Perché fare i fanghi è una buona idea

Quando si parla di fanghi si pensa subito ai numerosi benefici in campo cosmetico curativo. Per fango si intende una miscela composta da materiale solido argilloso e una certa quantità di acqua termale.

I trattamenti a base di fango sono sempre più richiesti come cura per inestetismi cutanei quali acne, cellulite, punti neri, smagliature, pelle a buccia d’arancia. Vengono persino consigliati come trattamento per la forfora. 

Sono tanti i medici che consigliano i fanghi anche per le loro proprietà antinfiammatorie in caso di dolori reumatici, articolari, osteoporosi e nevralgia. Per potenziarne l’effetto, è possibile arricchirli con oli essenziali o estratti fitoterapici. Per esempio nel caso di un fango anticellulite, si può aggiungere centella asiatica, ippocastano o edera per migliorare la microcircolazione, favorire il drenaggio dei liquidi ed eliminare le tossine.

Cos’è la fangoterapia

Si tratta di una terapia termale che consiste nell’applicazione di fango termale maturo, direttamente sulla pelle, ad una temperatura tra i 37° e i 38° per 20 minuti circa. Dopo il trattamento, la persona si sottopone a doccia calda e poi si immerge in una vasca termale con acqua alla temperatura di 37° 38° per 10 minuti circa.

Infine c’è il massaggio con oli. Il calore sulla pelle si combina ai benefici dei fanghi per un risultato davvero eccezionale.

Controindicazioni dei fanghi

Nonostante non si tratta di un trattamento medico, i fanghi non sono indicati per tutti. In particolare vanno evitati in caso di gravidanza, epilessia, ulcere emorragiche e artropatie acute.

Se avete dubbi sul loro utilizzo perché soffrite di malattie croniche o disturbi di vario genere, chiedete prima consiglio al vostro medico curante, se vi da l’ok potete prenotare la vostra seduta sempre facendo presente i vostri disturbi.

Perché utilizzare i fanghi

Ogni arma per combattere gli odiosi inestetismi della pelle è lecita. Per qualche tempo i fanghi, complice l’applicazione un po’ laboriosa, sono caduti nel dimenticatoio e si sono preferiti altri prodotti cosmetici meno efficaci.

Ecco 6 buoni motivi per fare i fanghi:

  • potenziano qualsiasi trattamento anticellulite
  • migliorano la grana della pelle (hanno un effetto anche esfoliante e il risultato è una pelle più compatta, ma anche più liscia e luminosa)
  • non interferiscono con il sole (ci si può esporre al sole subito dopo il trattamento)
  • donano leggerezza alle gambe che appaiono più sgonfie
  • ottimo rapporto qualità-prezzo

Infine non va dimenticato che fare i fanghi permette di dedicarsi del tempo per sé, rilassarsi e rigenerarsi anche mentalmente non solo fisicamente.

© Riproduzione riservata