita la sede aziendale. Le latte storiche contengono caffè centroamericani 100% Arabica, una miscela pregiata dal sapore dolce e dall’aroma equilibrato, morbida al palato e dal retrogusto cioccolatato.

Per i regali di Natale, latta di caffè decorata, Goppion Caffè
Latta di caffè decorata, Goppion Caffè

La gift box Scaramantica Voiello per i pasta lover

La gift box da collezione Scaramantica Voiello, “La fortuna è tra le mani” giunge quest’anno alla quinta edizione. Un regalo ideale per tutti i pasta lover che mette in dialogo gesti propiziatori, antichi riti scacciaguai e leggende della cultura partenopea: il modo perfetto per celebrare le feste come Napoli comanda.

Ad accompagnare Voiello nel viaggio di quest’anno all’interno di una Napoli scaramantica e contemporanea sono stati i Vienmnsuonno1926, il collettivo di giovani designer partenopei che ha già affiancato il brand nella creazione della capsule collection dedicata a Miez’a Via. Ecco una narrazione originale di quattro dei gesti scaramantici più iconici: le dita incrociate, un ferro di cavallo trattenuto in pugno, il lancio di un pizzico di sale e le corna scacciaguai. Azioni comuni che diventano protagoniste dei quattro piatti contenuti all’interno della gift box Scaramantica, strumento per raccontare in poesia un pezzo della storia di Napoli: dal Munaciello ai coralli sui Faraglioni di Capri, dall’uovo virgiliano nascosto nei sotterranei di Castel Marino, sino alla sirena Partenope tra le onde del Golfo di Napoli. Disponibile solo su Amazon, il prezzo consigliato al pubblico è di 69,99 euro.

Gift box da collezione Scaramantica Voiello, “La fortuna è tra le mani”
Gift box da collezione Scaramantica Voiello, “La fortuna è tra le mani”

I regali di Loacker per chi è un super goloso

Un cesto di feltro ripieno di un chilo di bontà: ecco un dono che verrà amato da chi ama Loacker, perfetto per dimostrare affetto o simpatia. Parliamo di un contenitore grigio chiaro di grande impatto visivo, traboccante di delizie che, una volta finite, lo rendono ideale per riporvi giornali, fazzolettini, utensili per il giardinaggio o altri oggetti d‘uso quotidiano. Prezzo consigliato 44,90 euro.

Regali last minute
Cesto natalizio Loacker

Per i wine lover c’è #12eMezzo Christmas Wine Quiz

Dopo la tombola, il sette e mezzo e il mercante in fiera, da oggi tra i giochi di Natale arriva anche #12eMezzo Christmas Wine Quiz! Ogni bottiglia della linea 12eMezzo di Varvaglione1921 – Negramaro, Primitivo e Malvasia Bianca – sarà infatti dotata di un collarino contenente un QR code unico che conduce a un game di cinque domande a risposta multipla. Lo scopo è quello di mettere alla prova la conoscenza dei partecipanti sulla storia e le etichette di Varvaglione, sui vitigni pugliesi e, ovviamente, sul vino. Questo speciale quiz è disponibile sia in italiano che in inglese, per arrivare al cuore di tutti i suoi clienti sparsi per il mondo.

#12eMezzo Christmas Wine Quiz
#12eMezzo Christmas Wine Quiz

L’idea regalo per i più piccoli: la macchina da caffè firmata Disney

Una Macchina Espresso stilosa nel segno delle Disney Princess della linea Disney Princess Style Collection. La macchina si illumina ed emette suoni proprio come una vera macchina del caffè! Gli accessori comprendono cialde, lattiera con cucchiaio e tazza da viaggio con coperchio. Prezzo consigliato 32,99 euro.

Macchina Espresso Disney Princess
Macchina Espresso Disney Princess

Se è un amante del design, anche in cucina, i regali in ceramica firmati ALEX AND TRAHANAS

The Thinking Traveller, leader nell’affitto di ville private in Italia e nel Mediterraneo, in collaborazione con il prestigioso marchio di design e lifestyle australiano, ALEX AND TRAHANAS, presenta Ceremonies. Le ceramiche, con la loro raffinata palette di verdi marini, tonalità neutre e terracotta, in sintonia con le sfumature cromatiche di Casino Doxi Stracca, si rivelano un regalo natalizio ideale per arricchire la tavola. Ceremonies è composta da piatti da pranzo, scodelle per la pasta e vassoi da portata realizzate con forme classiche e utilizzando la tecnica decorativa dello “schizzato”, un omaggio alle tradizioni pugliesi.

Regali last minute
Ceramiche della linea Ceremonies

Il pacco da giù di Ciro Amodio, per chi non riesce a tornare a casa a Natale

Aperta da solo un anno, l’insegna Pane, Prosciutto & Mozzarella di Ciro Amodio ha conquistato il palato dei milanesi con chicche gastronomiche di propria produzione, eccellenze del Sud Italia e specialità del Bel Paese. A Natale è possibile recarsi in boutique e comporre una box regalo personalizzata. I clienti possono scegliere dai formaggi ai salumi – salame Napoli, provolone del Monaco, provoloncini Surriento, parmigiano Reggiano Gran Riserva 30 mesi…- alle paste artigianali e ai pani a base di lievito madre. E poi ancora, sughi e conserve, i celebri bocconcini di mozzarella di latte di bufala, prodotto di punta Ciro Amodio, Fiordilatte, provola, olio extravergine e vini pregiati. 

Regali last minute
Box natalizia personalizzata Pane, Prosciutto & Mozzarella di Ciro Amodio

Gli addobbi di Natale da mangiare di Caffarel

I classici addobbi per decorare l’albero di Natale vengono rivisitati in perfetto stile Caffarel. Con le divertenti formine per biscotti, la scatola portafoto pop up per rendere indimenticabile il tempo insieme e i gustosi pensieri della scatolina, Caffarel invita gli amanti del cioccolato a passare autentici momenti in compagnia. Una nuova collezione con una grafica esclusiva realizzata per Caffarel che racconta in uno stile romantico e retrò tutto il sapere del Made in Italy. Noi abbiamo scelto la Latta Stellina Appendibile (prezzo consigliato 10,00 euro).

Per i macarons addicted, i dolci regali di Enrico Rizzi

La collezione 2023 della boutique Enrico Rizzi è dedicata ai “Frutti di Natale” (proposti nei gusti: litchi, mandarino di Ciaculli, melograno, alchechengi) ed è disponibile fino ai primi di gennaio 2024. Ad arricchire inoltre la collezione, quattro diversi macaron: tre si inseriscono nella selezione “Vini pregiati” (realizzati rispettivamente con Passito di Pantelleria Ben Ryé, Champagne Dom Pérignon e Sauternes Chateau d’Yquem) e uno, al Blu del Moncenisio, è parte della linea “Macaron salati”.

Regali last minute
La collezione dolce firmata Enrico Rizzi per il Natale 2023

Per chi ama gli spirits c’è Nordés Gin

Una bottiglia iconica per il Natale che rappresenta lo stile e la tradizione della Galizia. Situata nel nord-ovest della Spagna, con i suoi paesaggi atlantici e la sua cucina di livello, è un luogo magico come nessun altro, nonché uno dei gioielli segreti meglio custoditi della Spagna. Immaginate di aprire una confezione regalo impeccabile e di svelare una bottiglia di Nordés Gin

Nordés Gin
Nordés Gin

Il regalo per chi è amante del té: il set matcha di CiboCrudo

La cerimonia del tè è una tradizione antica che riflette la profonda cultura e spiritualità del Giappone. Protagonista è il matcha, dal colore e sapore intenso, preparato macinando l’intera foglia del tè (Camellia sinensis) in una finissima polvere verde. Il set matcha di CiboCrudo comprende: la palettina chashaku dosatè in bambù, il frullino chasen in bambù per la miscelazione e la tazza chawan in ceramica giapponese artigianale per la degustazione, disponibile in due varianti colore. E per un’autentica cerimonia del tè in stile giapponese, la polvere di matcha cerimoniale viene dosata direttamente nella tazza e mescolata con l’acqua a una temperatura di circa 80° usando la frusta di bambù. Questo processo crea una schiuma leggera e cremosa sulla superficie del tè. Per il set con tè matcha cerimoniale il prezzo suggerito è di 49,90 euro.

Il set matcha Cibocrudo permette di preparare un ottimo tè verde
Il set matcha Cibocrudo permette di preparare un ottimo tè verde

I panettoni creativi (e non banali) per Natale 2023

Stanchi del panettone classico e tradizionale? Ecco una lista di panettoni particolari e creativi, con cui stupire parenti e amici. Il perfetto punto di incontro fra tradizione natalizia e innovazione culinaria; la soluzione ideale per creare opere d’arte uniche per le feste. Il panettone, dolce simbolo delle festività, si trasforma qui in una celebrazione di creatività, esplorando nuovi sapori, combinazioni audaci e presentazioni affascinanti.

Il panettone creativo di Loison di Costabissara

“Bello e sensuale” così ha definito Gambero Rosso il panettone del pasticcere Loison di Costabissara (Vi). Un panettone da un chilo Nerosale, ovvero al caramello salato e cioccolato fondente, che sorprende per il perfetto bilanciamento tra dolce e salato.
Riccamente farcito con crema al caramello salato ed impreziosito con gocce di cioccolato fondente cru monorigine e vaniglia naturale Mananara del Madagascar, con l’aggiunta di 72 ore di paziente lavorazione artigianale.

Panettoni creativi
Il panettone del pasticcere Loison

Panterrone: un omaggio al Sud

Si chiama Panterrone perché vuole essere un chiaro omaggio al sud. Con pera candita, caciocavallo e fave di cacao. Un panettone (terrone) decisamente particolare, salato, un chiaro omaggio alla Puglia dove nasce questo lievitato a San Marco in Lamis.

Il panterrone
Il Panterrone

L’esotico Mio Panettone

Si chiama Mio Panettone, dello chef stellato Pietro d’Agostino di Taormina, e ha elaborato anche una versione esotica, con l’aggiunta, al tradizionale, di mango e pesche.

Il Mio Panettone dello chef Pietro d'Agostino
Il Mio Panettone dello chef Pietro d’Agostino

Il panettone alcolico della pasticceria Scarpato

La pasticceria Scarpato di Verona propone un panettone per i grandi amanti del vino: alla grappa d’Amarone. L’accento alcolico viene custodito all’interno di una morbida crema che ben si amalgama con il resto dell’impasto, rendendolo soffice e profumato. La dolcezza delle uvette poi equilibra il gusto rendendolo perfettamente armonioso.

Il panettone alla grappa d’Amarone

Pancassata: la creazione della pasticceria De Vivo

La pasticceria napoletana De Vivo sfodera una vasta gamma di panettoni davvero inusuali. A Pompei si mangia quello del Pancassata (un misto tra panettone e cassata), ma sono imperdibili anche quello alla torta Sacher, ai funghi porcini o alla caponata.

Panettoni creativi
Il Pancassata della pasticceria De Vivo

Il panettone con l’olio EVO della pasticceria Filippi

Panettone con olio e cioccolato fondente. Sembra un abbinamento ardito? La pasticceria Filippi, che da sempre ha una forte attenzione all’uso dell’olio extra vergine d’oliva al posto del burro, aggiunge all’impasto anche gocce di cioccolato fondente 61% che si fondono nell’impasto reso sofficissimo dall’olio EVO da olive verdi spremute a freddo, creando un dolce dal gusto intenso e
persistente.

Il panettone con olio e cioccolato della pasticceria Filippi
Panettoni creativi
Il panettone con olio e cioccolato della pasticceria Filippi

Il panettone rosa di Giovanni Inglima

Dal 1964 pasticceria Inglima a Canicattì, oggi seguita dal pasticcere Giovanni Inglima, racconta di Sicilia ma anche di novità, anno dopo anno. Per il 2023 il pasticcere ha sfornato il  panettone con gelatine ai frutti di bosco, ricoperto di cioccolato ruby e cereali. La confezione è colorata e un pò infantile con un’illustrazione un po’ retrò, perfetta per i piccoli (ma anche per i grandi un pò sognatori).

