Ghemon & Goemon, rapper e samurai a confronto


GHEMON & GOEMON, RAPPER E SAMURAI A CONFRONTO 


L’uno è Gianluca Picariello, in arte Ghemon, professione rapper; l’altro è Goemon Ishikawa XIII, in arte Goemon, professione samurai. L’uno lo abbiamo appena visto esibirsi sul prestigioso Palco di Sanremo con la canzone “Momento perfetto”, l’altro nelle avventure del ladro più famoso del mondo, Lupin! Cos’hanno in comune questi due personaggi? 
Lo chiediamo al protagonista in carne ed ossa della nostra nuova cover Manintown, il cantante più eclettico e camaleontico del momento. 

Ghemon & Goemon, cos’avete in comune?

Avevo 13 anni e il grande sogno di diventare un cantante; tutti i rapper devono avere un nome d’arte, tendenzialmente si sceglie un nickname che incuta timore, rispetto, io al contrario mi sono ispirato ad una immagine di grande disciplina, rigore, riflessione, all’abile samurai Goemon del manga giapponese che noi tutti conosciamo, Lupin. 
E’ calmo, parla poco, ma è letale e salvifico al momento giusto, ma sopra ogni cosa ha un gran senso dell’onore e una devozione assoluta per la sua katana, ed io per la musica. 
Non potevo sapere che oggi ci sarebbe stata molta più coincidenza di allora con questo affascinante samurai. I miei 39 anni mi hanno molto cambiato. 

Total look DAVII
Cintura in pelle nera LOEWE via MYTHERESA




Cosa ti ha cambiato? 

Mi sono spesso trovato in mezzo a fuochi, quando dovevo essere acqua, per necessità. 
Non ho mai amato l’aggressività, le ingiustizie, il bullismo, eppure mi ci sono trovato al centro e il caos in qualche modo trasporta.
Mia nonna oggi mi ricorda affettuosamente quei momenti in cui salivo urlando per le scale, o quando mi attaccavo al citofono mentre ora entro in casa, silenziosamente, quasi invisibile.

Kimono KIMONORAIN


La tua vena camaleontica si nota anche nel look

C’è stato uno stravolgimento avvenuto negli ultimi due anni, con la riappropriazione del mio corpo. 
Pesavo 40 chili in più, ero depresso, più coperto che vestito. 
Oggi vesto gli abiti che mi rappresentano, quelli per cui guardandomi allo specchio mi riconosco, o forse quelli che mi aiutano a conoscere il “me nuovo”. 

E nella musica …

Sono stato tra i primi a inserire la soul nel panorama musicale italiano, oggi il mercato se ne sta riappropriando, forse è arrivato il “Momento perfetto”. 

Total look EMPORIO ARMANI



Nella vita di tutti i giorni questa riappropriazione del corpo ti ha aiutato ad avere più consapevolezza?

Mi sento più confident, sono molto più concentrato perchè non distratto dal nascondermi. 

Completo in seta NOT SAFE FOR HUMANS
Maglia traforata b/w cotone MRZ


E’ corretto dire che “si ragiona sempre con la testa del passato”? 

Abbiamo sempre memoria di chi siamo stati. Il compito più difficile è dire al bambino che c’è in noi che ora tutto è a posto, per lo meno è quello che consigliano gli psicologi, sedersi con quella parte di te e rassicurarla. 
Dopodichè capita un bel giorno che una determinata situazione ti riporta al passato, a quei brutti momenti vissuti, e può essere un luogo, un rumore, un odore, una figura che ti hanno segnato e fatto soffrire e allora scatta la difesa di quel vecchio fantasma – il brutto si sentirà nuovamente brutto, l’escluso si sentirà nuovamente messo in un angolo. 

Giacca nera con zip, gilet, bermuda plissè MAISON LAPONTE
accessorio portachiavi origami rana DALPAOS


Il tuo nuovo album “E vissero feriti e contenti” pubblicato da Carosello Record e Artist First racconta molto di questo stato d’animo?

E’ il riassunto delle fatiche degli anni passati, e del sorriso sereno che sento di avere oggi, al mio settimo disco, alla mia seconda esibizione al Festival, al mio trentanovesimo anno di età.

E a proposito di numeri, è vero che possiedi 600 sneakers?

Ho un’ossessione per le sneakers, sono tutte custodite e accudite in una scarpiera fatta su misura.
Non le indosso tutte, ma sento che è importante averle, come simbolo forse, come metafora di tutta la strada che ho fatto e che mi ha portato fino a qui. Fiero. 

Giacca grigio/nera con rettangoli organza, cintura in pelle intrecciata nera con moschettone, portafoglio con tracolla in pelle nero, scarpa allacciata in pelle intrecciata
EMPORIO ARMANI




Gonna e cintura PRADA via MYTHERESA


Production, styling, interview Miriam De Nicolo’

Talent Ghemon

Agency/Press Office WordsForYou

Photographer Simone Conte

Lights assistant Matteo Mastrogiuseppe

Groomig/Hair Bianca Bagnoli

Grooming assistant Elisa Maisenti

Special thanks to

Tenoha

®Riproduzione riservata / All rights reserved

Autore

Condividi