Avocado: come coltivare la pianta sul balcone

Grazie alla sua versatilità l’avocado è ormai entrato a far parte della dieta di molte persone, dalla colazione al dessert.

Lo si trova facilmente nei banchi frutta dei supermercati, ma se voleste averne una pianta in giardino, o in balcone, sareste in grado di coltivarlo?

Di seguito tutti i passaggi per far nascere e crescere la nostra personale pianta di avocado sul balcone.

Come coltivare la pianta di avocado sul balcone di casa

Ci vuole un seme

Una volta terminato un avocado acquistato, tenete da parte il nocciolo. Ripulitelo bene, senza però togliere la pellicina marrone che lo ricopre.

Munitevi di un barattolino o di un bicchiere con dell’acqua. Lo scopo è quello di immergere il nocciolo, per metà parte. Basterà infilzarlo con degli stuzzicadenti, che fungeranno da griglia per tenerlo sospeso. Gli stuzzicadenti dovranno essere perpendicolari tra loro, l’ideale è che siano 4, e se da un lato saranno inseriti a sorreggere il seme, dall’altro si poggeranno sul bordo del bicchiere, in modo da impedire che cada all’interno, ma che resti comunque a contatto con l’acqua.

A questo punto posizionate il vasetto in una zona mediamente illuminata, il davanzale della finestra sarà più che sufficiente, e rimboccate l’acqua per mantenere costante l’idratazione del nocciolo. Una volta a settimana circa, assicuratevi di cambiare totalmente l’acqua del vasetto, per evitare che prolifichino funghi e batteri. Poi, aspettate con pazienza!

La messa a dimora dell’avocado

Circa un mese dopo si creeranno le radici della pianta e crescerà il primo germoglio: è giunto il momento di interrare il nostro piccolo avocado.

Togliete gli stuzzicadenti, immergete il nocciolo all’interno di un vaso abbastanza capiente, vi consigliamo un diametro di almeno 30cm, ricolmo di terriccio universale. Assicuratevi che lo stelo sia esposto all’aria ed al sole.

Questa è la fase più delicata, affinché il nostro germoglio diventi una vera pianta di avocado, prestategli molta attenzione e cure.

È bene evitare i climi troppo rigidi, se necessario, spostate il vaso in zone diverse della casa durante i diversi periodi dell’anno. L’importante è che sia un luogo soleggiato ed al riparo dal vento, con temperature non inferiori a -4°C.

L’avocado è una pianta tropicale, quindi è bene che venga innaffiata spesso, ma evitate i ristagni!

Manutenzione e crescita della pianta di avocado

Quando la piantina raggiungerà i 15-20cm, spuntatela di circa 7cm, per incoraggiarne la crescita e continuate con le potature regolari per circa due anni. Ricordatevi anche di concimare il terreno in primavera.

Attenzione! Per poter vedere i frutti di avocado, servono circa 7 anni, ed è necessaria l’impollinazione di due specie diverse di questa pianta. Se il vostro obiettivo è quello di generare frutti, vi consigliamo di rivolgervi ad un vivaio che possa procurarvi i semi delle due specie diverse.

®Riproduzione riservata / All rights reserved

Autore

Condividi