Panettoni creativi
Il panettone di Giovanni Inglima

Panettoni alle creme: tra cioccolato, pistacchio e mandorle, il Natale 2023 è più ricco

Il periodo natalizio si avvicina e presto in tavola troveremo i panettoni, dolci soffici e profumati. Ma quest’anno c’è qualcosa di nuovo nel regno dei dolci natalizi: i panettoni alle creme, che ormai si sono imposti sui tradizionali. Complici i canditi, non sempre adorati da tutti, o l’uvetta, che si trova a volta scartata nel piatto. Queste gustose creazioni rappresentano un’evoluzione affascinante della classica ricetta del panettone, che viene arricchita da cremose e golose farciture.
Tuffiamoci allora nel mondo affascinante dei panettoni alle creme, scoprendo le diverse varianti disponibili, le tecniche di preparazione e le ragioni dietro il loro crescente successo. Abbiamo selezionato venti proposte, dalle classiche creme pasticcere alle inedite combinazioni di gusti. Ogni morso di questi dolci rappresenta un viaggio attraverso la magia delle festività.

1. Sal de Riso: Il Panettone della Costiera Amalfitana

La Pasticceria Sal de Riso, celebre per le sue creazioni ispirate alla tradizione della Costiera Amalfitana, presenta un panettone dalla crema iconica, che rappresenta il territorio. Questa prelibatezza natalizia è farcita con una delicata crema al limoncello e impreziosita con bucce di Limone Costa d’Amalfi I.G.P.. Cattura così tutti i sapori caratteristici di questa pittoresca regione costiera.

2. Panettone Gallipoli di Martinucci: Sapore Salentino a Km 0

Pazienza e dedizione sono le chiavi della perfezione nel laboratorio di Martinucci, situato nel cuore del Salento. Il Panettone Gallipoli è il risultato di un processo minuzioso di lievitazione madre di 48 ore. Questo panettone è un vero inno ai sapori salentini, aromatizzato con lo zafferano salentino Oro Rosso a km 0. La combinazione di cubetti di limone, glassatura con cioccolato bianco al limone e mandorle croccanti crea un connubio di sapori unico. Il Panettone Gallipoli si sposa magnificamente con l’omonima crema spalmabile, caratterizzata da un gusto delicato a base di mandorla pugliese, rendendo questa creazione una vera e propria festa di sapori locali.

Il Panettone Gallipoli
Il Panettone Gallipoli

3. Panettone Gourmet Vergani 2023: Cioccolato e Prugne Sunsweet®

Vergani, con quasi ottant’anni di esperienza, presenta il Panettone con gocce di cioccolato e golosi cubetti di prugne californiane, frutto di una collaborazione con Sunsweet®, la storica cooperativa di agricoltori della California. Questo panettone unisce l’intensità del cioccolato alla dolcezza delle prugne, celebri per le loro proprietà nutritive.

Panettone Vergani con cioccolato e prugne
Panettone Vergani con cioccolato e prugne

4. Chocolat di Cristiano Pirani: il panettone salato

La Pasticceria Chocolat di Cristiano Pirani offre un’ampia gamma di lievitati artigianali, tra cui il panettone albicocca, rum e cioccolato al caramello. La creatività si esprime anche nel panettone salato pugliese, nel panettone al bombardino e nel panettone ai tre cioccolati. Ogni proposta è caratterizzata da una lunga lievitazione di oltre 40 ore, preparata esclusivamente con lievito madre, burro e uova.

5. Panettone OLIVIERI 1882 x Lorenzo Cogo: Un’Opera d’Arte Gastronomica

Il Panettone OLIVIERI 1882, frutto della collaborazione tra l’Head Baker Nicola Olivieri e lo Chef Lorenzo Cogo, si presenta come un must-have per questo Natale. Con una doppia lievitazione di oltre 48 ore, questo panettone rivisitato è un’opera d’arte gastronomica. La sua composizione irresistibile include olive candite, cioccolato bianco e rosmarino, creando un connubio di sapori unico nel suo genere. La partnership esclusiva con La Compagnie, la compagnia aerea francese 100% Smart Business Class, aggiunge un tocco di prestigio, rendendo questo panettone una scelta elegante e sofisticata per le festività.

Il Panettone OLIVIERI 1882
Il Panettone OLIVIERI 1882

6. Tomarchio – Bontà di Sicilia: Tradizione Autentica

La rinomata pasticceria siciliana Tomarchio, erede di una lunga tradizione artigianale, propone dei panettoni alle creme con una bella selezione: dal cioccolato fondente, riccioli di cioccolato, nocciola Tonda Giffoni e gocce di cioccolato fondente e al latte, all’innovativo Panettone Glassato con glassatura di mandorle siciliane e uva sultanina dell’Etna essiccata al sole. Ogni creazione di Tomarchio si distingue per le materie prime provenienti da piccoli produttori locali, garantendo freschezza e qualità in ogni morso.

Il Panettone Tomarchio
Il Panettone Tomarchio

7. Pistì e l’Innovazione nel Panettone al Pistacchio: Eccellenza a km zero

Pistì, nata a Bronte ai piedi dell’Etna, offre un panettone al pistacchio che delizia gli amanti di questo prezioso ingrediente, a km zero. Oltre al classico panettone al pistacchio, Pistì propone varianti con miele di api sicule, cioccolato di Modica IGP e una versione alla pesca, impreziosita da pistacchio siciliano.

8. Matteo Cunsolo – Il Panettone Solidale: Dolcezza che Aiuta

In un gesto di solidarietà, Matteo Cunsolo, panificatore presso La Panetteria di Parabiago e presidente dell’Associazione Panificatori Confcommercio di Milano, presenta un Panettone ai quattro cioccolati. E metà del ricavato delle vendite di questo squisito dolce natalizio sarà devoluto alla cooperativa La Ruota di Parabiago. Questa cooperativa è impegnata nell’assistenza delle persone più vulnerabili, tra cui minori in difficoltà, disabili e prima infanzia. Coniugando la passione per la panificazione e l’impegno sociale, Cunsolo offre un modo dolce per contribuire alla solidarietà durante le festività.

Il Panettone ai quattro cioccolati di Mattia Cunsolo
Il Panettone ai quattro cioccolati di Mattia Cunsolo

9. Vincente Delicacies: Esplorando i Sapori dell’Etna attraverso i Panettoni Artigianali

Vincente Delicacies, fondata con passione da Nino Marino e Vincenzo Longhitano, è una rinomata pasticceria artigianale alle pendici dell’Etna, a Bronte. Grazie alla posizione privilegiata, ottengono a chilometro zero la materia prima più preziosa: i pistacchi di Bronte DOP. Ma il must di quest’anno è il panettone Cirasa, con ciliegia candita e scaglie di cioccolato di Modica IGP. Rappresenta una deliziosa composizione, completata dal ricoprimento con lo stesso cioccolato utilizzato per il ripieno.

10. Peck: Tradizione Tutta Milanese con un Toque di Innovazione

La storica gastronomia milanese, Peck, presenta una selezione di panettoni abbinati a deliziose creazioni di cioccolato. Tra le varianti proposte troviamo il gusto pere e cioccolato per chi cerca un connubio classico ma goloso, arancia, ananas e zenzero per un tocco esotico, e infine pistacchio, caffè e cioccolato bianco per i golosi. Ogni creazione è disponibile nei tre negozi Peck di Milano, offrendo una tradizione tutta milanese con un tocco di innovazione.

Il Panettone Peck
Il Panettone Peck

11. Palazzo di Varignana e Gino Fabbri: Un Dolce di Natale Innovativo

Il Dolce di Natale di Palazzo di Varignana, ideato dal Maestro Pasticcere Gino Fabbri, rappresenta una reinterpretazione leggera del classico panettone, grazie all’utilizzo dell’olio extravergine di oliva Vargnano di Brisighella DOP di Palazzo di Varignana. Questo olio di eccellenza, fruttato e con una grande ampiezza aromatica, potenzia gli aromi e i profumi dell’impasto. Il risultato è un dolce con cubetti di arancia candita e uvetta, arricchito da mandorle croccanti e granella di zucchero, offrendo un’esperienza innovativa e deliziosa.

Panettoni alle creme
Il Panettone di Palazzo di Varignana

12. Di Stefano con Farm Cultural Park

Per il Natale 2023, Di Stefano presenta una collaborazione con Farm Cultural Park, una  galleria d’arte  e residenza per  artisti  situata a  Favara  in  provincia di Agrigento . Ecco quindi nascere il Panettone farcito nei gusti Cioccolato Siciliano e Pistacchio Siciliano. Oltre al Panettone Da Farcire con la sac à poche inclusa, pensato per far vivere l’esperienza di creare farciture personalizzate nei gusti Cioccolato Siciliano e Pistacchio Siciliano. Un modo conviviale e godurioso di condividere la magia del panettone durante le festività.

13. Focacce Innovatrici della Pasticceria Tabiano: ora nasce la crema al pistacchio

La Pasticceria Tabiano, fondata nel 1988, si afferma con la sua focaccia, divenuta un’icona della pasticceria. Caratterizzata da una costante attenzione alle materie prime, Tabiano presenta varianti uniche come la focaccia all’olio di oliva e quella con crema di pistacchio, evidenziando un impegno costante nella selezione e ricerca di ingredienti di alta qualità.

Panettoni alle creme
Il Panettone della Pasticceria Tabiano

14. Le creazioni Innovatrici della Pasticceria Bonfissuto: un Viaggio tra Sicilia e Campania

La Pasticceria Bonfissuto, con radici nella provincia di Agrigento, propone creazioni che narrano la storia della Sicilia e della Campania. Tra le proposte di spicco, Le Due Sicilie, un panettone che fonde i sapori distintivi delle due regioni, e il Sacher Panettone Iconic Art, ispirato alla tradizionale torta viennese e impreziosito dalla collaborazione con il graphic designer Riccardo Bresciani.

Panettoni alle creme
I Panettoni della Pasticceria Bonfissuto

15. I Panettoni Artigianali di Lorenzetti: Tradizione e Passione dal 1970

La Pasticceria Lorenzetti, fondata nel 1970, presenta panettoni che si distinguono per l’uso di lievito madre del 1960. Tra le varianti, il panettone al vin recioto, il tipico vino passito della Valpolicella e il Nadalin, dolce tipico del veronese. Lorenzetti offre anche un pandoro tradizionale con un’anima siciliana, accompagnato da una crema a base di pistacchi di Sicilia.

Panettoni alle creme
I Panettoni Artigianali di Lorenzetti

16. Jacopo Chieppa: Panettone al Cioccolato 70% Marmorizzato con Caramello Salato

Jacopo Chieppa, chef e lievitista allievo di Mauro Colagreco, con i suoi ristoranti a Imperia e provincia, presenta il panettone al cioccolato 70% marmorizzato con caramello salato. Questa creazione unica e originale, prodotta in pochi esemplari, offre un’esplosione di gusto e un’esperienza gourmet per arricchire le celebrazioni natalizie con un tocco di eleganza.

17. Panettone Giusti: una Tradizione modenese rivisitata con l’aceto balsamico

Il Panettone Giusti, prodotto dall’Acetaia Giusti di Modena, è una rivisitazione unica e affascinante del classico dolce natalizio. Con radici che affondano nel 1610, l’Acetaia Giusti è considerata la più antica acetaia del mondo. Questo panettone è un’opera che esalta la grande versatilità dell’Aceto Balsamico di Modena IGP, con un ripieno di crema all’Aceto Balsamico di Modena abbinato al Vermouth Giusti. L’AD Claudio Stefani Giusti sottolinea che la creazione di questa delizia modenese è stata un’opportunità per coniugare eccellenze e tradizioni italiane, offrendo un prodotto nuovo e straordinario. Il Panettone Giusti è disponibile online su www.giusti.it e nelle boutique di Modena, Milano e Bologna.

Il Panettone Giusti
Il Panettone Giusti

18. Panettone all’Idromele: la bevanda più antica del mondo

Francesco Reitano di Tenuta Rasocolmo e il pasticcere Lillo Freni collaborano per creare un Panettone all’idromele, unendo l’arte della panificazione alla tradizione della bevanda più antica del mondo. L’idromele, bevanda conosciuta nell’antico Egitto e nella Magna Grecia, è ottenuto dalla fermentazione in acqua di miele tropicale e successivo invecchiamento in barriques per almeno un anno, chiamato Acqua di Aron. Utilizzando pasta madre viva imbibita di idromele Aron e coprendo la superficie con cioccolato fondente al 72%, questo Panettone offre un’esperienza unica e avvincente.

