I 3 BRANDS EMERGENTI PORTAVOCE DELLA BELLEZZA ANTINCONVENZIONALE.

Cosa è la bellezza oggi? Quali valori la definiscono? Queste domande sono la nostra croce e delizia, specialmente nelle ultime giornate. I canoni classici della bellezza sono stati stravolti dalla moda sin dal passato, basti pensare a personalità all’avanguardia come i leggendari “Sei di Anversa”, che hanno fornito nuovi codici per interpretare la bellezza, manipolarla, dandogli nuova linfa vitale. I valori di bellezza intesa in modo classico sono stati capovolti. E’ tempo di ridefinirne i canoni, con intelligenza e quell’irresistibile voglia di ribellione. E’ per questo che il nostro fashion radar segnala oggi tre giovani brand che si sono distinti per la loro interpretazione anticonvenzionale della bellezza, ognuno con un modo di intenderla e narrarla assai originale.

Analizziamoli uno ad uno. Maroussia Rebecq è la fondatrice del collettivo artistico Andrea Crews, il cui quartier generale si trova nel coloratissimo quartiere Marais, nella capitale francese. Propone una moda unisex, con un particolare richiamo all’inizio degli anni Duemila, periodo in cui si è codificata quell’estetica internet-wave tanto cara ai millennials. Rivive la french-core dei gabber ed il loro indiscutible allure streetwear, proposto con materiali classici come il tartan ad esempio, dettagli trompe l’oeil oppure presi dal mondo biker per la collezione autunno inverno 2018, che dà nuovo significato al concetto di streetwear-couture.

E’ sempre sull’ondata dell anti-establishment che Carlo Volpi crea i suoi raffinatissimi e dissacranti capi di maglieria. Public Code è il suo marchio e la collezione AW18 “24H Delivery” riflette sulla scomparsa delle sottoculture, fornendo un senso alla definizione di “uncool”, facendo propria quella sensazione di disagio che si ha davanti alle imposizioni culturali medio-borghesi. Le stampe raffigurate sui bellissimi item si ispirano alle insegne dei take-away urbani, luoghi probabilmente cari al designer, in quanto più reali e realmente vissuti.

Anche nell’ultimo caso sono gli affetti e la memoria a comporre l’universo stilistico del brand Simon Cracker. Simone Botte, designer del marchio, si autodefinisce “talentless”, e rivive attraverso la moda i ricordi di quando seguiva il nonno che lavorava come imbianchino in un appartamento di periferia. La bellezza stavolta, nella sua collezione AW18 “Amedeo”, è intesa attraverso un ricordo speciale: i tessuti barocchi dell’appartamento rivivono sui suoi capi, così come finissaggi che ricordano gli indumenti sporchi dell’imbianchino. Che sia una forma di attivismo, una sensazione di malessere oppure un ricordo speciale, questi giovani creativi hanno qualcosa in comune: certamente il coraggio di essere sé stessi, in un modo del tutto fuori dall’ordinario.

®Riproduzione Riservata

®Riproduzione riservata / All rights reserved

Autore

Condividi