I 10 orologi più desiderati al mondo svelati da Watchfinder & Co.

Al giorno d’oggi, con gli schermi degli smartphone che ci rimandano di continuo l’ora esatta, quella degli orologi tradizionali è una nicchia avulsa da una dimensione puramente quantitativa, in cui preservare un rapporto consapevole, più meditato con lo scorrere del tempo, grazie a strumenti capolavori di savoir-faire e meticolosità artigianale. Lo sa bene Watchfinder & Co., piattaforma specialista dei segnatempo luxury “di secondo polso” che, attraverso un’indagine ad hoc tra oltre 20mila collezionisti e appassionati di più di 140 paesi, ha stilato la top ten dei modelli più desiderati, classifica che offre diversi spunti degni di nota.


Ph. courtesy Watchfinder & Co.

Tra i 180 marchi di orologeria d’alta gamma nominati dalle persone coinvolte, si staglia su tutti Rolex, citato dal 54,8% del campione; completano il podio Patek Philippe e Omega, in seconda a terza posizione, menzionati rispettivamente nel 12,5 e 6,7% dei casi. A seguire altri nomi d’eccellenza, nell’ordine Audemars Piguet, A. Lange & Söhne, Breitling, Jaeger-LeCoultre, Vacheron Constantin, Cartier, IWC.
Nell’elenco dei modelli, in particolare, ben sei appartengono alla maison della corona: il Rolex Daytona si piazza davanti a tutti, con il 16,4% delle scelte; il cronografo della famiglia più bramato, nello specifico, è l’iconico Oyster Perpetual Cosmograph Daytona ref. 116506, un vero e proprio cult, introdotto nel 2013 per celebrare il 50esimo anniversario dell’originale e primo della serie realizzato in platino; ha certamente contribuito a cementarne l’appeal il numero – e la levatura – delle superstar fan della referenza, da Drake a Roger Federer.
In seconda posizione il Rolex Submariner (12,4% delle preferenze), poi il Patek Philippe Nautilus (6,2%), quindi altri due Rolex – GMT-Master (5,1%) e Datejust (4,9%), l’Audemars Piguet Royal Oak (3,9%), il Rolex Oyster Perpetual (3,7%), il Patek Philippe Complications (3,5%), il Rolex Day-Date (3,5%) e l’Omega Speedmaster (3,3%).


Ph. courtesy Watchfinder & Co.


Dalle valutazioni degli intervistati si evince, inoltre, la loro perizia in materia di heritage ed esclusività dei segnatempo citati: il 42,6% ha infatti optato per una limited edition, il 31% per un modello fuori produzione.
Commentando i risultati dell’indagine, il Ceo di Watchfinder & Co. Arjen Van de Vall ha sottolineato che «capolavori come questo [l’Oyster Perpetual Cosmograph Daytona, ndr] o altri emersi nello studio sono praticamente impossibili da acquistare nuovi […] Ed è qui che la possibilità di comprare un esemplare usato entra in gioco, in quanto offre l’opportunità di arrivare a questi modelli mitici, comprese le limited edition, i classici fuori produzione o i best-seller attuali, per i quali altrimenti occorrerebbe affrontare liste d’attesa lunghissime».


Alcuni orologi diventati iconici grazie a indossatori d’eccezione: il Rolex Daytona di Paul Newman, il Tag Heuer Monaco di Steve McQueen, l’Omega Seamaster di James Bond/Daniel Craig, il Jaeger-LeCoultre Reverso di Clive Owen


Nell’orologeria, del resto, il second hand è ormai una realtà radicata, guardata con fiducia ed entusiasmo crescenti dalla comunità dei watch-lover, che la considerano una via privilegiata per poter godere appieno dell’offerta senza pari del settore delle lancette di lusso, a patto però di rivolgersi a piattaforme specializzate, capaci di garantire competenza e un servizio di alto livello.
Watchfinder & Co., in questo senso, è un riferimento assoluto, forte dell’esperienza ventennale nell’ambito. Il suo principale atout è la straordinaria ampiezza della gamma di proposte, che ruota attorno a più di 70 marchi (da Patek Philippe a Breguet passando per Vacheron Constantin, Glashütte, Zenith…) e permette agli utenti di scegliere tra migliaia di orologi, disponibili sull’e-store oppure negli showroom di tutto il mondo; a ciò si aggiunge l’affidabilità garantita dalla scrupolosa verifica cui viene sottoposto ogni singolo pezzo, analizzato fin nei minimi dettagli, autenticato e nel caso ricondizionato da un team di esperti orologiai, impiegati presso il più grande centro di assistenza specializzato e indipendente d’Europa, accreditato da 19 dei principali produttori a livello internazionale.


Tre celebri fan del Cartier Tank: Andy Warhol, Yves Saint Laurent, Warren Beatty


Completano il tutto condizioni di acquisto decisamente favorevoli, che comprendono anche finanziamenti a tasso zero, e un servizio personalizzato, centrato sulle esigenze di ogni cliente, per guidarlo al meglio in un investimento che sia in grado di rivalutarsi nel tempo, così da unire al risparmio iniziale la possibilità, tutt’altro che remota, che il proprio esemplare aumenti di valore nel corso degli anni.  

© Riproduzione riservata