19. Panificio Francesco Arena: Il Salina, Panettone delle Eolie

Il Panettone Salina del Panificio Francesco Arena è dedicato alla più verde delle Eolie. Con capperi canditi, uvetta aromatizzata alla Malvasia, mandorle di Avola e glassatura di cioccolato bianco impreziosita da 7 mandorle dorate, questo panettone celebra le isole dell’arcipelago. Utilizzando il vino per aromatizzare, questa creazione offre una combinazione unica di sapori mediterranei.

Panettoni alle creme
Il Panettone Salina

20. Top Chef Intelligent Gastronomy: Il Panettone di Carlo Cracco

Marianne Giordanengo di Top Chef Intelligent Gastronomy, insieme a Monia Caramma e lo Chef Carlo Cracco, sfida la tradizione con un panettone composto solo da farine di cereali antichi, lievito madre, e il cioccolato gran cru São Tomè. L’assenza di grassi e zuccheri è bilanciata grazie al cioccolato, mentre la granella di cacao sulla glassa aumenta l’aromaticità. Questo prototipo, frutto di oltre 4 mesi di sperimentazioni, rappresenta una straordinaria interpretazione del classico panettone, con una composizione unica e stupefacente.

Panettoni alle creme
Il Panettone di Carlo Cracco

Dinner Incredible: il progetto culinario dello chef Giorgio Diana arriva in Arabia Saudita

Tutto è iniziato a Bangkok nel 2021, per poi proseguire in Italia lo scorso anno. Oggi Dinner Incredible si prepara alla sua terza edizione con destinazione Arabia Saudita. Questo straordinario progetto, ideato nel 2020 dallo chef Giorgio Diana, mira a promuovere uno scambio culturale e culinario tra affermati chef provenienti da diversi paesi del mondo. E soprattutto sostiene i piccoli produttori di materie prime locali, i più colpiti nel periodo pandemico e post Covid. Un modo per far conoscere al gotha della cucina le eccellenze più local e i costumi più unici di ogni singolo Paese.

I piatti preparati in occasione del progetto Dinner Incredible in Arabia Saudita
I piatti preparati in occasione del progetto Dinner Incredible

Il cuore cosmopolita di Giorgio Diana, classe 1982, cagliaritano di nascita ma cresciuto a Monaco di Baviera, è il motore di questa iniziativa. La sua curiosità verso le diverse cucine e culture ha dato vita a Dinner Incredible, un progetto che si propone di unire le persone attraverso il cibo, seguendo la filosofia Food connecting people

Dinner Incredible: Saudi Arabia Session

Dal 22 al 26 novembre 2023, 12 chef internazionali si recheranno in Arabia Saudita per collaborare, non per competere, creando un menu multisensoriale composto da 12 portate realizzate con prodotti tipici e di stagione. Questa collaborazione culinaria non solo celebra la diversità, ma supporta i piccoli produttori locali e il territorio, seguendo il motto “Play global, eat local”.

Il menu dell’evento promette un viaggio straordinario attraverso le ricchezze culinarie saudite, reinterpretate dagli chef coinvolti. Giorgio Diana e Daniele Chiari interpreteranno il famosissimo piatto Matazeez, un dumpling ripieno di verdurine con una salsa al pomodoro piccante servita con agnello affumicato. Segue Manu Buffara, che presenterà un’insalata di frutta stagionale, impreziosita da yogurt secco e melassa di datteri del deserto. Jacob Jan Boerma stupirà i commensali con una variazione affumicata di melanzane, topinambur e macadamia, dimostrando la sua passione per l’esplorazione dei sapori vegetali. Il percorso gastronomico si snoderà attraverso le creazioni di chef del calibro di Solofra, Noda Kotaro, Ekaterina Alehina e molti altri, ognuno contribuendo con il proprio tocco unico a piatti sauditi iconici.

Durante la cena, i partecipanti avranno il privilegio di degustare uno dei migliori oli extra vergini al mondo del 2023, prodotto da Maida. Quest’olio ha già guadagnato la medaglia d’oro sia a New York nel 2021 che in Italia nel 2023, sottolineando la sua eccellenza globale.

Veduta di Al-'Ula, patrimonio umano e naturale in Arabia Saudita
Veduta di Al-‘Ula, patrimonio umano e naturale in Arabia Saudita

Le prossime Dinner Incredible

Ma il viaggio di Dinner Incredible non si ferma qui. Durante la permanenza in Arabia Saudita nel novembre 2023, verrà realizzata la seconda serie TV in 4 puntate, documentando la vita nel deserto, la conservazione dei prodotti locali e la ricca cultura saudita. Questa serie fa seguito al successo della prima, incentrata sui tesori della Puglia. Guardando al futuro, il 2024 vedrà Dinner Incredible coinvolto in tre avvincenti appuntamenti culinari. A giugno, il “Sardegna Tour” permetterà agli chef di esplorare l’isola, visitare luoghi chiave e incontrare i produttori locali. A settembre, il progetto volerà a Phuket, in Thailandia, per un’esperienza culinaria unica tra isole e pesca.

Dinner Incredible è più di un semplice viaggio gastronomico; è una celebrazione della diversità culinaria, una testimonianza di come il cibo possa unire culture e persone in tutto il mondo. Un’esperienza che va al di là del gusto, trasformando il cibo in un linguaggio universale di connessione e condivisione.

Lillet: in Italia per la festa della donna

È appena arrivato il Italia: si chiama LILLET, il nuovo aperitivo di Pernoud Richard dal gusto inconfondibile, ricercato e versatile, è pensato per le donne intraprendenti, dinamiche, che non hanno timore di esprimere se stesse. Espressione di un’elegante tradizione francese di fine ‘800, LILLET è realizzato in un piccolo villaggio a sud di Bordeaux – una tra le più famose regioni vinicole francesi –, ed è frutto di una raffinata combinazione di vini francesi e liquori di frutta attentamente selezionati. La Maison, fondata nel 1872, vanta una storia di oltre cento anni. Per questo LILLET rappresenta in toto quello che possiamo definire l’aperitivo “à la française”.



La particolarità del nuovo LILLET? Una combinazione di vini francesi e liquori di frutta donano un gusto delicato e una bassa gradazione alcolica (17% – oppure 5.7% in un long drink) e quindi anche un moderato contenuto calorico. Inoltre, è completamente privo di aromi e coloranti artificiali. Versatile e rinfrescante,  può essere servito in più occasioni, dal brunch all’aperitivo, e personalizzato secondo i propri gusti.



Gli ingredienti di LILLET sono scelti con grande cura: i vini francesi sono selezionati per la loro qualità e complessità organolettica, mentre i frutti – le cortecce di china e le bucce di arancia dolce e amara – mostrano una notevole freschezza e ricchezza aromatica. Questo equilibrio di frutta matura e vini pregiati è il risultato di quasi 150 anni di esperienza e conoscenza del mondo vitivinicolo. Tre le varianti che approdano in Italia, per questo aperitivo la cui storia risale al 1872 a opera dei fratelli Paul e Raymond che fondano la maison, e nel 1887 inizia la commercializzazione della prima versione dell’aperitivo: il Kina LILLET. Sono il LILLET Blanc, il primo della produzione, nasce dal blend di vini selezionati e liquori di frutta, maturati in botti di quercia, che conferiscono quell’aroma floreale e quel caratteristico colore dorato, che lo rendono ancora oggi riconoscibile. 



Nel 1962, durante il boom economico, la maison decide di proporre al pubblico un prodotto dal gusto più corposo, strutturato, rivolto agli estimatori di vini rossi: il LILLET Rouge. Dopo quasi 50 anni, nel 2011, con le nuove generazioni, si va incontro ai gusti contemporanei producendo LILLET Rosé, dal sapore fresco, vivace e fruttato. Quest’ ultimo è sicuramente perfetto per festeggiare le donne: un sapore fresco, vivace e fruttato, con qualche nota speziata, ma dalla struttura bilanciata. Gradevole da assaporare con un long drink con tonica, sempre fresco (6- 8°C) e accompagnato da ghiaccio e una fetta di lime.

Le aziende food che fanno del bene

In un clima di incertezza, disorientamento e imprevedibilità normativa e prospettica, le aziende food si stanno dando da fare per aiutare gli eroi del Covid-19: i medici, gli ospedali, i pazienti colpiti e i parenti, che in questo momento vivono una situazione ben più difficile del #iorestoacasa.

  • Il Gruppo Illva Saronno, multinazionale italiana conosciuta per il liquore Disaronno, ha deciso di riconvertire parte della sua produzione per realizzare gel disinfettante per mani. 100.000 bottigliette formato mignon 50 ml del brand Disaronno sono state trasformate in confezioni tascabili di gel igienizzante e donate alla Fondazione Banco Farmaceutico. Sono la Caritas di Roma, di Milano, di Firenze e di Palermo, Opera San Francesco per i poveri (Milano), Fondazione Progetto Arca (Milano), Fratelli San Francesco (Milano), Centro Astalli di Roma e di Palermo, Banco Farmaceutico Cosenza le associazioni che stanno beneficiando del prodotto. 
  • La gastronomia più celebre di Milano, Peck, ha donato tutto il ricavato della vendita delle sue colombe artigianali dell’ultima settimana al Policlinico di Milano. Due le varianti: la “Classica” e “Ai 3 cioccolati”, rispettivamente a 30 e 34 euro. L’importo raccolto contribuirà a potenziare le nuove aree di Terapia Intensiva dell’Ospedale, permettendo alla struttura di curare sempre più pazienti affetti da Covid-19. 
  • Prepara un cocktail a casa tua e fai del bene. Tu pensa al ghiaccio e alla tonica ed ENGINE spedirà a casa tua il Kit ENGINE Oil inclusive, la speciale confezione per il tuo cocktial da preparare a casa, che include il gin biologico prodotto nelle Langhe nella sua irriverente tanica di olio motore, un secchiello da gran premio e i bicchieri di latta più rumorosi del mercato.Tutti i profitti di questa vendita saranno destinati alla raccolta fondi del Cesvi per l’Ospedale di Bergamo. 
  • Offrire una cena a chi ne ha più bisogno con pochi clic: grazie a TheFork e Banco Alimentare arriva l’unico ristorante prenotabile e “aperto” in tutta Italia che lo rende possibile.Per tutto il periodo dell’emergenza da COVID-19 sarà attiva sulla sua app la possibilità per gli utenti di offrire un pasto a un’altra persona o famiglia effettuando una donazione libera al Banco Alimentare. Attraverso un vero e proprio “ristorante virtuale” creato da TheFork sulla sua applicazione, gli utenti potranno “prenotare” un pasto e offrirlo ai più bisognosi, con la possibilità di lasciare un messaggio solidale sotto forma di recensione. L’iniziativa che prende il nome di “Cena Sospesa” si ispira all’usanza campana del “caffè sospeso” e della più recente “spesa sospesa” che si sta diffondendo per fronteggiare le difficoltà economiche generate dal lock-down.
  • Il Gruppo Barilla ha effettuato una donazione di oltre 2 milioni di euro per l’Ospedale Maggiore di Parma con il fine di migliorare le attrezzature e le funzionalità della terapia intensiva, alla Protezione Civile e alla Croce Rossa per acquistare dispositivi medici e logistici per fronteggiare l’emergenza, e serviranno per munire di ventilatori polmonari le strutture mediche regionali dell’Emilia Romagna. «L’Italia che resiste siamo tutti noi: sono le persone che operano anche nella filiera alimentare, sono tutti i lavoratori che con senso di responsabilità ci permettono di continuare a portare i nostri prodotti nelle case degli italiani. E sono, soprattutto, i medici, gli infermieri e tutti gli operatori a cui siamo immensamente grati per il lavoro straordinario che stanno facendo per fronteggiare l’emergenza», ha dichiarato Luca Barilla, Vicepresidente del Gruppo Barilla. 
  • Zuegg, storica azienda veronese del settore delle bevande, ha donato 250 mila euro a favore delle strutture sanitarie dell’Azienda ULSS 9 Scaligera e distribuirà 150.000 succhi di frutta, in segno di solidarietà e sostegno agli operatori della Protezione Civile. 
  • Coca-Cola ha fatto una donazione di 1,3 milioni di euro alla Croce Rossa Italiana e inoltre sta offrendo i propri prodotti a 10.000 operatori sanitari in prima linea per l’emergenza. Infine, a nome dei dipendenti dello stabilimento siciliano di Sibeg saranno donati 80mila euro all’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico-Vittorio Emanuele di Catania per acquistare apparecchiature e dispositivi medico-diagnostici per i reparti di Terapia Intensiva e Rianimazione. 
  • Insieme per cucinare il giorno di Pasqua all’Ospedale Sacco di Milano: sono il gruppo di ristoranti Miscusi e lo chef due stelle Michelin Pino Cuttaia, un pranzo speciale per circa 100 tra medici e infermieri che lottano in prima linea. “Rendere le persone felici, diffondendo lo stile di vita mediterraneo è la nostra missione di vita, fatta di piccoli gesti quotidiani. Nel buio iniziale del Covid (abbiamo 300 persone a casa), cercavamo una luce e così abbiamo iniziato a portare pasti agli ospedali per sostenerli ed evitare di sprecare quello che avevamo in magazzino. Giorno dopo giorno l’emozione dei medici ci ha dato ancora più forza e da allora non ci siamo mai fermati, tanti amici ci hanno scritto per offrirci il loro aiuto così abbiamo abbracciato la solidarietà di chi condivide i nostri valori. Pino Cuttaia, tra i primi. Un amico che, come solo lui sa fare, con un semplice sugo ha raccontato un’emozione che ti rende felice” ha spiegato Alberto Cartasegna, fondatore e CEO di Miscusi. 

