L’animo poliedrico di The Magician

Se si parlasse di Stephen Fasano forse tanti non presterebbero attenzione, ma tutto cambia quando lo si chiama “The Magician”. Stephen, infatti, è un Dj belga di fama internazionale che, oltre a essere appassionato del suo lavoro, è anche marito e papà con un forte senso della famiglia. A renderlo noto ai più è stato il remix creato per Lykke Li “I Follow Rivers”, nel 2011 e per Clean Bandit “Rather Be”, nel 2014, ma la fama di The Magician non si limita solo a questo. Uno degli ultimi traguardi del Dj è stata la partecipazione di Potion, sua etichetta discografica, all’ultima edizione del Tomorrowland, il più grande festival europeo di musica elettronica, con un palco dedicato. Attratti dai suoi successi e dal suo forte senso dello stile noi di MANINTOWN lo abbiamo intervistato per scoprire qualcosa di più sulla sua vita e carriera in continua evoluzione.

Com’è iniziata la tua carriera?
È iniziato tutto quando mi è stato chiesto di suonare in un piccolo bar a Charleroi in Belgio. Ero già un Dj per amici, compleanni, piccoli party, ma in quel bar le cose diventarono serie. Mi chiesero di suonare tutti i sabati sera dalle 9 fino alle 4 del mattino (anche fino alle 6.00 qualche volta) da solo. In quel piccolo posto ho incontrato moltissime persone chiave che mi hanno aiutato a crescere e poi a spostarmi nella capitale, Brussels.

Ci sono persone a cui sei grato per la tua carriera?
A moltissime persone, ma in modo particolare a mia moglie Julie. Stiamo insieme da 12 anni e lei mi ha sempre supportato. Ha anche lavorato ufficialmente nel progetto, The Magician con me dal 2010. Ha progettato i miei primi costumi, disegnando i primi artworks di Magic Tape e tenendo d’occhio anche alcuni affari. Sta ancora facendo molto, le chiedo sempre sì o no, prima di pubblicare qualsiasi foto o video e lei è il primo orecchio per ascoltare e giudicare la mia musica. È un vero rapporto, profondo e sincero.

Come riesci aconciliare il lavoro e la vita familiare?
Come ho detto prima, mia moglie è coinvolta nel progetto, ma ora abbiamo una figlia quindi lei viene in tour meno e lavora da casa. Gestisco tutto in modo da godermi il mio lavoro e anche la mia vita privata. Sono in grado di fare entrambe le cose e a essere concentrato al 100% su ciascuna. Naturalmente, è abbastanza difficile quando sono costretto a stare lontano da casa per 2 settimane, mi mancano molto.

Hai appena lanciato il tuo nuovo singolo con TCTS e Sam Sure, ‘Slow Motion’. Come nasce questa canzone?
Io e TCTS eravamo in studio a Londra, per la prima volta insieme e Sam Sure è venuto a salutarlo perché si conoscevano. Gli abbiamo suonato la demo sulla quale stavamo lavorando, gli è piaciuta ed era come se dovessimo scrivere insieme la parte vocale. Questo è successo quasi un anno fa, da allora abbiamo composto e lanciato altri pezzi e, quando siamo stati pronti a renderla pubblica, abbiamo pensato che la produzione sembrasse vecchia e così abbiamo rielaborato ancora la traccia. Alla fine abbiamo fatto tre o quattro diverse versioni, prima di arrivare a quella finale.

Qual è stato il momento più emozionante della tua carriera?
Ce ne sono molti. La prima volta che sono andato in Giappone, quando sono stato chiamato per suonare al festival Coachella, quando abbiamo fatto Sunlight in studio con Olly Alexander di Years and Years. Poi sono stato il numero 1 in tutta Europa, con il mio remix di Lykke Li «I Follow Rivers» e quando abbiamo fatto la 500esima Essential Mix live a Liverpool per BBC Radio 1.

Quando hai capito di essere sulla strada giusta per il successo?
Quando vedo i risultati. Il mio obiettivo, però, non è avere successo, ma fare quello che mi piace, essere felice e rendere felici le persone intorno a me.

Una canzone che ti emoziona o ti ricorda un momento speciale?
Sebastien Tellier: La Ritournelle. Ricordo quando ho suonato questo disco e poi ho lasciato la cabina DJ per invitare Julie a ballare con me sul dancefloor. Non stavamo ancora insieme!

Quanto sono importanti la moda e lo stile nel tuo lavoro?
Lo stile definisce la tua personalità. Se hai personalità le persone attorno a te lo capiscono attraverso il tuo stile. Posso capire qualcuno dalla scelta delle sue scarpe. Oggi nel mondo della musica elettronica la maggior parte dei DJ indossano la stessa maglietta nera e i pantaloni neri.

Hai un brand preferito?
Sì, al momento mi piacciono Balenciaga, Martine Rose, Calvin Klein e qualche cosa di ACNE. Oltre a ciò, compro volentieri anche capi e accessori vintage. Di recente ho trovato un bellissimo parka arancione Ellesse 90, che sembra davvero un pezzo moderno.

Come ti piace cambiare il tuo look a seconda delle occasioni?
Prima suonavo con costumi fatti in casa, ma ora non più perché voglio essere più me stesso. Non sono interessato a indossare costumi, è solo importante non avere sempre lo stesso look, mi piace cambiare e avere vestiti diversi. Può essere uno smoking, una camicia, una maglietta o una felpa con accessori. Indosso gli stessi vestiti se sono con mia figlia, in volo, in studio, al ristorante o dietro la consolle.

Che sensazione hai provato partecipando a Tomorrowland, il più grande festival europeo?
È stato fantastico, ho avuto la possibilità di portare per la prima volta Potion sul nuovo palcoscenico di Tomorrowland ed era, sinceramente, quello più bello. È stato un grande successo e lo faremo ancora l’anno prossimo.

Sogni non ancora realizzati?
Mi piacerebbe vivere in Giappone per un po’.

Per acquistare il nuovo singolo clicca qui

®Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione riservata

x

x