Capelli uomo: i tagli per la primavera

Freschezza e comodità sono le parole chiave dei trend hairstyle 2020: tagli che giocano con sfumature razor fade, look naturale quasi spettinato, lunghezze ridotte che rispondono a una nuova esigenza di praticità e a uno stile molto easy.  Parola agli esperti di grooming di Bullfrog che ci consiglino come non sfigurare questa primavera.

Si parte dal Caesar Cut, il taglio che meglio esprime la tendenza futura, realizzato in una variante estremamente corta, con una lunghezza minima per permettere al capello di essere pettinato. La sfumatura è molto comoda e alta e la frangetta, il tratto distintivo del Caesar Cut, è molto più corta del solito e tendente allo spettinato. 

Ex aequo con il Caesar Cut, il French Crop, ancora più spavaldo rispetto all’anno scorso, con una frangettina ben definita e ordinata, quasi in stile bold fade, e una sfumatura a pelle molto alta, necessaria per enfatizzare le lunghezze sulla parte posteriore della testa, che rimangono più lunghe e morbide rispetto al precedente. 

Molto in voga sarà anche la semplicità del Messy Haircut, un taglio facile da portare eppure carismatico. Più lungo rispetto agli altri tagli, con un “effetto ciocca” spettinato dove le punte vanno via via assottigliandosi per donare un’impressione di look scolpito, di ordine nel disordine. 

Anche per il capello riccio la comodità è il must di quest’anno. Nel Riccio Morbido il capello è molto lungo, ma la lunghezza viene riassorbita dal riccio, neutralizzandone l’effetto. La sfumatura è variabile, scende nella parte posteriore ma rimane alta all’altezza delle tempie. 

L’Executive Contour, infine, un grande classico immancabile nello stile Bullfrog, si presenta in una variante rinfrescata, modernizzata da una riga spessa e segnata, con una sfumatura molto alta e decisa e lunghezze abbastanza corte che rendono il taglio più facile da gestire con diversi prodotti. 

Credits photo: Bullfrog

®Riproduzione riservata

Autore

Condividi