REGALI DI NATALE: Cesti e limited editions per Food Lovers

Regali “foodie” da appassionati di enogastronomia: regala quello che vorresti ricevere. “Il cibo unisce”, come la tavola avvicina e per questo, a meno di un mese da Natale, spesso il regalo più apprezzato è proprio quello gastronomico, che viene quanto meno assaggiato da chi lo riceve e non rischia di essere accantonato in un angolo della cantina. Per Man in Town abbiamo selezionato i regali più golosi per veri food lovers.

“Disaronno Wears Trussardi”, è la limited edition di Natale che unisce in matrimonio due brand del Made in Italy: Disaronno e Trussardi con tradizione, innovazione ed eleganza italiana dove la texture tipica Trussardi si fonde con il monogramma del Levriero e l’inconfondibile forma della bottiglia, mentre pennellate fucsia, verdi, azzurre incorniciano l’ etichetta per un risultato moderno e contemporaneo. E’ questa la sesta Limited Edition del progetto Disaronno® Icon, che ogni anno vede la collaborazione del brand con le più grandi firme della moda italiana, da 25 euro.

Tante confezioni regalo limited edition per il Natale per Caven di Nera Vini con tante formule acquistabili da e-commerce (http://neravini.com/caven_catalogo_vini.php?brand=caven&settore=confezioni) e nel punto vendita aziendale a Chiuro in Valtellina. Tra le più vendute la cassetta da 3 bottiglie con Sforzato di Valtellina D.O.C.G. Messere, Valtellina Superiore D.O.C.G. Sassella La Priora e Valtellina Superiore D.O.C.G. Giupa a partire da 49 euro.

Pellegrino dedica agli appassionati di vino tanti wine box per Natale: tema dominante delle confezioni è lo stile new vintage, un omaggio agli anni ‘50 e ‘60 del boom economico italiano, un’epoca unica e spumeggiante che ha segnato la storia italiana. Decori vintage, metalli preziosi e legni invecchiati caratterizzano il packaging dei wine box, per un regalo nel regalo: fuori confezioni che diventano oggetti riutilizzabili e da collezionare, all’interno una scelta che varia da  bianchi ai rossi fino al passito di Pantelleria e i grandi marsala.

Confezioni da 18 a 27 euro.

Le limited edition dei liquori Giardini d’Amore sembrano delle vere bomboniere natalizie:  confezioni realizzate interamente a mano che ricordano nei gusti e nei profumi un viaggio in Sicilia. Novità dell’anno si potrà recapitare il regalo direttamente al destinatario con una  gift bag o un raffinato cofanetto che racchiuderanno il liquore insieme a un elegante biglietto di auguri realizzato con carta di riso. Ordinazioni al numero 347.3049160 o scrivendo a [email protected] . Prezzo 50€ (50cl), 30€ (20cl), spedizione compresa.

La cantina maremmana Rigoloccio regala un packaging tutto natalizio ai suoi vitigni internazionali dal DNA italiano. Da colline metallifere di Grosseto che regalano una tannicità particolare ai vini, la confezione regalo che comprende Elegantia (Maremma Toscana Doc ), Il Sorvegliante (Toscana Rosso Igt) e Fonte dell’Anguilllaia (Toscana Rosso Igt) a 125 euro su rigoloccio.it.

L’azienda vinicola Michele Chiarlo delle Langhe ha progettato per Natale una nuova cassetta da regalo: si chiama Prestige ed è perfetta per gli amanti dei vini di queste terre.  Barolo Tortoniano del 2014 e il Barbaresco Reyna 2015 hanno un prezzo di 75 euro acquistabile su michelechiarlo.it.

Un taccuino per appassionati gourmet: ecco Moskardin, che fa il verso al celebre marchio, ma che riporta in copertina il pesce veneto, il moscardino. L’idea è quella di Germana Cabrelle, giornalista padovana nato nel 2008 per la passione di chi ama scrivere e viaggiare. Per il Natale 2018 è uscita la versione Rosso Tramonto a 12 euro.

Salumi stagionati, frutto di un saper fare artigianale, dalla Food Valley in tavola con l’elegante cofanetto “Giuseppe Verdi”, creato per il Natale 2018, con tre tipologie di Salami Allegro: al peperoncino, al Parmigiano Reggiano DOP e al tartufo nero. La scatola in latta, dal sapore vintage, è attraversata da una banda tricolore con una stampa del profilo del Maestro Giuseppe Verdi, nativo della Bassa Parmense e il Castello di Torrechiara, evocato dal logo Terre Ducali. Disponibile a 13,90 euro su terreducali.it

Il re del cioccolato Ernst Knam ha ideato per Natale un nuovo Christmas Tree (foto in cover) su indicazione e disegno della moglie, Frau Knam. All’expertise della lavorazione del cioccolato, approfondita ulteriormente nel corso del 2018 grazie al viaggio nelle piantagioni peruviane, hanno portato alla creazione del Bubble Tree, che con il suo profilo slanciato e accattivante si configura come centrotavola perfetto per le cene e i pranzi di Natale più glamour. In Via Anfossi 10 a 50 euro.

Il Parmigiano Reggiano dell’azienda agricola Bertinelli diventa una crema per i più golosi: dal millesimato 24 mesi realizzato con latte vaccino crudo proveniente da bovine che abbiano partorito da non più di 100 giorni. Rispetto a quello “normale”, questo latte – meglio. Un bel regalo che si sposa con primi piatti e risotti oltre che come appetizer, spalmato su crostini oppure come farcitura di barchette di pasta brisé, accompagnato a mousse di salmone o a frutta fresca, dall’uva ai frutti rossi. bertinelli.it

Una vera chicca natalizia quella di Ink Eat, il Winter Cuddle Kit: concedersi una tazza di cioccolata fumante con marshmallows personalizzati per una dolce pausa relax, già pronta, basta scaldare e lasciar sciogliere. 4 marshmallows con grafica natalizia disponibili in tre tipologie: dark – gocce di cioccolato fondente (70,5%); white – gocce di cioccolato bianco; pink – gocce di cioccolato ruby  a 7,70 euro disponibile su www.inkeat.com

Un flagship store innovativo che ha aperto di recente: Cerdini&Quernardel abbina lo storico champagne della maison con cioccolato e macaron per realizzare delle casse di Natale che fungono da elitario cesto natalizio. Dal semplice albero di Natale di cioccolato (a 24€) ai marron glacè (4 pezzi per 13€) fino a dei veri cadeau che contemplano champagne & cioccolato 800gr e 8 macaron a 161 euro.

Tante le confezioni regalo natalizie da Ikea in stile finlandese dai Vintersaga, i biscotti al pan di zenzero al paj rabarber, ovvero croumble ovvero tortini di pasta frolla da riscaldare al rambarbaro fino ai kafferep, i biscotti con ripieno di lampone. A partire da 1,50 euro su ikea.com

Imbandire la tavola per il Natale è un rito quasi sacro: per questo sull’e-commerce Euronova c’è una sezione dedicata solo a questo con prezzi che variano da 3,99 ad abbordabili 20 euro su euronova-italia.it/it/natale/decorazioni-natalizie/tovaglie-di-natale

Scopri altro su TheSexSalad.it

®Riproduzione riservata

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA

Dieci chef d’eccellenza hanno cucinato della ricette pensate per chi vive il sintomo della disfalgia lo scorso novembre, per i 10 anni del centro clinico NEMO dell’ ospedale Niguarda , specializzato nelle malattie neuromuscolari. “Aggiungi un posto a tavola è la terza serata di un progetto ambizioso, teso a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’importanza di prendersi cura anche degli aspetti nutrizionali delle persone con malattia neuromuscolare e sostenere così il team multidisciplinare di NEMO che lavora per migliorare la qualità di vita dei pazienti e delle loro famiglie, in collaborazione con Identità Golose, il congresso internazionale della buona tavola di Milano. L’intero ricavato andrà al centro clinico Nemo: per accreditarsi tutte le info su www.iosononemo.it o scrivendo alla mail [email protected]

Alberto Fontana, presidente del Centro Clinico NeMO sottolinea: “Il nostro team di operatori da dieci anni lavora per preservare e salvaguardare la possibilità di continuare a far sperimentare ai pazienti il piacere del gusto e della condivisione, creando le condizioni ottimali per rispondere ad ogni più piccolo bisogno e garantire così la migliore qualità di vita anche dal punto di vista della nutrizione

Ad ispirare il progetto è stato il libro Nutrirsi con gusto, un libro di ricette “particolari”, nato dal coinvolgimento di due professionisti della cucina, Mauro Uliassi e Paolo Piaggesi, con i medici del Centro Clinico NeMO. Alla serata hanno partecipato Andrea Ribaldone – Osteria Arborina, La Morra (CN); Christian Milone – Trattoria Zappatori, Pinerolo (TO); Diego Rossi – Trattoria Trippa, Milano; Eugenio Boer – Bu:r, Milano; Eugenio Roncoroni – Ristorante Al Mercato, Milano; Franco Aliberti – Tre Cristi, Milano; Matteo Monti; Misha Sukyas; Paco Magri – Ristorante Dordoni, Cremona e Paolo Lopriore – Ristorante Il Portico, Appiano Gentile (CO).

®Riproduzione riservata

A 150 anni dalla morte del maestro, la musica e le ricette di Gioachino Rossini raggiungono i 2.173 m di SkyWay Monte Bianco

Appuntamento nel teatro in quota per sabato 3 novembre: cantanti, musicisti, chef ed eccellenze italiane daranno spettacolo tra ghiacciai e pareti di roccia. Il prossimo sabato 3 novembre si celebrano i 150 anni dalla morte di Gioachino Rossini sulla vetta più alta d’Italia: la location è suggestiva, lo Skyway Monte Bianco, l’avveniristica funivia che collega Courmayeur ai 3.466 metri di Punta Helbronner. A salire in alta quota saranno non solamente le celebri arie del grande compositore, ma anche le sue ricette. Trio di star per i piatti degli chef Bobo Cerea di Da Vittorio che presenterà i Maccheroni alla Rossini di Pastificio Mancini, Moreno Cedroni della Madonnina del Pescatore con le sue Capesante con carciofi e foie gras e Robert Vifian chef-sommelier del parigino Tan Dinh, che delizierà con la faraona alla Rossini. Tre chef iper stellati che insieme a Agostino Buillas, del Café Quinson, che darà il benvenuto con una specialità valdostana, costituiscono un quartetto d’eccellenza ad alta quota. Creatività, gusto e passione da assaporare in una location “di frontiera”, sospesa tra Italia e Francia, nel panorama di vette della stazione intermedia di Skyway, il Pavillon du Mont Fréty (2.173 m).

giorgia paci
“L’idea è quella di portare il celebre ‘Salon du samedi soir’ che Rossini teneva a Parigi, per una sera sul tetto d’Europa, un evento per il pubblico di oggi, ma che sarebbe stato gradito al maestro” spiega Daniele Vimini, Vice Sindaco del Comune di Pesaro e presidente del Rossini Opera Festival. “La sua musica e i migliori prodotti della tavola, oggi come nel XIX secolo, faranno da cornice al racconto degli eventi che lo celebreranno nel 150esimo della morte”.

