Come addestrare il tuo cane: 5 consigli preziosi

Avere un amico a 4 zampe ben educato è molto importante e necessario, affinché la sua presenza non ingombri o infastidisca altre persone o animali. Può sembrare difficile, ma con tanta costanza ed impegno si possono raggiungere degli ottimi risultati.

Come addestrare il tuo cane: 5 consigli

 Per prima cosa ci teniamo a ricordarvi di tenere a mente la responsabilità di prendere in adozione un cane. Quando si decide di accogliere un animale in casa, si deve essere prima di tutto consapevoli. Un animale non è un gioco, deve essere seguito con impegno, amore e dedizione, proprio come faremmo per un cucciolo d’uomo. Inoltre ricordate che gli animali, proprio come i bambini, sono il frutto dell’educazione che gli adulti impartiscono loro, quindi ricordate che la pazienza e la costanza sono d’obbligo per raggiungere l’obiettivo desiderato.

Vi lasciamo 5 consigli preziosi per gettare le basi di una buona educazione del cane.

1 portare fuori il cucciolo regolarmente

Il cane deve fare i bisogni fuori casa, e deve essere messo in condizioni di imparare a farlo. Quindi, soprattutto all’inizio, portatelo fuori spesso ed elogiatelo quando farà i bisogni fuori dalle mura domestiche.

Portate sempre con voi le bustine ed i guanti per rimuovere gli escrementi da terra e buttarli in un cestino, un cane può essere educato, ma spetta a noi essere civili e rispettosi del prossimo.

2 usare gli snack per l’addestramento e solo per quello

Se il vostro Fido esegue bene un comando, premiatelo con un bocconcino goloso, questa tecnica, detta del rinforzo positivo, è molto usata dagli addestratori. Usate però qualcosa che non sia ciò che mangia di solito. Vi consigliamo di usare il premio solo quando state insegnando al cane il comando, sarà più semplice fargli comprendere l’importanza del premio e soprattutto non farcelo abituare. Il segnale deve essere sempre lo stesso, in questo modo si instaurerà un collegamento tra il premio e ciò che il padrone si aspetta dal cane.

3 mantenere la coerenza educativa

Chiunque sia coinvolto nell’educazione del cane deve “parlare lo stesso linguaggio”. Il principio è lo stesso del premio: il cane non deve essere confuso. Quindi, se ogni componente della famiglia segue la stessa modalità di istruzione, il cane capirà cosa fare e cosa ci si aspetta da lui.

4 renderlo un gioco

Non solo il premio goloso, ma anche rendere l’addestramento un gioco può essere utile per far sì che il cane assimili i comportamenti positivi da assumere. In fondo, se ci pensiamo, anche noi umani impariamo più velocemente se accostiamo la “lezione” ad uno stato d’animo che ci riporta al divertimento.

5 addestramenti singoli e brevi

Le sessioni di addestramento non devono essere troppo lunghe, prediligete la frequenza alla lunghezza. Può essere una buona media 10-15 minuti al giorno, magari per un paio di volte nella stessa giornata. Sarebbe opportuno, inoltre, che ci si concentri su un comando alla volta, in modo da non confondere l’animale. Partite da comandi semplici, come il “seduto” o “a terra”.   

®Riproduzione riservata / All rights reserved

Autore

Condividi