Lo streetwear eclettico e ricercato di Exclusive Paris

La storia di Exclusive Paris inizia nel 2018 a Roma e si intreccia con quella del fondatore Patrizio Fabbri, designer e imprenditore classe 1988 che, forte dell’esperienza maturata in anni di lavoro nel mondo retail, decide di tradurre in realtà il sogno di una linea di abbigliamento streetwear capace di dettare nuovi standard nel settore.
Facendo leva sul mix ben calibrato di social media e indossatori d’eccezione, il brand conquista subito l’attenzione di una clientela giovane e metropolitana.
Il progetto Exclusive Paris viene seguito scrupolosamente da Patrizio, che si occupa in prima persona di ogni aspetto (come precisa lui stesso, «Sviluppo e supervisiono tutto io, dalla scelta dei tessuti alle grafiche, dalla vestibilità dei capi ai testimonial»).

Appassionato da sempre di moda, al punto da essersi distinto già alle elementari come trendsetter della classe, il creativo è un perfetto esempio di self made man italiano, titolare di un marchio lanciato dopo un lungo percorso nel fashion system.



RITRATTO DI PATRIZIO FABBRI, FOUNDER DI PARIS EXCLUSIVE


Inizialmente la griffe si fa largo grazie alle tute in ciniglia, disponibili in un’ampia gamma di nuance, ottenendo riscontri immediati dal pubblico con gli articoli che finiscono puntualmente sold-out, tanto che intorno alla boutique romana di via Angelo Brunetti (vicino piazza del Popolo), cominciano presto a gravitare innumerevoli clienti, giovanissimi e meno, disposti anche ad attendere in fila il proprio turno pur di accaparrarsene una.

I due cardini di Exclusive Paris sono, da un lato, la costante ricerca stilistica, dall’altro la cura certosina di ogni singolo dettaglio; Fabbri riversa la sua cifra street in capi dall’appeal sofisticato, realizzati in tessuti preziosi e contraddistinti da uno stile sui generis, cosmopolita, apprezzato – ed esibito – da diversi nomi di punta del panorama trap, hip-hop e musicale italiano, tutti diventati fan del brand in modo spontaneo, attratti dall’originalità delle proposte.
Il successo è certificato dai numeri sui social (lo stesso Fabbri conta, sul suo profilo Instagram, oltre 46mila follower, equivalenti ad altrettanti clienti fedeli di Exclusive Paris), e premia l’attività di un’azienda per la quale la sperimentazione in tema di abiti street fa rima con la qualità degli stessi, prodotti non a caso in Italia, impiegando materiali di prim’ordine.



Lo spirito di Exclusive Paris è riassunto al meglio nel claim ‘Be Exclusive’, che viene declinato in capi in continua evoluzione, originali e dall’allure internazionale pur senza apparire mai eccessivi, espressione di uno stile unico nel proprio genere, dinamico e trasversale quanto a gusti ed età.



Se la tracksuit, arricchita dalla banda logata e disponibile in numerose tonalità, rimane un elemento centrale nell’offerta del marchio, quest’ultima è stata ampliata nel tempo ad altre categorie menswear, womenswear e kids: si va dai body ai giubbini, dalle felpe e pantaloni coordinati alle t-shirt con scritte in colori a contrasto, dagli shorts alle tute ornate da fantasie animalier o inserti fluo. L’ultima collezione Spring/Summer 2021, in particolare, vede in primo piano la vivacità cromatica delle stampe tie dye, che si stagliano su maglie e pantaloncini abbinati.

Per quanto riguarda i progetti futuri, Fabbri intende portare ovunque Exclusive Paris, tenendo sempre fede al principio secondo cui «avere un proprio marchio equivale alla ricerca ossessiva di esclusività e novità». La sua parabola, basata sull’intraprendenza e il saper fare italiano e rafforzata dalla pervasività degli ambiti prediletti della griffe (musica e social network), sembra essere solo all’inizio.

© Riproduzione riservata