Gli ospiti, accolti all’arrivo a Courmayeur con un “White Carpet” e con l’affascinante musica di Rossini, riceveranno un’accoglienza memorabile: tutte le cabine della funivia, che sono trasparenti e ruotano lentamente per offrire una vista a 360° sul paesaggio, ospiteranno a bordo un talentuoso musicista. Inoltre, nelle postazioni food & beverage, i cantanti d’opera saranno pronti ad intonare le celebri melodie del pesarese più famoso del mondo. Un innovatore straordinario che ha rivoluzionato i canoni del suo tempo, sia sul pentagramma che a tavola. Sarà l’occasione per raccontare i prossimi eventi in calendario: a partire dalla 40esima edizione del Rossini Opera Festival, che nell’anno delle celebrazioni rossiniane sarà ancora più speciale. Una serata che rende omaggio alla natura “doppia” del compositore: immenso musicista, Stendhal lo aveva ribattezzato “il Napoleone della musica”, ma anche raffinatissimo Gourmet. Un innovatore che ha rivoluzionato i canoni del suo tempo sia sul pentagramma che in cucina.

Daniele Antonangeli
Daniele Antonangeli

 

®Riproduzione riservata

 

CR42 FALCO: il nuovo gin dedicato a Giandomenico Brunello e al suo biplano della Seconda Guerra Mondiale

Fratelli Brunello, distillatori veneti dal 1840 lanciano un nuovo gin amarcord dedicato a Giandomenico Brunello, pilota classe 1916 e terza generazione della famiglia , che con il suo biplano CR 42 FALCO solcava i cieli dall’Africa al NordEuropa durante la Seconda Guerra Mondiale,  insignito di Croce al Valor militare. Proprio grazie alla sua passione, nei suoi viaggi era sempre alla ricerca di  nuovi ingredienti e aromi con il pensiero un giorno di riproporli “Made in Veneto”. Si tratta di un gin a 45°, tra le botaniche, oltre alle classiche ginepro e limone, spiccano l’alloro e le foglie di mirto tipiche del Mediterraneo, e il dragoncello. L’infusione avviene in alcol agricolo prodotto da cereali italiani, al naso, oltre alle botaniche, si affiancano le note delicate di fieno, miele e camomilla, seguite da aromi mediterranei. La bottiglia da 700 ml si presta a un gioco vedo non vedo grazie alla parte inferiore in vetro satinato e alla superiore in vetro trasparente. L’ etichetta che fascia la bottiglia riporta la texture del cuoio, a ricordo del classico caschetto da pilota. Il coraggio di Giandomenico Brunello è leggendario: riconosciuto con la Croce al Valor militare, documentata così: “Al Sergente Pilota Brunello Giandomenico – da Montegalda (Vicenza) – Pilota d’assalto compiva rischiose azioni belliche emergendo per ardimento e noncuranza del pericolo” dal 27 maggio al 30 giugno 1942.
Al termine del conflitto Giandomenico non lasciò andare questa sua passione e, pur non trascurando le attività della Distilleria di Famiglia, tornava a solcare i cieli, atterrando in continente e presso le isole, sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, come nuovi ingredienti e aromi con il pensiero un giorno di riproporli “Made in Veneto”. L’infusione delle botaniche avviene in alcol agricolo prodotto da cereali italiani, per tutto il tempo necessario affinché esprimano al meglio tutte le proprietà aromatiche e organolettiche. Al termine il gin riposa senza forzature per un’ottimale decantazione, lasciandolo il più naturale possibile.

Un gin originale il cui ingrediente speciale è il tempo, elemento che da 178 anni identifica e su cui fa leva la Distilleria Brunello, assieme al talento nella speciale dedizione alla ricerca delle botaniche più appropriate, ottenendo così un gin equilibrio ed unico.

 

®Riproduzione riservata

 

cr 42 falco biplano

Dall’ 11 gennaio 2018 riparte la terza edizione del Master in Filosofia del cibo e del vino, sinergie tra enogastronomia e comunicazione

Stretta la collaborazione tra l’Università Vita-Salute San Raffaele e la redazione Food del Corriere della Sera per il Master in Filosofia del cibo e del vino: iscrizioni aperte fino al 30 novembre 2018. Un master per insegnare ai giovani come raccontare il cibo: dal prossimo 11 gennaio riparte la terza edizione del Master in Filosofia del cibo e del vino, nato dalla stretta collaborazione della Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele, l’Italian Signature Wine Academy (Iswa) e il gruppo bancario Intesa Sanpaolo. Ma quest’anno il corso interdisciplinare, grazie all’apporto della redazione Food del Corriere della Sera, che ha lanciato da pochi giorni anche il suo inserto speciale Cook, sarà in grado di formare dei comunicatori a tutto tondo che sappiano muoversi nell’enogastronomia. L’obiettivo infatti è quello di formare figure professionali che possano inserirsi sia in realtà aziendali che in media specializzati del settore. Un percorso di studi trasversale, che spazia da filosofia, etica, antropologia, storia, geografia dei territori e letteratura, a marketing,foodwriting e nutrizione. Tra i docenti, lo storico della gastronomia Alberto Capatti, i filosofi Massimo Donà (direttore del master), Massimo Cacciari, Andrea Tagliapietra e Francesco Valagussa, lo scrittore vincitore del Premio Strega Tiziano Scarpa, la condirettrice del corso e responsabile editoriale della redazione Food del Corriere Angela Frenda, il caporedattore centrale del quotidiano di via Solferino e critico enologico Luciano Ferraro e altre firme del giornale. Il percorso sul tema della nutrizione è affidato ai responsabili del Progetto Eat (dedicato all’alimentazione sostenibile), portato avanti dal Gruppo Ospedaliero San Donato Foundation. Un corso post laurea per valorizzare l’unicità del Made In Italy nel settore agroalimentare e vitivinicolo e riposizionare i prodotti sui nuovi canali del mercato. Da qui partiranno le future leve del grande settore food italiano.

 

®Riproduzione riservata

Cinque indirizzi lacustri da non tralasciare. Assolutamente

Vecchia Malcesine
  • Capriccio: a Manerba del Garda, un luogo dove cenare a pelo d’acqua, da un ampio salotto che domina tutto il lago. La chef patron Giuliana Germiniasi ha continuato la tradizione di famiglia, portando nuovi spunti a piatti tradizionali, supportata dalla attenta maitre (e figlia) Francesca Tassi. Una cucina tutta al femminile.

  • Il ristorante Regio Patio, all’interno dell’hotel Regina Adelaide: un gioiello di ospitalità seguito dalla famiglia Tedeschi che, da Garda, porta alto il nome della cucina dello chef Andrea Costantini, non solo nella parte veronese del lago di Garda. Signature dish dello chef da non perdere il ramen all’italiana, con pesce di lago.

  • Vecchia Malcesine: una terrazza che guarda a strabiombo su Malcesine, dal suo castello scaligero fino ai surfisti, che godono delle sue onde. Lo chef Leandro Luppi guarda sempre avanti: l’innovazione è dietro l’angolo, come per il piatto Perla nera, divertente antipasto dove la capasanta ha la consistenza di quella cruda, ma la si scopre cotta.
  • Pesce d’oro: ristorante storico, fronte lago nel comune di Chiusi, borgo bandiera arancione del Touring Club, al Pesce d’oro si gusta una prelibatezza dimenticata, tipica dalla cucina etrusca: il brustico, ovvero il persico di lago abbrustolito secondo le ricette tramandate nei secoli e cotto con le sottili canne del lago di Chiusi.

  • La Trota: a Rivodutri la scommessa dei fratelli Serva, Sandro e Maurizio, è stata immane, ovvero conquistare il palato degli avventori con un ingrediente tra i più poveri, il pesce di acqua dolce, e creare su questo tema piatti raffinati, eleganti e gustosi. I colori della Riserva Naturale dei Laghi si specchiano nei piatti: dalla Zuppa di tinca alla Carpa in crosta di semi di papavero, dalle Zite arrostite con coregone affumicato e carciofi chips al Luccio perca cotto sulla pelle.

®Riproduzione Riservata

In riva al lago: i cinque ristoranti da non perdere

Il Fagiano del Grand Hotel Fasano

Il fascino di una passeggiata sul lago, un piacere da vivere in ogni stagione, anche d’inverno. Tappa doverosa di un Grand Tour, quella verso il lago è un’attrazione atavica. Perfetto per un gita fuoriporta o per un weekend di relax. Abbiamo selezionato 5 indirizzi da non perdere, affacciati sui maggiori laghi italiani.

Piccolo lago: sul lago di Mergozzo, un ristorante 2 stelle Michelin, che è una bomboniera di romanticismo. Tavolini che si affacciano sullo specchio che riflette chi desina qui. Lo chef Marco Sacco, nell’ultimo anno, ha portato avanti il progetto Gente di Lago, per la valorizzazione dei pesci di acqua dolce. Lo spunto in più? Allo chef table’s non c’è preparazione culinaria per i 23 assaggi di Sacco, sempre sublimi.

Battipalo: sul lago Maggiore a Lesa. A pochi chilometri da Stresa e Isola Bella un romantico ristorante che ha visto il recupero di una stazione di attracco dei traghetti. Qui la chef Simona Benetti tratta magistralmente il pesce di lago, per una cucina sincera e delicata, piena di amore per la stagionalità e con un tocco di erbe dell’orto. Gabriele, in sala, si occupa dell’abbinamento dei piatti con champagne di nicchia, che ricerca personalmente.

Berton al lago: recente stella Michelin allocata dentro l’hotel Il Sereno a Torno, sul lago di Como, con la consulenza dello chef Andrea Berton. La proprietà di Luis Contreras vuole replicare Il Sereno Hotel, già presente a Saint Barth, nelle Antille francesi. La cucina è nelle mani di Raffaele Lenzi, napoletano doc, appena uscito dall’hotel Bulgari, di Milano. Il piatto da non perdere? Merluzzo marinato alla soia, chips di riso, verza arrostita e umeboshi, piatto accompagnato da una tazzina da caffè con, all’interno, brodo di baccalà.

Lido 84: una stella Michelin per Riccardo Camamini, ma si vocifera possa raggiungere la seconda. Una cucina fatta da tanta ricerca e cura maniacale a un prezzo, contenuto, per l’esperienza fatta. Qui, dove tra canfori e ulivi, oleandri e buganvillee, comincia la meravigliosa “Riviera dei Limoni” e i sapori si concentrano decisi in perfetto equilibrio.

Il Fagiano del Grand Hotel Fasano: una proposta che richiama la Belle Époque, la simpatia dello chef Matteo Felter e una linea di piatti classici dallo stile moderno, con tante specialità lacustri. Una sala in legno, che richiama il calore di un’altra epoca e una gin lounge, pieds dans l’eau, che ci riporta nel presente.

