Milan Fashion Week Day 1: What’s going on?

Testo Francesco Vavallo – @francesco_vavallo
Grafica Asia Reparato – @asiareparato
Foto Courtesy of brand.

Milano riparte anche dalla moda, il primo giorno di fashion week giunge al termine tra show digitali e fisici, tornando a rivivere una “normalità” che credevamo fosse andata perduta.

MISSONI

Angela Missoni svela un progetto digitale non per la collezione Primavera/Estate 2021 – che però verrà presentata e venduta ai buyer – ma per la stagione in corso in cui con Vittoria Ceretti ed Edoardo Sebastianelli e la fotografia di Oliver Hadlee Pearch visitano i luoghi familiari di Angela Missoni in Italia.
Una campagna che vuole rompere gli schemi tradizionali stagionali per mostrare come in una cartolina del Bel Paese come la firma Missoni rappresenti l’italianità nel mondo.

DSQUARED2

Il punk non è mai tramontato per Dean e Dan Caten, direttori creativi di Dsquared2 che per la stagione S/S 21 propongono un nuovo spirito punk sartoriale ed innovativo. Una collezione che punta allo spirito più stravagante dei giovani d’oggi, distaccandosi dal mondo totalmente streetwear.

FENDI

Dall’invito allo show in collaborazione con il pastificio italiano Rummo allo show che ci riporta ad un ricordo di fine estate, la collezione donna e uomo primavera/estate 2021 di Fendi, sotto la direzione creativa di Silvia Venturini Fendi, ci riporta al tempo trascorso in famiglia, come un album di ricordi, un corredo familiare o la vista malinconica dalla finestra della propria casa in questi mesi trascorsi in lockdown.
Il progetto Baguette Hand in Hand celebra una collaborazione unica con le eccellenze dell’artigianato italiano, tra cui le regioni Abruzzo e Marche con le loro tipiche lavorazioni del tessuto tramandate da generazione in generazione.


N21

«Mi sembra sempre più urgente e necessario esplorare la possibilità di stabilire una nuova modalità della moda: i tempi, le stagioni, le tendenze devono lasciare lo spazio alla nascita di un nuovo modo di narrazione. Ho utilizzato i tessuti, le forme, i colori per ottenere abiti capaci di racchiudere dei significati che, come le parole, concorrono a formare un linguaggio che donne e uomini possono usare in comune” con queste parole Alessandro Dell’Acqua definisce la nuova collezione primavera/estate 2021 di Numero21, acquisendo una nuova estetica punk e grunge.

ALBERTA FERRETTI

«Sono convinta che, in momenti difficili come questo, la moda non si debba fermare né arrendere, ma rivendicare con ancora più forza il proprio ruolo di strumento necessario per raccontare il tempo in cui nasce. Sono proprio questi i momenti in cui ogni creativo reagisce mettendo in gioco ancora di più la propria sensibilità» queste sono le parole di Alberta Ferretti poco dopo il termine del suo show primavera/estate 2021. Una collezione che punta al romanticismo e alla seduzione tra abbigliamento daywear dalle linee soavi e decise allo stesso tempo, attingendo alle linee della lingerie.

DOLCE E GABBANA

Lo show Dolce e Gabbana per la collezione primavera/estate 2021 è un manifesto di lotta alla libertà.
Stefano Gabbana e Domenico Dolce, direttori creativi del brand, hanno cercato di rappresentare con patchwork dal ricordo siciliano – terra cara e da sempre fonte di ispirazione per la maison – un messaggio che cerca di “tenere tutto unito” nella difficoltà ma soprattutto nella diversità. La scelta dello show fisico è un modo per far ripartire un sistema che sembrava in stallo.

BLUMARINE

Con la collezione primavera/estate 2021 di Blumarine fa il suo debutto come nuovo direttore creativo, Nicola Brognano. Il giovane designer dalle grandi capacità ha saputo approcciarsi ad un brand storico ed intrinseco di ricordi come Blumarine, apportando un tocco – o forse più – di eccentricità.
La donna Blumarine ha sicuramente subito un cambiamento più incisivo, mostrandosi più sicura ed esuberante senza perdere però lo spirito romantico che contraddistingue il brand.

© Riproduzione riservata

x

x