Mini Metro Maps: se la metropolitana si trasforma in arte

Trovare arte ovunque, anche nei luoghi più impensati. Si basa probabilmente su questo concetto il progetto dell’illustratore americano Peter Dovak, che ha preso le metro più importanti di tutto il mondo e le ha trasformate in piccole opere d’arte, che ha racchiuso nella serie Mini Metro Maps. Ed ecco che le tube più famose – da New York a Tokyo, passando per Londra – si trasformano in schizzi colorati e riconoscerle è quasi impossibile, per un totale di 220 maps stilizzate al punto da rientrare ciascuna in un cerchio di 120px. Una collezione di icone grafiche rielaborate in chiave minimal, nata quasi per caso: ”Il progetto – racconta Dovax – trova le sue origini nel mio inutile tentativo di creare un app per iPhone, diversi anni fa. Una delle cose più divertenti in quel caso sono state proprio le piccole e semplici icone da associare ai menu di navigazione. Mi aveva colpito il fatto che quella della metro di Washington fosse così riconoscibile, seppur su piccola scala. Così, ne ho create delle altre. Molte città sono state difficili da elaborare, ma è stata una grande soddisfazione vedere quelle più complicate diventare così piccole”.
In questa raccolta sono presenti anche numerose realtà italiane, dalle più celebri – come le metropolitane di Milano o Roma – alle meno note, come nel caso di Genova o Catania, talmente piccole da essere rappresentate da due piccole righe rosse e nessun altro colore.
Le ultime novità legate al progetto di Dovak sono recentissime e risalgono solo a qualche settimana fa: “Ho finalmente aperto un negozio – spiega il creatore di Mini Metro Maps – su RedBubble che vende prodotti con mappe individuali di diverse città. Ci si può trovare di tutto, dalle magliette ai cuscini alle cover per lo smartphone, adesivi e molto altro, anche se il mio preferito è l’orologio a muro”.

®Riproduzione Riservata

© Riproduzione riservata