Oakley rivela Kato

La nuova frontiera degli occhiali sportivisi chiama Kato ed è l’ultima rivoluzione di casa Oakley, l’azienda Californiana dal look avveniristico per la sua struttura che ricorda un’astronave appena atterrata nel deserto. Dal suo headquarter si spinge oltre i confini della performance e ridefinisce il concetto di estetica, coinvolgendo gli atleti più esigenti per raggiungere risultati sempre più vicini alla perfezione.

Kato si adatta ai contorni del viso, creando un effetto mascherina, con un plus che è la carta d’identità di casa Oakley: una nitidezza visiva senza paragoni, ottenuta da studi approfonditi che hanno richiesto la collaborazione di atleti stellari che hanno testato, in fase di prototipo, la loro resistenza e performance. Solo dopo il loro feedback, si è giunti al modello definitivo, con le sue caratteristiche di calzata impeccabile e leggerezza delle aste in O Matter™, con terminali sovrastampati in Unobtainium® che assicurano il massimo del comfort e livelli ottimali di aderenza, anche se indossati tutta la giornata.
Come la maggior parte dei modelli top dell’azienda di Foothill Ranch, anche Kato è disponibile con lenti Prizm™, fiore all’occhiello della ricerca Oakley, progettate per ottimizzare colori e contrasti e offrire così una visione più ricca di dettagli.

Oakley Experience

Gli atleti del Team Oakley provenienti da tutto il mondo, tra cui Juju Smith-Schuster, Mikaela Shiffrin, Mark Cavendish, Rohit Sharma, Seth “Scump” Abner, Valentino Rossi e Patrick Mahomes, hanno ricevuto un misterioso pacchetto con istruzioni a tempo. Aprendolo, hanno scoperto un insolito oggetto che li ha guidati in un viaggio in realtà aumentata.
Nel momento clou si sono aperte porte simili a quelle di un’astronave, svelando la rivoluzionaria
montatura. In questa esperienza ibrida e immersiva le tecnologie fisiche, digitali e social hanno dato vita
a un’avventura formidabile, in grado di colpire l’immaginazione e incoraggiare gli atleti a superare con
fiducia ogni limite.

Per permettere ai clienti di scoprire in anteprima il prodotto e la straordinaria sorpresa virtuale, il giocatore di football americano Juju Smith-Schuster ha condiviso dall’account Instagram di Oakley la sua esperienza di unboxing e ha fatto
una diretta dal suo profilo personale, mostrando ai follower la propria reazione di fronte all’esperienza di
realtà aumentata e al prodotto.

È l’ennesima conquista nell’universo degli occhiali sportivi  su cui Oakley ha costruito la propria identità fin dal lancio di Eyeshade nel 1984, col suo design anticonformista, passando per l’avanguardistico Over The Top, presentato a Sydney nel 2000, fino a Jawbreaker del 2015.


®Riproduzione riservata / All rights reserved

Autore

Condividi