®Riproduzione Riservata

Un viaggio in Toscana tra i Borghi Bandiera Arancione

San Casciano dei Bagni

L’incrocio tra Val di Chiana e Val d’Orcia è un riempirsi gli occhi di castelli, torrette, colline e boschi; l’olfatto del delizioso tartufo e la forchetta di una buona chianina. Grandi spazi verdeggianti al sole, che parlano di nobiltà, di guerre antiche e di cultura. Un itinerario di un weekend, per tre borghi Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, tra i più interessanti della Toscana, da Chiusi a San Casciano dei Bagni, fino a Sarteano. Piccole frazioni nell’entroterra, immerse nella natura, entro i diecimila abitanti e con una pregnante attività culturale. D’altronde, il 2017 è stato dichiarato anche “l’anno dei borghi”, dal Ministero del Turismo e si sta sempre più sviluppando una tendenza a preferire piccole perle di storia, da Bergolo in Piemonte, – il più piccolo borgo Bandiere Arancioni con 71 abitanti – a San Vito al Tagliamento, in Friuli, con quasi 15mila. La ricerca delle tombe etrusche ci porta a Chiusi, patria di Re Porsenna: leggenda narra che per un periodo dominò Roma e proprio sei mesi fa è stata scoperta una nuova sfarzosa tomba nella necropoli di Poggio Renzo, che sembrerebbe essere regale. Una Toscana di confine che regala emozioni, come quelle che si provano di fronte all’abbraccio del Museo Etrusco, un coperchio funerario che simboleggia un amore straziante, come quello dell’ultimo addio tra innamorati. Tra canopi, vasi antropomorfi e tombe funerarie anche le opere di Bizhan Bassiri, artista iraniano trasferitosi a Chiusi, che ha recentemente esposto le sue opere alla Biennale di Venezia, creano un suggestivo contrasto. Poco distante il museo della cattedrale, con una tra le più importanti collezioni di codici miniati e il labirinto di Porsenna, una rete cunicolare che attraversa i sotterranei del paese, dove vengono organizzati divertenti caccie al tesoro etrusco. Qui è terra del brustico: il particolare persico di lago abbrustolito secondo le ricette etrusche, con le sottili canne del lago di Chiusi, che si possono degustare al ristorante Pesce d’Oro, in abbinamento al suggestivo Kernos, il vino che matura in un cunicolo dell’azienda Poggio ai Chiari. Altro ristorantino da frequentare, proprio in centro paese è La Solita Zuppa: tra l’aglio del bacio (ovvero l’aglione della Val di Chiana, non contente allina, quindi ovvia alla consueta cattiva digeribilità), ragù toscano e le ricette medicee è un indirizzo da provare. Il giorno successivo approcciate il borgo medioevale di San Casciano, qui un’ampia terrazza che si affaccia sulla valle è spesso teatro d’incontri con vip e personaggi dello spettacolo, che vengono in vacanza in questo borgo. Senza dimenticare essere il paese con il più alto numero di chianine in provincia di Siena, come ricorda Serena Mori, presidentessa del Consorzio Terre e Terme. Poco distante si trovano le Cantine Ravazzi, “azienda toscana in cantine umbre”, dove degustare una microproduzione di sole 2mila bottiglie di Vinsanto Occhio di Pernice, 98 punti per la guida vini di Luca Maroni, il migliore nella sua categoria. Da qui ci si sposta alla frazione di Palazzone, dove assaporare la produzione di vino e olio biologico di Cantina Mori, alla quarta generazione, dove ammirare anche il frantoio settecentesco, con la macina a pietra. Sempre poco distante, se avete la fortuna di strapparlo ai suoi boschi, è interessante scambiare quattro chiacchiere con un tartufaio doc, Gianni Barzi di Podere Bulgherino, 100 ettari incontaminati dove, con i suoi lagotti romagnoli e spinoni, ricerca i pregiati tuberi. Perla gastronomica locale e non solo, a Castello di Fighine, altra frazione di San Casciano, lo chef Heinz Beck – 3 stelle Michelin de La Pergola a Roma – ha formato il giovane e promettente chef Gianluca Renzi, già stellato a soli 28 anni. Al Castello è affascinante pranzare sulla terrazza coperta di glicine bianco, rimbalzando tra la tecnica della scuola di Heinz e ottimi prodotti del territorio, senza perdere la visita, a pochi metri, della bucolica Pieve di San Michele Arcangelo. Altra meta per gli amanti dei sapori autentici è l’agriturismo Il Poggio, piccolo resort con ristorante e 100 ettari di coltivazione bio, con oltre 2400 olivi, il vigneto che produce Orcia Doc, lino bio, allevamenti di cinta senese, polli bio di razza rustica e un maneggio con quindici cavalli tra arabi e maremmani, un vero gioiello nella campagna più autentica, un’azienda agricola alla 14esima generazione. Prima di ripartire è d’obbligo una sosta ristoratrice alla stazione termale di Fonteverde: un maestoso palazzo rinascimentale che domina la fonte, voluto dal Granduca Ferdinando I de Medici, fra dolci colline, boschetti di cipressi e piccole chiese. Ci si può riposare guardando l’orizzonte dalle piscine panoramiche, lasciandosi cullare da una temperatura costante a 42 gradi. Il tour si conclude a Sarteano, con il racconto della giostra del Saracino, sentito quanto il Palio di Siena. Lo scopo è quello di infilare l’anello tenuto dal moro nella lancia, senza essere disarcionato. Un borgo che è la fedele riproposizione dell’Italia medioevale e che ha dato i natali a Papa Francesco Tedeschini dei Piccolomini, al secolo Pio III. Proprio qui si trova uno degli affreschi meglio conservati dell’epoca etrusca: la tomba della quadriga infernale, proveniente dalla necropoli di Pianacce. La tappa a Sarteano merita anche solo per ammirare la magnificenza del serpente a tre teste, più grande nella storia antica e il colorato ippocampo, in una città che, tra i tanti archi murati, vuole mantenere netta la separazione tra mondo dei vivi e dei morti.

®Riproduzione Riservata

Tutte le novità della guida Michelin 2018

L’olimpo dei tre stelle Michelin si è allargato a quota nove. Entra nella top 9 dell’alta ristorazione il ristorante più a nord, il St. Hubertus di San Cassiano, capitanato da Nobert Niederkofler, da tutti conosciuto anche come l’ideatore del progetto internazionale Care’s – The ethical chef. Forse è proprio la sua lungimiranza su temi caldi e futuristici nel mondo della ristorazione, che gli conferisce quel quid in più da terza stella. Questa la versione di Michael Ellis, direttore internazionale delle guide Michelin: «I piatti rivelano la personalità dello chef. Quelli di Niederkofler, del ristorante St. Hubertus, sanno raccontare mille e una storia. I protagonisti sono la natura, la cultura e i gusti schietti e intensi delle sue montagne, la passione e la fatica quotidiana dei contadini e degli allevatori, la qualità eccelsa dei loro prodotti, le tradizioni e i metodi tramandati, il calore dei masi, il desiderio di viaggiare per imparare e di ritornare per ritrovare il proprio stile di vita, l’impegno, la cura, la costanza che si sposano con l’entusiasmo e la leggerezza. Nei suoi piatti si gustano questi sapori, si vedono le montagne, si ascoltano queste storie. L’incontro con questa cucina non è un pasto, ma un’indimenticabile esperienza umana». Siamo arrivati a quota 356 ristoranti stellati in Italia, ma nessuna donna, quindi una Rossa un po’ al maschile per il 2017. Ma la 63a edizione della Guida ha altre succosissime novità, passa da una a due stelle Andrea Aprea Vun, all’interno del Park Hyatt a Milano che «guarda al futuro senza mai dimenticare le sue origini» come racconta Sergio Lovrinovich, Direttore Guida Michelin Italia; una stella in più stella per il giovane, quanto bravo, Matteo Metullio, «talento innato», del ristorante La Siriola, a San Cassiano. In Alta Badia si spinge sull’acceleratore; ma anche la Romagna si arricchisce  di due stelle: Alberto Faccani, ristorante Magnolia, a Cesenatico,  che si contraddistingue per «curiosità, creatività e disciplina».
La carrellata di nuovi stellati italiani, invece, è lunga: Enrico Bartolini concquista, ancora, una nuova stella, collezionando la quinta con il Glam a Venezia.
A Milano, invece, si consuma un dramma: il televisivo Carlo Cracco, in procinto di aprire in Galleria e fresco di nuova opening con il suo Garage insieme a Lapo Elkann, è stato punito per cotanta assenza dal ristorante, si attesta quindi a una sola stella. Un altro big della ristorazione perde una stella conquistata per ventanni, Claudio Sadler, a pochi giorni dalla pubblicazione del suo libro “I miei nuovi menu”, edito da Giunti. A Milano, capitale gastronomica per eccellenza, ci sono anche tre luminose nuove stelle: Contraste di Matias Perdomo; Eugenio Boer a Essenza e Roberto Conti al Trussardi Alla Scala. Sempre in Lombardia, Andrea Berton non conquista la seconda al suo ristorante al Berton al Lago, all’hotel Il Sereno di Torno. Prima stella anche per Villa Giulia di Maurizio Bufi (Brescia) e Florian Maison a San Paolo d’Argon (Bergamo). A Treviso il giovane Francesco Brutto è stato premiato per la cucina di Undicesimo Vineria. A Tirolo (Bolzano), festeggia, invece, Culinaria im Farmerkreuz. La si aspettava la stella di Andrea Ribaldone nelle Langhe con l’Osteria Arborina, ma a fargli compagnia anche Andrea Larossa, con La Rossa. Anche la capitale non scherza con le stelle: da Adriano Baldassarre – del Tordomatto – a Fabio Ciervo, a La Terrazza dell’Hotel Eden; alla riconferma di Riccardo Di Giacinto, per All’Oro, all’interno del relais The H’All Taylor Suite. In Toscana festeggiano Cum Quibus di Alberto Sparacino; a San Gimignano, Poggio Rosso con Fabrizio Borraccino (Castelnuovo Berardenga) e Perillà (Castiglione d’Orcia).
In Abruzzo D.One Restaurant, il primo ristorante diffuso con stella d’Italia, un’idea di Davide Pezzuto, a Roseto degli Abruzzi. A Sud è contemplata solo la Campania (ultime news dalla Campania): prima stella per Cristoph Bob, con la cucina de Il Refettorio, per La Serra di Luigi Tramontano a Positano e per La Locanda del Borgo a Telese Terme.

®Riproduzione Riservata

LA MAGIA DELLA CUCINA MEDIORIENTALE FINALMENTE A ROMA

Za’atar, un’antica miscela di spezie diffusa in tutto l’ex impero Ottomano e CA nell’attuale Middle East, è, ora, anche un ristorante al Testaccio: un melting pot di cultura e un’apertura verso l’Oriente. Ventuno spezie donano a questa salsa il particolare mix che dà il via a questo viaggio culinario che, dalla capitale italiana, porta nelle variopinte vie di Istanbul, tra gli arazzi di Gerusalemme, nell’intrigante deserto marocchino e tra le assolate dune persiane. Proprio in questo periodo in cui il Medio Oriente è, purtroppo, associato alla paura, Luca Piperno, imprenditore di successo nel campo della ristorazione romana, ha voluto creare un ristorante che avvicini alla cultura del Middle East, insieme ai soci Mayer Naman, Victor Nahum, Michele Aprile e Marco Domenicucci, già rodati con i locali, Dolce, Retro e Casa 900. “Vogliamo sdoganare il concetto della cucina mediorientale, che non è solo kebab e cous cous e che si presta a una ristorazione di livello. Esempi chiari, in questo senso, sono le aperture di Cleo Hollywood a Los Angeles, Momo a Londra e El Jardin del Califa a Cadice”. Blu cobalto alle pareti, un ricordo delle notti d’Oriente e decori arabeschi da Mille e Una Notte, curati dall’architetto spagnolo Elena Piulats, con smalti colati e il bancone del bar con gli ottoni piegati, acidati e invecchiati, oltre alle decorazioni marocchine che tracciano la via del tavolo. Il menu spazia tra ricette libanesi, israeliane, greche, marocchine e persiane. Tra gli antipasti da provare gli speziati hummus, lo tzatziki e le insalate dagli ingredienti ricercati come menta, melograno, barbabietole viola, pesche e miele. La punta di diamante sono, però, i gamberi fritti avvolti in pasta kataifi, serviti con avocado e salsa di yogurt allo zafferano. Tra i main courses (il concetto tra primi e secondi diventa labile) i Tajine di pollo, manzo, agnello e pesce serviti alla marocchina, ma anche le polpettine di legumi con spezie e coriandolo, la tartare di salmone marinato con harissa e tabulenia. I dessert sono ancora in fase di studio, argomento delicato in Medio Oriente, dove tutti i dolci sono eccessivamente zuccherati per il nostro palato. I cocktail studiati da Roberto Laureri meritano da soli il passaggio al locale: bilanciati, speziati e suadenti come le note della musica araba.

