La bellezza delle tradizioni: Mario Testino celebra la diversità culturale a Palazzo Bonaparte

Palazzo Bonaparte a Roma accoglie fino al 25 agosto una delle mostre più attese dell’anno: Mario Testino – A Beautiful World. Arthemisia presenta un progetto completamente nuovo del celebre fotografo Mario Testino, una figura iconica nel mondo della fotografia contemporanea. La mostra, curata dall’eclettico Patrick Kinmonth, offre una visione inedita e profonda delle tradizioni culturali attraverso gli occhi di uno dei maestri della fotografia.

Mario Testino
© MarioTestino

Nato a Lima nel 1954 da una famiglia di origini irlandesi e italiane, Mario Testino ha rivoluzionato il mondo della fotografia di moda. Trasferitosi a Londra nel 1976, ha costruito una carriera straordinaria, collaborando con le principali riviste di moda e creando immagini iconiche di figure come Kate Moss, Madonna e la Principessa Diana. La sua capacità di catturare momenti privati e intimi ha reso le sue opere leggendarie.

Testino è stato definito il “John Singer Sargent dei nostri tempi” e ha esposto le sue opere nei musei più prestigiosi del mondo. Oltre alla fotografia, ha svolto un ruolo attivo come direttore creativo, collezionista d’arte e imprenditore, contribuendo al successo di molti marchi di lusso.

La mostra Mario Testino A Beautiful World, un viaggio oltre la moda

Negli ultimi sette anni, Testino ha esplorato oltre trenta paesi, catturando con il suo obiettivo circa settanta fotografie di grande formato. In A Beautiful World, l’artista peruviano si allontana dalla fotografia di moda, campo in cui ha dominato per decenni, per immergersi in una ricerca visiva sulle tradizioni vestimentarie di varie culture. Questo progetto non solo celebra la bellezza esteriore dei costumi tradizionali, ma esplora anche il loro significato profondo e simbolico.

«Fin dall’inizio di questo progetto ho sentito di doverlo chiamare A Beautiful World perché stavo scoprendo nuovi tipi di bellezza in luoghi che non avevo mai cercato prima», spiega Testino. La sua missione è chiara: preservare e valorizzare le identità culturali che rischiano di essere spazzate via dalla globalizzazione. Le fotografie presentate nella mostra rivelano la ricchezza e la diversità delle tradizioni sartoriali, evidenziando come gli abiti possano raccontare storie di appartenenza, potere e identità.

Mario Testino
© MarioTestino

La ricerca di Mario Testino

Ispirato dal fotografo peruviano Martin Chambi Jimenez, Testino ha sviluppato un occhio attento per i dettagli che rendono unici i costumi tradizionali. Le sue immagini catturano l’essenza di una cultura attraverso l’abbigliamento, trasformando ogni fotografia in un racconto visivo. Dai lottatori dell’Uzbekistan alle donne Turkane dell’Africa, Testino documenta la straordinaria varietà di abiti che, pur evolvendosi, mantengono un legame indissolubile con le radici storiche e culturali dei loro popoli.

Mario Testino
© MarioTestino

«Nei miei viaggi mi sono reso conto che quando un paese perde il legame tra la sua storia e il suo abito tradizionale, qualcosa di veramente prezioso è andato perduto», riflette Testino. Questa consapevolezza lo ha spinto a creare una serie di opere che celebrano l’autenticità e la bellezza senza tempo dei costumi tradizionali, offrendo al pubblico uno sguardo intimo e rispettoso su diverse culture.

La mostra, patrocinata dal Comune di Roma e supportata da numerosi partner, tra cui l’Uzbekistan Art and Culture Development Foundation, Art Partner e Generali Valore Cultura, rappresenta un itinerario visivo affascinante. Attraverso un percorso tematico, il visitatore è trasportato dal Perù alla Colombia, dal Messico al Giappone, esplorando l’anima di ogni cultura attraverso i suoi abiti tradizionali. Le fotografie di Testino sono un omaggio alla diversità culturale e una potente testimonianza della bellezza che risiede nelle tradizioni.

Mario Testino
© MarioTestino

Il progetto è molto di più di una mostra, ma una vera e propria sfida e un atto d’amore verso le culture del mondo. Testino, con la sua sensibilità artistica e la sua profonda comprensione delle dinamiche culturali, si trasforma in un antropologo dell’estetica, capace di farci comprendere attraverso la fotografia ciò che accomuna e differenzia i vari popoli.

Con A Beautiful World, Mario Testino ci invita a riscoprire e apprezzare le tradizioni culturali attraverso il potere della fotografia, offrendoci uno sguardo affascinante e autentico sul nostro mondo.

MARIO TESTINO A Beautiful World

Palazzo Bonaparte Piazza Venezia, 5 (angolo Via del Corso) 00186 – Roma

25 maggio – 25 agosto 2024

Tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 20.00

FacebookLinkedInTwitterPinterest

© Riproduzione riservata