Cambio di stagione: come farlo in 3 mosse

Una delle attività che spesso crea stress e che viene puntualmente posticipata a data da destinarsi è il cambio di stagione, ovvero riorganizzare l’armadio facendo spazio all’abbigliamento primaverile ed estivo o viceversa passare da quello estivo a quello autunnale e invernale.

Soprattutto se la famiglia è numerosa e vi sono bambini piccoli, il cambio di stagione, richiede più tempo e organizzazione anche anticipata.

Ecco i migliori consigli per riorganizzare l’armadio in modo del tutto efficace, con soli 3 semplici mosse.

Come fare il cambio di stagione in 3 mosse

Elimina il vecchio e fai spazio al nuovo: cambio di stagione

La parola d’ordine è “fare spazio”, organizzando al meglio ogni ripiano, mensola e cassetto dell’armadio perché infatti, se questi spazi sono gestiti male, il risultato finale sarà caotico. Inoltre risulterà difficile trovare quello che si cerca o aggiungere eventuali nuovi acquisti. Quella del cambio di stagione deve essere anche l’occasione per trovare il coraggio di buttare finalmente via quei capi d’abbigliamento che sono stati indossati poche volte (e di cui l’armadio è spesso pieno).

Il decluttering degli armadi è un’arte e una terapia allo stesso tempo che fa bene anche allo spirito.

Cambio di stagione: riordina per categoria

Il cambio di stagione risulta molto più semplice e divertente se si ha un criterio per farlo. Ad esempio, si può scegliere di posizionare gli indumenti in base alla categoria (pantaloni, jeans, gonne, camicie, T-shirt e così via), per colori o, ancora, per abbinamenti. Quella di riorganizzare il guardaroba per abbinamenti è una strategia molto utile a chiunque debba uscire di casa presto al mattino e non abbia voglia di pensare a cosa mettere già dalla sera prima. Infatti, basterà tirare fuori dall’armadio i capi precedentemente combinati fra loro per avere l’outfit pronto per quella data occasione.

Cambio di stagione: “Accantona” l’abbigliamento invernale

Ora che l’armadio è perfettamente organizzato con i capi primaverili ed estivi, bisogna occuparsi di quelli invernali. Se si ha a disposizione più di un armadio, uno di questi può essere utilizzato per riporre gli abiti fuori stagione; se invece si ha meno spazio, per i capi più ingombranti si può optare per il sottovuoto degli abiti basta attrezzarsi con i sacchetti sottovuoto per abiti oppure per la sistemazione in scatole di plastica, contenitori ermetici o ancora valigie non in uso. Nel caso di contenitori o valigie, se non avete posto nell’armadio e, riponete le scatole del cambio abiti sotto il letto, ricordate di porvi delle etichette con scritto cosa vi avete riposto, così al successivo cambio sarà più semplice sapere da quale partire.

© Riproduzione riservata

x

x