Za’atar
Piazza Orazio Giustiniani 2,
00153 Roma
06 5741382
[email protected]

®Riproduzione Riservata

Essenzialità al palato a Firenze

L’Essenziale diventa più minimal e l’offerta si differenzia, arrivando all’anima della cucina dello chef Cipriani. «Il servizio deve essere veloce, non vi devono essere più barriere tra la cucina e la sala», ecco il credo di chi ha deciso che al suo bistrot si punti al sodo. Un unico menu degustazione a mano libera dello chef per il tavolo che, con lo sguardo spazia nelle cucine, a metà strada tra uno chef table e un vero e proprio pass, per sette portate e per massimo quattro persone. Ai tavolini la proposta è unica: cinque portate, sempre a insindacabile scelta dello chef. Infine la condivisione: su un unico tavolo social, per otto persone, approdano grandi vassoi (per un minimo di due persone a ordine) da dividere, estrapolando qualche proposta dai menu degustazioni. Dietro queste idee, che svecchiano la classica cucina gourmet fiorentina, il giovane chef Simone Cipriani, 32 anni, già a capo di Essenziale da un paio d’anni, dopo le esperienze da Arnolfo a Colle Val d’Elsa, 2 stelle Michelin, oltre al Santo Graal a Firenze, dove ha preso spunto per il suo “servizio da chef”. Ricavato in un ex deposito di camion con travi a vista, quadri d’arte alle pareti, arredi lineari e artigianali, un cassetto da cui l’ospite trova le posate per apparecchiarsi la tavola e un pinguino travestito da pirata che dà il benvenuto agli ospiti. La cucina rispecchia la vita dello chef, zaino in spalla, alla scoperta di sapori e gusti nuovi, senza barriere culturali e mentali. Se dovessimo trovare due città nei suoi piatti sarebbero senza dubbio New York e Tokyo. I piatti da non perdere (e da chiedere a gran voce anche durante il menu al buio) sono la tartare di manzo con marinatura di shiso, rabarbaro e fragola; lo spaghetto freddo, condito con un’ emulsione di aglio sbollentato e alga nori e la rivisitazione della rosticciana, la tipica costa di maiale fiorentina, disossata, brasata e ricostruita come non ci fossero mai stati tanti passaggi prima della tavola, a sorpresa per chi prova a toglierne l’osso.

Essenziale by Simone Cipriani
Piazza di Cestello, 3R, 50124 Firenze
Orari di apertura:                                                  
Da martedì a domenica 19.00 – 22.00
Telefono: 055.2476956
Cellulare: 333.7491973 
Email: [email protected]

®Riproduzione Riservata

Il benessere gourmet delle vacanze nel sud Italia

Il sud Italia ha sempre un fascino misterioso e regioni come la Puglia o la Calabria, negli ultimi anni, hanno visto un incremento esponenziale delle presenze durante la stagione estiva. Luoghi rinomati per la bontà del cibo possono essere anche mete per il benessere del corpo: un viaggio tra le strutture più belle dove trovare entrambi i piaceri nel sud Italia.

La prima tappa del viaggio è la Puglia: ci troviamo al Vinilia Wine resort, a Manduria in provincia di Taranto. Il ristorante Casamatta è capitanato dalla chef Valeria Piccini, che fa scoprire una Puglia del gusto che riunisce i sapori di questa terra all’eleganza della cucina due stelle Michelin. Nel prato della dimora, al tramonto, le lezioni di tai ji con esercizi di Qi Gong coinvolgono i cinque elementi della natura. Ci si può tuffare, poi, nella piscina realizzata con cemento osmotico, che riproduce un fondale marino. Inoltre, è attesa l’apertura, per l’autunno, di una mastodontica spa con i trattamenti, a base di vino, che ora vengono fatti direttamente nelle camere.

Dalla Puglia un salto in Calabria: era chiamata nell’antichità “acqua disgustosa”, ma ora, nell’epoca del benessere, l’acqua delle Terme Luigiane è super ricercata, anche se impregna i vestiti e la pelle di zolfo, avendone la percentuale più alta d’Europa. Ogni due settimane prende vita la serata calabra: antipasto con salumi e formaggi tipici, la bruschetta con la ‘nduja, la marmellata di cipolle rosse di tropea e le polpette di carne sono solo alcuni degli spuntini proposti, per concludere con una serata danzante a tema calabrese nell’Hotel Terme Lunigiane della struttura.

Dalla Calabria basta attraversare uno stretto per trovarsi in Sicilia, nella splendida Taormina, qui al Belmond Grand Hotel Timeo si gode il “Sicilian Ritual”, all’interno del centro benessere della struttura: massaggi ai fiori di Neroli e trattamenti per i piedi, con la lava vulcanica della vicina Etna. Per chi vuole godere delle gioie del palato lo chef Roberto Toro, siciliano verace, riscopre la semplicità della cucina tipica sicula e propone, tra i piatti signature, la pasta alla Norma o con le sarde e il tonno in crosta di quinoa, con zucchine e salsa all’arancia.

Poco distante, a Castiglione di Sicilia e ai piedi dell’Etna, il Pìcciolo Etna Golf Resort & Spa offre un completo relax nel cuore del parco dell’Alcantara e dei Nebrodi: una spa di 1.000 mq con sauna, bagno turco, idromassaggio, water paradise, piscina idroterapica. Due ristoranti propongono una cucina ispirata alla tradizione siciliana, con la filosofia dello chef stellato Andrea Ribaldone: “Fresco, Italiano e Semplice”.

®Riproduzione Riservata

Il benessere gourmet delle vacanze nel centro Italia

Chi indugia nei piaceri del piatto difficilmente si nega quelli del corpo, la tendenza gourmet e quella benessere si sposano perfettamente e, sempre di più, i pacchetti weekend e vacanze contemplano entrambi gli aspetti. Un viaggio tra le strutture più belle dove rilassarsi nel centro Italia.

Nell’esclusiva Versilia, il Principe Forte dei Marmi è il boutique hotel e spa più esclusivo della zona. Nome curioso, ma d’impatto quello della spa, Egoista, disposta su 400 mq, un vero e proprio grido di benessere. Cucina all’avanguardia per il ristorante gourmet all’interno della struttura, il Lux Lucis, con la firma dello chef Valentino Cassanelli: l’esperienza più esclusiva è quella allochef’s table, per un menu degustazione da 12 portate.

Dalla Versilia alla Firenze dei Medici: il Four Seasons si affaccia sul Giardino della Gherardesca, 4,5 ettari ricchi di fascino, che dagli inizi del XIX secolo è dimora di piante rare e in via di estinzione. Al centro benessere il must è il massaggio con il vino del Chianti. A  capo della cucina del Palagio, una stella Michelin, lo chef Vito Mollica, una location che conserva ancora le originali colonne e il soffitto a volta, creando un’atmosfera intima e suggestiva, coronata da piatti che propongono alta cucina italiana e toscana.  

Da Firenze al cuore della Toscana più autentica. Il borgo di Castelfalfi ha un ricco passato medioevale che oggi è stato arricchito da Tui Blue Selection, con il Toscana Resort Castelfalfi, cinque stelle con un’ampia area benessere. Per un’esperienza gourmet, il ristorante La Rocca si colloca all’estremità dell’antico Borgo da cui domina i 1.100 ettari che compongono la tenuta. Guidata dall’Executive Chef Michele Rinaldi, La Rocca di Castelfalfi si distingue per il gusto e la passione che costituiscono ogni piatto offerto dal ricercato menù in cui si riscontra il fascino della storia.

Il passo è breve per raggiungere Saturnia eil resort a 5 stelle membro del gruppo Leading Hotels. Terme di Saturnia Spa & Golf Resort regala grandi soddisfazioni a chi è in cerca di benessere: proprio qui sgorgano le acque conosciute sin dall’antichità, a una velocità di 500 litri al secondo e a una temperatura costante di 37° C. Una cucina raffinata come quella dei ristoranti Acqualuce, le cui vetrate si affacciano sulla magia della sorgente, si fonde con il piacere termale e All’Acquacotta, 1 stella Michelin, capitanato dallo chef Giuseppe Zibetti.

Dalla Toscana all’Umbria più verace, siamo a Todi, dove si possono provare rituali dalle radici antichissime. Dalla flower experience ai trattamenti al sale rosa dell’Himalaya. Al Country Chic Resort Roccafiore, un viaggio per il palato al ristorante gourmet Fiorfiore con diversi menu proposti dallo chef Carlo Grimaldi e preparati utilizzando esclusivamente prodotti dell’azienda agricola Roccafiore (vino, olio, verdure, legumi) o di aziende vicine (carni, formaggi, tartufi).

Il benessere si coniuga con le esperienze gourmet: gli indirizzi nel nord Italia

La parola benessere è sempre più associata all’esperienza gourmet: stare bene significa prendersi cura del proprio corpo, ma anche della propria mente. Il cibo riesce a coinvolgere anche i fanatici della forma fisica, grazie alle nuove proposte light e salutistiche. Un viaggio tra le strutture più belle del nord Italia, dove rilassarsi a 360 gradi.

Il nostro excursus parte dalla Valle D’Aosta, da Eco Wellness Hotel Notre Maison, nella valle di Cogne: atmosfera da chalet di montagna e una cucina della tradizione locale, capitanata dallo chef Simone Carlone. Polenta, fonduta o gnocchi d’orzo, benessere garantito dal laghetto alpino esterno, immerso nel verde con una temperatura costante di 35°.

Dalla Valle d’Aosta al Piemonte, in un castello del 1500, al ristorante Q33. Lo chef Maurizio D’Andretta, executive del country resort Al Castello di Sillavengo, propone una cucina gourmet all’insegna della mediterraneità. Dalla sala delle Colonne, la principale del castello, si passa alla piscina racchiusa dalle mura della struttura, alla grotta del giardino, per salire al centro massaggi.

Ci si sposta in Lombardia, in quello che possiamo definire un agriturismo chic a neanche mezzora di auto da Milano. Cascina Caremma è un’azienda agricola di 36 ettari con un’autarchia pressoché totale per il ristorantino e la SPA, ricavata da un’antica stalla, i cui prodotti per i trattamenti vengono pensati e prodotti internamente.

Immersa nella Franciacorta, l’Albereta Relais & Chateaux è il suggestivo resort della collezione Terra Moretti Resorts che ammalia al primo sguardo. L’Espace Chenot Health Wellness SPA è un progetto unico in Italia, firmato da Henri Chenot. Quattro esperienze gourmet: dalla degustazione dei vini della cantina Bellavista, alla vista del ristorante Vistalago Bistrot, l’adiacente ristorante Leone Felice, capitanato dallo chef Fabio Abbatista, per finire con La Filiale, la nuova proposta pizza gourmet firmata da Enzo Coccia.

Un hotel dedicato al benessere, l’Aqualux Spa a Bardolino, sul Lago di Garda: otto piscine, con percorsi di acqua corrente, stazioni idro e aereo massaggio, oltre alla recente apertura gourmet di EVO, capitanata dallo chef Simone Gottardello: una lunga esperienza nelle cucine dello chef Giancarlo Perbellini, 2 stelle Michelin di Verona.

Al Belmond Cipriani di Venezia la commistione cucina e benessere si fa ancora più forte: dal ristorante stellato ai numerosi trattamenti specifici della SPA Casanova. Lo chef Davide Bisetto è stato recentemente insignito della stella Michelin al ristorante Oro.

®Riproduzione Riservata

Sushi all’italiana: dal Giappone all’Italia

Il sapore della cucina del Sol Levante, con i condimenti all’ italiana e un design che ricorda le Hawaii nascosto, però, in una viuzza laterale “vecchia Milano”, nei pressi di Corso Sempione. Fusion è l’aggettivo che caratterizza Kitchen Society, la sintesi del percorso di vita dello chef Alex Seveso, con tante esperienze condensate in gusti decisi, ma armoniosi. Appassionato giocatore di golf e del bien vivre, stile Miami Beach di 20 anni fa, Alex ha sempre amato il sushi e il sashimi, eleggendolo a suo principale nutrimento. Rispetto a quello che si prova in Italia, però, indipendentemente dal ristorante di lusso o dal take away finto giapponese, il sushi qui è sempre intriso da forte salsa di soya e wasabi, tanto da perdere il gusto del pesce fresco. Il condimento sovrasta il sapore del piatto.
Ecco come nasce l’idea di un sushi all’italiana: le migliori tecniche giapponesi unite ai condimenti italiani, la materia prima viene così esaltata da selezionati olii extravergine d’oliva, capperi di Pantelleria, granelle di pistacchio di Bronte, creme di tartufo bianco e di erbe, spezie mediterranee. A Miami il successo. La proposta di aprire catene di ristoranti, società e franchising. L’Italia chiama e Alex Seveso decide che vuole un unico ristorantino, il suo, dove poter sperimentare continuamente nuovi piatti nell’amata Milano, che lo ha visto nascere. Cosa non manca mai nelle creazioni dello chef? Un gusto orientale abbinato al meglio dei sapori italiani, un forte senso dell’estetica e quel tocco caraibico immancabile in chi ha vissuto a Miami.
I must da provare sono il Nigiri Rocher, un gamberone affumicato al pepe, con granella e crema di pistacchio che s’ispira, come tecnica di pralinatura, al noto cioccolatino; la Polpo salad, si parte da un semplice polpo lessato e poi grigliato, abbinato a un’ insalata di cavolo cappuccio con avocado, acciughe e paprika dolce; i risottini fusion con riso giapponese non mantecato (da provare la versione giallo Milano, per una vera e propria fusion) con gamberi, avocado, peperoni e crema al tartufo bianco o quello con mix di salmone, orata, tonno e gamberi con olive, capperi e basilico; tra gli uramaki rolls i migliori sono quelli con orata, burro e salvia (una rivisitazione di una classica ricetta lacustre, il risotto con pesce persico).
Se la novità è la regola, il menu continua a cambiare a seconda dell’estro dello chef: per l’estate i nuovi antipasti come il burger di salmone scottato alla piastra su riso condito e alghe goma wakame; la caprese di tonno tonnato con mozzarella di bufala; il totanetto scottato, ripieno di riso con peperone su purea di fagioli cannellini al vino bianco; il gunkan di King Crab, con acciughe del mar Cantabrico; gli uramaki di gamberi rossi al pesto ligure e diverse proposte con jamon iberico Pata Negra de Bellota de cebo de campo, anche in versione mini hamburger, stanno conquistando rapidamente la clientela.
Lo chef non ama mettersi in mostra, preferisce incontrare i clienti per caso, perché spinti nel vicoletto invisibile di via Chizzolini, per il passaparola, per la curiosità, per il gusto. Preferisce lasciar parlare i Paesi che ha visto, amato, vissuto.

