Bar famosi a San Francisco

San Francisco è una città dalla vivace vita notturna. Ci sono tanti bar dove bere un drink fino a tarda notte, ma anche dove fare un’ottima colazione. Se vi trovate in questa splendida città per dovere/lavoro o per piacere dovete andare almeno una volta in uno di questi locali a degustare un’ottima colazione o un cocktails.

Ecco quali sono i bar famosi di San Francisco da non perdere.

8 bar famosi a San Francisco

Mama’s è uno di questi. Situato al 1701 St. Street, apre dalle 8 di mattina alle 3 del pomeriggio ed è quindi il luogo ideale per fare una golosa colazione, per chi desidera i veri pancakes americani ai frutti di bosco e sciroppo d’acero.

Cafe Du Nord a Castro, invece, è un bar situato al 2170 Market Street, e sta lì da prima del Proibizionismo. Si tratta di uno dei luoghi storici più amati in città dove sorseggiare cocktail al ritmo di musica dal vivo.

A Chinatown c’è Far East Cafè, al 631 Grant Street. Si respira aria di un’epoca ormai passata. Accanto a un bel drink, si gusta cucina cantonese e cinese.

Aub Zam Zam è un pezzo di storia a San Francisco, divenuto famoso per l’approccio antipatico del padrone di casa che cacciava letteralmente chi ordinava drink che non erano di suo gradimento.

The Bus Stop” è un bar famoso storico che ha visto la sua gloria nei mitici anni’60. Oggi è una meta più turistica che altro.

 Al 2301 Folsom Street c’è un locale del 1906 che era attivo anche durante il proibizionismo: “The Homestead”. Interni d’epoca e cocktail squisiti lo rendono un bar molto noto ancora oggi.

A Nob Hill c’è il “Tonga Room & Hurricane Bar” che risale al 1945 ed è famoso per il suo aspetto kitch e per la sua cucina.

“House of Shields” invece è un bar aperto nel 1944 come club solo per uomini (le donne furono accettate solo a partire dal 1976). Si tratta di un altro bar storico di San Francisco che merita una visita.

Infine consigliamo il “Vesuvio Cafe” al 255 Colombus Avenue, che era nei decenni passati luogo di ritrovo per hippies e per gli amanti del jazz.

© Riproduzione riservata