MARTA BASSINO YOUNG SKIER OF THE YEAR

Sugli sci da quando aveva appena due anni, Marta Bassino, classe 1996, è una delle sciatrici alpine italiane più talentuose e promettenti, nonché vincitrice del titolo di “Young Skier of the Year”, riconosciutole dalla Fis (Federazione Internazionale degli Sport Invernali) durante le Finali di Aspen, in virtù di sette piazzamenti nella top 10. MANINTOWN l’ha intervistata per voi.

Sei stata recentemente premiata con il titolo di “Young Skier of the Year”, cosa ha comportato questo riconoscimento per te?
È stato un onore per me, essere premiata come miglior giovane al fianco di Henrik Kristoffersen: mi ha fatto realizzare fino in fondo il mio potenziale e gli importanti risultati ottenuti quest’anno. Un ottimo punto di partenza per cercare di migliorarmi ancora nella prossima stagione.

Quali sono le caratteristiche delle scarpe Asics, brand di cui sei ambasciatrice, che più ti aiutano nell’allenamento?
Asics mi fornisce diverse scarpe, ognuna con caratteristiche diverse e che si adattano perfettamente a qualsiasi tipo di allenamento che vado ad affrontare. Quando non sono sulle piste da sci, infatti, mi alleno anche sul campo d’atletica, in palestra, e amo anche praticare il tennis. Apprezzo il fatto che siano confortevoli e di grande supporto e allo stesso tempo leggere ed ammortizzate. Grazie al contatto diretto con i tecnici dell’azienda abbiamo trovato per ogni situazione il modello che più si addice alle mie caratteristiche, un plus importante per riuscire ad ottenere il massimo da ogni allenamento.

Sei una ragazza giovanissima, nel tuo tempo libero che stile prediligi?
Quando posso, mi piace sentirmi femminile, prediligendo outfit semplici, ma eleganti allo stesso tempo.

Se non fossi diventata una sciatrice professionista, quale sport ti sarebbe piaciuto praticare?
Siccome da piccola praticavo la ginnastica artistica magari, non ci fosse stato lo sci, avrei continuato in questa disciplina. Vengo da una famiglia di sportivi e sono convinta che, anche se solo per diletto, avrei praticato lo stesso tanto sport.

Hai un rito scaramantico prima delle gare?
No, non sono scaramantica. Potrei parlarti dei tanti riti delle mie colleghe, ma mi dicono che raccontarli porti male! (ride ndr).

®Riproduzione Riservata

© Riproduzione riservata