 

Kitchen Society
Via Gerolamo Chizzolini 2
20154 – Milano
Tel. 340.6763939
Chiuso domenica e al pranzo di sabato
Orari cucina: 12-14.30/19.30-23.30

www.kitchensociety.it

®Riproduzione Riservata

 

LIMPIDA COME L’ACQUA

Andrea Renzo Vaccani, 27 anni, è a capo di un’azienda che commercializza oltre 80 milioni di bottiglie l’anno di acqua oligominerale. La sua è tra le acque con la più bassa percentuale di sodio (0,9), idonea anche per la preparazione degli alimenti dei lattanti (come riconosce il Ministero della Salute). La storia di Chiarella inizia nel 1965 nel comune di Plesio, sul Lago di Como, con l’imbottigliamento dell’acqua a soli 650 metri dalla fonte. Martin Reise, considerato il più influente water sommelier del mondo, ha inserito quest’acqua tra le sue preferite, gli esclusivi hotel e ristoranti affacciati sul lago di Como la propongono nelle proprie liste e, persino una delle star più famose di Hollywood, la preferisce durante i suoi soggiorni a Laglio. MANINTOWN ha intervistato il giovane signore dell’acqua, presente in luxury hotel e ristoranti stellati in Italia e nel mondo
Cosa provi ad essere a capo di un’azienda tra le maggiori in Italia e sui principali mercati internazionali a soli 27 anni? Cosa hai dovuto fare di più rispetto ai tuoi coetanei? Quali sono i pregi e i difetti di questa responsabilità?

Credo che il lavoro sia, nel suo significato più meritevole, una forma di realizzazione della propria interiorità, un concretizzarsi di ciò che ci rende unici e indistinguibili. Tempo fa ho ritrovato nella mia libreria una poesia di Charles Bukowski, che recita: “Se hai intenzione di provarci, fallo fino in fondo.” Vivo il lavoro e la vita privata con la stessa intensità, come se fosse un’unica opportunità di realizzazione di ciò che sono. Il mio ruolo pretende dedizione assoluta, una forte dose di lucidità che deve coesistere con un intelligenza intuitiva. Il lavoro mi dà, quindi, una forte libertà espressiva, ma esige anche grandi attenzioni e un impegno costante in termini di tempo.

Il lago di Como è ancora glamour? Perché qui l’acqua è particolarmente pura?

“Il lago di Como negli ultimi anni è cresciuto sia in ambito turistico, sia mediatico. Credo che oggi sia una delle mete turistiche più allettanti a livello mondiale. I margini di crescita sono ancora enormi, ma sono possibili unicamente se vi sono investimenti sui servizi, sulla logistica e sull’offerta culturale. L’impatto emotivo e paesaggistico del lago rimane imbattibile e va valorizzato il più possibile in ogni sua declinazione. Il jet set internazionale continuerà a riunirsi qui finché l’offerta turistica si muoverà su queste coordinate. L’unicità di Chiarella in termini qualitativi e, in un certo senso, “emotivi”, è data proprio dalle caratteristiche geografiche del luogo. Le montagne cadono a picco nel lago o, come scrisse Alessandro Manzoni ,“monti sorgenti dall’acque, ed elevati al cielo” e la conformazione geologica della montagna fornisce un’ acqua estremamente equilibrata, con un mix perfetto di calcio, magnesio e potassio”.

Può un’acqua essere oggetto del desiderio, tale da richiederla quando ci si siede al ristorante?

Assolutamente sì. L’interesse sempre maggiore del consumatore per il benessere, ha portato a una crescente attenzione rivolta all’elemento più importante della nostra dieta: l’acqua. Il consumatore ha raggiunto una forte maturità in termini di scelta e di comparazione dei prodotti e una consapevolezza impensabile fino a 15 anni fa: oggi è proprio lui che, a ragione o torto, determina le scelte del ristoratore e non più il contrario. Finalmente, permettetemi di aggiungere.

Condiziona anche il gusto dei piatti?

Certamente. La regola base prevede acque con un residuo fisso più alto per la carne e i cibi conditi, invece, con un residuo fisso più leggero, per il pesce e i piatti più delicati. Questa regola è la declinazione di un noto dogma culinario: vino rosso per la carne e vino bianco per il pesce.

La carta delle acque ha senso in un ristorante?

I ristoranti che stanno registrando sempre maggior successo sono quelli che si distinguono per la ricercatezza delle loro proposte culinarie. In tal senso, la carta delle acque mi sembra un passaggio obbligato per chi propone certi tipi di standard.

Come si diventa water sommelier e come si distingue un’acqua premium da una di qualità inferiore?

Per distinguere un’acqua premium da una di primo prezzo potrei suggerire numerosi parametri; dall’equilibrio dei sali minerali alla provenienza. Importantissimi sono i dati tecnico-scientifici, ma l’esame da passare è sempre quello del gusto.

Pregi e difetti dell’acqua microfiltrata e differenze con i tuoi competitor

Intanto una premessa: l’acqua microfiltrata non è acqua minerale, è un prodotto completamente diverso. Chiarella si presenta con un prodotto leggero, la percentuale di sodio è tra le più basse del mercato, ma straordinariamente equilibrato e adatto alla dieta di tutti i giorni. Le acque con un residuo fisso molto basso non portano alcun tipo di nutrimento, ma, come dichiarato dall’OMS, sono dannose sul lungo periodo, perché assimilabili all’acqua distillata. Io raccomando sempre una scelta oculata, figlia della consapevolezza piuttosto che dei consigli pubblicitari. Quindi anche la mia acqua deve essere bevuta con criterio.

Ogni anno la legge italiana alza la soglia di tolleranza per i componenti nocivi che si trovano nelle acque minerali, cosa ne pensi? I valori di Chiarella sono cambiati nel tempo?

“No, da 54 anni, tempo trascorso dalla prima bottiglia uscita dal nostro stabilimento, i valori di Chiarella sono rimasti invariati nel tempo e questa è garanzia assoluta del valore del nostro prodotto. Non sono d’accordo di continuare ad alzare l’asticella della soglia di tolleranza proposta dal governo, si rischia di legittimare dosi sempre più alte di minerali pesanti.

Che iniziative avete pensato di promuovere per far conoscere la vostra acqua?

Da un anno abbiamo lanciato il progetto “Dalla parte dei piccoli”, insieme all’associazione Action Aid, donando una percentuale del prezzo di acquisto alla fondazione, per il supporto dei suoi progetti sulle scuole italiane. Da luglio prossimo lanceremo un nuovo progetto chiamato Symposion: ciclicamente verrà chiesto ad artisti internazionali di reinterpretare la nostra etichetta, tramite un opera d’arte originale. Il nome del progetto è ispirato al simposio di Platone.

Dove siete maggiormente presenti in Italia e all’estero?

Il nostro fatturato si divide per il 70% sul mercato nazionale e il 30% dell’estero. I nostri prodotti sono distribuiti principalmente nel Nord Italia, fino alla Toscana, all’estero siamo regolarmente distribuiti in più di nove Paesi in ambito Ue ed europeo.

®Riproduzione Riservata

Il locale dove degustare. Lentamente

Lo chef Domenico Della Salandra torna alla carica con un nuovo progetto. Dopo essersi fatto amare da Il Taglio, in via Vigevano, in zona Navigli a Milano, ora si sposta in un quartiere upper class, accanto alla fermata Turati, a metà strada fra il Duomo e la Stazione Centrale. Ha aperto, in sordina e da circa un mese, un ristorante che, sicuramente, sarà molto frequentato dove, tra orchidee e cactus più unici che rari, consumare lentamente un buon piatto di casa, realizzato con tecniche da cucina stellata.
È proprio questa la filosofia di Desinolento, in Galleria Turati. Una carta che a pranzo cambia quotidianamente, garantendo ingredienti selezionati, freschi e stagionali, appartato e solo per pochi. Al momento l’apertura è solo per il pranzo, ma presto sarà elaborato un menu degustazione a 60 euro, per la cena, con piatti semplici, ma sfiziosi. Desinolento: una parola arcaica per sottolineare l’antico rito che incita a consumare in convivialità un pasto, assaporandolo fino in fondo; ecco perché spesso in menu si trovano anche piatti che “gridano” casa.
Alle pareti sono esposte mostre temporanee della galleria Deodato Arte; gli ambienti sono corredati da musica elettro jazz, pop anni ‘70 e da qualche momento rock. Il ristorante è molto materico, con delle tendenze anni ‘50, materiali diversi, sedie spaiate, dove l’unicità di ogni singolo angolo rende il locale sempre diverso. Un grande tavolo social- conviviale al piano superiore, che sembra a prima vista ricavato dal cuore di un albero, fa da contraltare a un bancone retroilluminato di finta ossidiana, più pacato e semplice il primo, effervescente e impegnativo il secondo.
Questo è il regno di Davide Mingiardi, ex Enocratia, che fu il tempio del buon bere a Milano e con esperienza nel bistellato Arnolfo, in Toscana. Il suo fare, spigliato e attento al tempo stesso, rende ancora più preziosa la cucina di Della Salandra e del sous chef Raffaele Russo, in perfetto accordo con lo stile del locale: fine dining, ma senza pretese, senza “puzza sotto il naso”. Trenta selezionati vini in mescita, una piccola carta di cocktail old school e i grandi classici della Milano da bere, ma anche svariati gin e 7 diverse acque toniche. L’inaugurazione si attende per i primi di giugno.
La primavera, introduzione al percorso gastronomico è un gioco visivo di colori e consistenze al palato: asparago bianco, verde, scquacquerone, piselli, fragole, crumble di uova e nero di seppia stordiscono e incuriosiscono fino a finire il piatto prima del previsto.
Dopo l’innovazione si passa a qualcosa di più codificato, ma non meno scontato: triglia con crema di patate al limone, zenzero confit, polvere capperi e olive taggiasche. Semplice e accattivante, perfetto per l’estate.
Ecco il piatto di casa – quello che Antonio Guida, chef executive del ristorante Seta del Mandarin Hotel chiese a Della Salandra quando era da Il Taglio e che diventò il suo piatto del cuore – fave e cicoria. Non un tradizionale fave e cicoria, perché si è usato un olio che è rimasto in infusione con 15 spezie e che conferisce, a un piatto visto e rivisto, una nota piacevolmente speziata e intrigante.
Classico anche questo, ma con qualche appunto caratteristico, il risotto cacio e pepe con le zeste di limone. Un ristretto di aceto di mele e il burro acido a mantecare ne attesta l’appartenenza all’alta cucina.
Per chiudere, un cioccolato bianco, lime, menta e ananas sciroppato homemade, realizzato con la tecnica del sottovuoto. Un ristorante dove prendersela molto lentamente.

Desinolento

®Riproduzione Riservata