FAB 5, i cinque più scaricati dalle piattaforme

Partiamo dal fatto che sono ancora troppo poche le persone che prendono il loro tempo per andare in sala a vedere il film in uscita al cinema, già eravamo un popolo di pigri prima della pandemia ed ora che i contagi risalgono, il flusso di capienza è sempre più basso.

La soluzione delle case di produzione e del pubblico sono state e rimangono Netflix, Sky ed Amazon Prime Video che ogni settimana ci offrono prodotti diversi con cui intrattenerci tranquillamente a casa. Ecco i 5 Best della settimana.

  1. Strappare lungo i bordi, disponibile su Netflix dal 17 Novembre è la serie animata di Zerocalcare che ha conquistato sin dai primi giorni di uscita il cuore degli spettatori e quello dei contenuti.

Nonostante la polemica su dialetto romano troppo accentuato ed a tratti forse non comprensibile a tutti, posso dire che anche se mi son perso un paio di parole, il risultato non cambia, è un lavoro pazzesco, che fa breccia dove vuole mirare.

Un vero spaccato sui nostri ragazzi Millenial di oggi, che non hanno idea di cosa fare del loro futuro, si laureano, fanno master per poi rimanere disoccupati, e l’unico vero lavoro è quello di mandare curriculum.

  • Squid Game, sempre su Netflix, diventato popolare in pochissimi giorni, in tutto il mondo, si può tranquillamente definire il fenomeno dell’anno, abbiamo visto ragazzi vestiti con i costumi della serie ad Halloween, insomma proprio come era successo per la casa di carta.


La serie si rifà a questo gioco mortale che dilaga tra i ragazzi, insomma non un esempio ma uno spaccato della realtà.

La parte drammatica è arrivata la scorsa settimana con il rientro di un o studente in Korea del Nord, il quale avendo introdotto nel paese una chiavetta USB con la serie TV, e dopo averla fatta vedere ad alcuni amici, la ha venduta ad altri.

Tutto questo è proibito nel regime del Nord, pena la fucilazione, era solo un ragazzo del liceo.

  • Vita da Carlo, su Amazon Prime Video, che è la rappresentazione della vita di Carlo Verdone, uno degli attori comici italiani più amati dal pubblico, che credo davvero sia valsa la pena di raccontare, perché quando si è così popolari la sottile linea del “sei uno di famiglia” e il “non ci conosciamo” è davvero molto sottile.


Quindi la richiesta ostentata dei selfie in qualsiasi momento anche il più intimo e privato, dove però Carlo cerca sempre di esimersi dal dire di no.

Arrivando a qualche anno fa quando era girata la bufala, che poi tanto bufala non era che Verdone si volesse candidare sindaco, anche se non lo ha mai pensato si è ritrovato a rifletterci per qualche giorno per come smentire la notizia.

  • Un castello per Natale, su Netflix, è si i film con tematica Natalizia si avvicinano, e questo sembra raccogliere ottimi feedback da ogni parte, sarà forse anche la presenza della nostra amata Brooke Shields, che per chi è stato un ragazzo negli anni 80’ ha rappresentato una vera icona di bellezza per un paio di decenni, partendo da quella pubblicità di jeans per Calvin Klein che recitava così: “sotto i miei Calvin? Niente!”.


Un castello per Natale è un film di Mary Lambert con Cary Elwes, Brooke Shields, Vanessa Grasse, Suanne Braun, Lee Ross. La sceneggiatura è stata scritta da Kim Beyer-Johnson, Ally Carter. I produttori esecutivi sono Steve Berman, Brad Krevoy. Montaggio a cura di Suzy Elmiger. La colonna sonora è stata composta da Jeff Rona.

In fuga da uno scandalo, la scrittrice Sophie è in Scozia, quando si innamora di un antico castello e decide di acquistarlo. Ma l’attuale proprietario, il riottoso Duca di Myles, non intende vendere a una straniera.

  • Tiger King, è arrivata la seconda stagione su Netflix di questi pazzi proprietari di Zoo negli Stati Uniti, che se non fosse un docu-film, sembrerebbe una sceneggiatura Hollywoddiana, invece è tutto vero.


Sono allevatori di animali selvatici come leoni e tigri che negli anni passati si erano guadagnati il cuore della middle class americana offrendo delle vere e proprie experience in zoo privati. La verità è che maltrattamenti, mafia, persone sbranate, droga ed alcool erano all’ordine del giorno per tutti quelli che lavoravano in quel circuito.

Cover: Strappare lungo i bordi

© Riproduzione riservata