Vicario5 recupera Villa Piovene e rilancia le imprese locali con una moda sostenibile e rigorosamente Made In Italy

Vicario5 vendita online

Artwork Maria Angela Lombardi @_mariaalombardi_

Siamo a Villa Conte Piovene, a Brendola, sede di Vicario5, tra i colli vicentini, brand artigianale e sostenibile nato dall’agenzia di Stefano Lora nel 2014, con l’idea di andare incontro alle nuove esigenze del mercato femminile, alimentate, oggi più che mai, da un equilibrio perfetto tra praticità e femminilità.  
Un prodotto quotidiano per il lavoro e il tempo libero, fatto di tessuti organici e con una forte connotazione veneta, un richiamo costante all’estetica delle ville che popolano i colli berici, nei loro fregi e stucchi che ritornano come leitmotiv della collezione. Questa visione crede fermamente nel coinvolgimento dei fornitori locali, delle maestranze depositarie della nostra tradizione, con i loro filati biologici di produzione locale, e con l’autenticità dei loro decori e stampe definite con cura e dedizione artigianale.
Il nome del brand deriva proprio da questo luogo che la ospita: l’antica casa del vicario al n5.
Quest’attenzione alla valorizzazione della storia e della cultura dell’epoca, insieme al rispetto per l’ambiente, sono il motore quotidiano di uno slancio emozionale che si riflette nell’anima della collezione.

Una villa d’insediamento del 700 di 2.800 mq che fu luogo di ritrovo e di scambio d’idee dei nobili dell’epoca, soprattutto dietro la spinta di Adele, moglie di Felice Piovene. Una coppia illuminata che sognava l’unità di Italia e scelse questo territorio per trascorrere le vacanze, restaurando la propria dimora secondo il gusto neoclassico: uno stile sobrio, definito da un bugnato gentile e rustico sulla facciata, il cui fregio della scalinata riprende il Borromini di Sant’Ivo alla Sapienza. Le statue poste in alto, quasi a vegliare sull’intero paesaggio su cui si affaccia la villa, rappresentano con molta probabilità il Giudizio di Paride con Atena, Afrodite e Giunone col suo pavone, scelto dal proprietario della villa per fare un omaggio alla bellezza e intelligenza della moglie.
Sulla facciata è presente il motto “giustizia e onore” che viene ripreso nelle eleganti ceramiche prodotte a Nove, in cui si ripetono i fregi presenti nella villa insieme al motivo della scalinata e i pavoni presenti nel giardino, secondo la tradizione veneta.

Una passeggiata per raggiungere l’albero monumentale che sovrasta la vallata, un cedro del Libano, il luogo preferito di Adele, dov’era solita soffermarsi per cena.
Adele è un tema ricorrente in alcuni pezzi della collezione di Vicario 5, in una versione tutta stilizzata, ci racconta Alice Verza, designer del brand. Così come i pattern degli abiti riprendono il fregio della scalinata della facciata.
La collezione SS22 è divisa per temi e per materiali, prestando sempre alta l’attenzione nei confronti del territorio e delle sue eccellenze.
Composta da fibre biologica certificate, le collezioni presentano stampe dei luoghi più suggestivi del territorio, come Burano, Murano e Torcello che si sviluppano su ogni capo, come un viaggio.
Una collezione pratica ma ricca di dettagli pregiati, come il cotone canestro con tessuti di carta, una lavorazione delicata fatta di filati di provenienza interamente italiana. C’è tutto il valore di una produzione originale, in cui ogni pattern è stato creato ad hoc per loro, su fibre lino e cotone.


Ultimo arrivato in Vicario 5 è una linea di occhiali da sole, caratterizzati da un design fresco e innovativo, con il disegno della villa serigrafata sulla montatura.
Anche la homewear è composta interamente di tessuto organico certificato, jersey di lino, lino cotone, tutti esemplari in cui è presente il QR code da cui è possibile verificare i passaggi di produzione.
Una linea comfort ma super chic, fino alla tuta dai tagli ricercati perché, anche nel tempo libero, l’occhio vuole sempre la sua parte.



© Riproduzione riservata