Giorgio Avola: la vita di un’atleta ai tempi della pandemia

Per il campione olimpico di scherma Giorgio Avola non si smette mai d’imparare, ed è proprio il caso di dirlo visto che in tempi di pandemia ( dove lo sport è rimasto praticamente bloccato) lui è riuscito ad accelerare sugli esami universitari e presto raggiungerà il traguardo della laurea.

Sport e studio del resto, sono due vere palestre integrate nel suo programma quotidiano. In questi mesi hanno costituito una motivazione costante che gli ha permesso di non perdere mai la concentrazione, come ci racconta lui stesso nella nostra intervista…


È passato un anno dalla nostra ultima conversazione, come ha vissuto questo periodo uno sportivo come te?

È stato un anno molto particolare per tutti noi dello sport. Ci siamo resi conto che bisognava trovare delle vie alternative per “sopravvivere”, soprattutto noi che lavoriamo con una disciplina dove lo scontro e il contatto con l’avversario sono fondamentali. In un periodo così duro ho trovato rifugio nello studio, ho superato un bel po’ di esami e adesso sono sempre più vicino alla laurea.

Nel frattempo ho vissuto un po’ a Milano, frequentato ambienti diversi e scoperto mondi nuovi. Nel complesso posso dirti che è stato un periodo comunque produttivo.


Che ricordi hai dell’ultima olimpiade?

Non nego che aleggi ancora oggi un po’ di amarezza, la scherma ha sofferto molto, non siamo riusciti a vincere una medaglia d’oro e l’essere stati fermi due anni è stato determinante in questo. L’Italia in particolare ha subito maggiori chiusure prima di altri paesi quindi era inevitabile arrivare meno preparati di altri, ad ogni modo nessun rammarico, ho dato tutto.

Parlando di esperienze extra sportive, come ti trovi sul set?

Cambia la location ma l’emozione è la stessa. Sei comunque sotto i riflettori e cerchi di fare la migliore performance possibile. Ho avuto diverse esperienze anche sul set ed è andata sempre bene. Questo tipo di attività mi ha fatto scoprire lato diverso della mia personalità.



Sei un po’ schivo nei confronti dei social, come mai questa scelta?

C’è stato un momento in questi mesi in cui ho cercato di produrre dei contenuti diversi, nuovi e di qualità. Ma sono rimasto più volte deluso dai perché ho trovato una realtà molto finta. Senza volerlo i social mi davano degli stimoli sbagliati, quindi è stata una relazione po’ univoca. Per trovare qualità in questo ambito bisogna scegliere bene ed essere molto selettivi.



Che tipo di allenamento che hai seguito in questi mesi per non perdere la forma?

Ho lavorato molto in palestra con allenamenti di forza o a corpo libero, senza mai tralasciare l’aspetto cardiovascolare. Quando invece mi sono riavvicinato alle gare si puntava sulla forza veloce e/o forza esplosiva. Il fatto di dover mantenere lo stato di forma è risultato una grande motivazione nei mesi di lockdown.


Ti manca viaggiare? 

Molto, gli anni scorsi andavo spesso negli Stati Uniti tra Texas e California. Mi mancano i miei periodi a Los Angeles, le amicizie che ho costruito lì e vedere i gruppi live dei miei cantanti preferiti.



Progetti per il 2022?

A Gennaio si parte con la gara di Coppa del mondo, sono molto felice di questa nuova ripartenza per vedere i risultati del grande lavoro dei mesi scorsi . A seguire la laurea a Marzo alla Luiss in Economia e management, poi l’inizio di un Mba ad Aprile. Ho grandi aspettative dal 2022, sarà l’anno del raccolto.



Photography: Davide Musto @davide_musto

Styling: Rosamaria Coniglio e Alfredo Fabrizio @rosamaria_coniglio, @alfredofabrizio_aeffe

Ph Assist: Dari Tucci, Valentina Ciampi @dariotucciph e @valeciampi

Grooming: Asia Morales @asiamorales_makeupartist

Location @thehoxtonhotel

© Riproduzione riservata

x

x