Atelier di Monica in “La Bella Italia”: un progetto a chilometro zero.

La Bella Italia è un progetto che nasce dall’idea artistica di due ragazzi, Fabio e Gilberto, che si occupano rispettivamente di marketing (per Atelier di Monica) e di arte visuale (per LVCE Visual).

Questa idea consiste nell’esaltare la parte più estetica dell’Italia, quell’idea che tanto viene apprezzata all’estero ma che spesso e volentieri non viene valorizzata a dovere proprio all’interno dei confini nazionali.

Il progetto richiama in maniera esplicita un’estetica retrò e vintage, che è tipica del modus operandi di LVCE Visual, e cerca di trasmettere la qualità dei capi e la passione sartoriale che porta Atelier di Monica alla loro ideazione e alla successiva realizzazione.

Ci sono due elementi principali che danno una direzione ben precisa , oltre alla canzone di sottofondo nel video: la città di Bellagio ed il maggiolino d’epoca.

la-bella-italia-atelier-di-monica-maggiolino-epoca-verde-due-ragazze
la-bella-italia-atelier-di-monica-bellagio-lago-di-como-ragazza-abito-fantasia-rose
la-bella-italia-atelier-di-monica-maggiolino-epoca-verde-volkswagen
la-bella-italia-atelier-di-monica-ragazza-con-tutina-grigia-bottoni-madreperla
la-bella-italia-atelier-di-monica-maggiolino-epoca-verde-volkswagen

Bellagio è stata vista come emblema dell’unicità italiana, ed essendo vicina alla sede fisica dell’Atelier è stata scelta anche in un’ottica di valorizzazione del territorio: spesso si guarda con invidia ciò che è lontano e apparentemente irraggiungibile, quando invece basterebbe apprezzare anche ciò che si ha nelle immediate vicinanze.

Il maggiolino d’epoca invece vuole richiamare il periodo d’oro della Bella Italia, quello del boom economico, che ha fatto sì che la nostra nazione diventasse un punto di riferimento anche e soprattutto all’estero per quanto riguarda l’artigianalità e la qualità, che sono di fatto gli assi portanti del Made in Italy e di tutti i lavori sartoriali di Atelier di Monica.

L’utilizzo di questi “stereotipi” riguardanti un’Italia prosperosa è volutamente in contrasto con la natura del progetto, realizzato a chilometro zero. Questo aspetto non va sottovalutato, in quanto l’obiettivo è quello di trasmettere valori ed emozioni a chi guarda, piuttosto che vendere un prodotto o servizio.

La scelta di far posare delle modelle amatoriali vuole sottolineare che la bellezza e l’estetica tipicamente italiane sono alla portata di tutti. Proprio per questo sono state scelte personalità eterogenee, perché la Bella Italia risiede nel modo di essere e non nel modo di apparire.

Atelier di Monica ha da poco lanciato il nuovo sito web (www.atelierdimonica.com) nel quale racconta la propria storia ed i propri valori, oltre a descrivere i servizi personalizzati che offre e mostrare alcune delle collezioni nella sezione dedicata all’e-commerce.

la-bella-italia-atelier-di-monica
la-bella-italia-atelier-di-monica
la-bella-italia-atelier-di-monica

Credits:
Clothing: Atelier di Monica (@atelierdimonica)
Photo & Video: LVCE Visual (@lvce.visual)
Artistic Direction: Gilberto Tommasi (@ohhgil) & Fabio Meneghin (@fabiomeneghin_)
Models: Giovanna Arumugam (@giovannaarumugam), Elena Valetti (@elevaletti) & Gaia Gandellini (@gaia.gandellini)
Car: The Petrol Heart (@the_petrolheart)

®Riproduzione riservata / All rights reserved

Autore

Condividi