Imàgo e Salon, un incontro d’autore all’Hotel Hassler

Il 26 novembre, all’interno dell’hotel Hassler di Roma (di proprietà del General Manager Roberto Wirth), il ristorante Imàgo ospita un evento unico: l’incontro tra le pregiate bollicine di Salon e l’arte culinaria dello chef stellato Andrea Antonini.

Una serata che si annuncia indimenticabile, quella che si terrà nel ristorante Imàgo all’interno dell’esclusivo Hotel Hassler, che si  affaccia sulle meravigliose Trinità dei Monti e Piazza di Spagna. Lo champagne Blanc de Blanc, molto apprezzato dalla critica enogastronomica internazionale, incontra la cucina eclettica dell’Executive Chef Andrea Antonini, una stella Michelin nonché vincitore del riconoscimento Miglior giovane talento per Identità Golose 2021. 

“Sono molto fiero che una prestigiosissima casa di Champagne come Salon abbia scelto Imàgo come location di questo bellissimo evento, riconoscendo il grande impegno che, giorno per giorno, impieghiamo per ricercare l’eccellenza assoluta nella proposta gastronomica e nell’accoglienza dei nostri ospiti”, racconta Roberto Wirth, proprietario e general manager dell’Hotel Hassler.



La storia centenaria di Salon ci porta nella Francia del 1905, anno di fondazione della casa vinicola per volontà dell’imprenditore Eugène-Aimé Salon. La crescita del brand è lenta ma ben consolidata: è nel 1920 che la casa vinicola promuove le sue bollicine nel mondo, esportanto il sapore intenso del suo Blanc de Blanc, oltre confine. I grappoli d’uva maturano ne “Il giardino del Salon” che si estende per un ettaro di terra e in altri diciannove piccoli appezzamenti a Le Mesnil-sur-Oger selezionati da Eugène-Aimé all’inizio del XX secolo. L’esclusività dello champagne Salon è raccontato dalle annate prodotte: solo 37 nel XX secolo.

Le prelibatezze dai sapori mediterranei, cucinate da chef Antonini, saranno accompagnate da due bottiglie del 2004, due bottiglie del 2006, due bottiglie del 2007 e una magnum del 2008. A guidare la degustazione sarà l’head sommelier Alessio Bricoli dell’Hotel Hassler che abbinerà le bollicine a un menù ricco di sapori. 

S’inizierà con un Crudo misto di mare per continuare con un Carciofo e animelle, si passerà agli Scampi e cime di rapa in raviolo, Riso acido con spugnole nocciole e fegatini di pollo e cacao e Pollo alla cacciatora, per finire con un omaggio alla Francia con una Tarte Tatin e camomilla.

“Siamo stati contattati dal sig. Ceretto per conto di Didier Dupont per organizzare una degustazione dei suoi vini con i miei piatti. – rivela lo chef Antonini – Sono stato onorato di sapere che avrebbe avuto il piacere di gustarli nella loro autenticità, senza alcuna modifica. Questa richiesta mi ha riempito d’orgoglio. Ho scelto, dunque, tra i piatti del menu attuale di Imàgo, quelli più adatti a esaltare le caratteristiche organolettiche degli champagne”.

© Riproduzione riservata