Produzione di energia pulita e fonti rinnovabili: la campagna crowdfunding di Dynamo

Le condizioni del nostro pianeta suscitano sempre più preoccupazioni, a causa di inquinamento e sfruttamento selvaggio di risorse che portano a conseguenze gravi come il riscaldamento globale. L’equilibrio dell’ecosistema si trova ad essere fortemente danneggiato e gli effetti prolungati potrebbero a breve diventare irreversibili.

L’allarme diffuso su questa tematica sta stimolando l’assunzione di un maggiore senso di responsabilità, sia da parte delle aziende che dei privati cittadini. Il settore energetico, a cui viene imputata buona parte delle emissioni di CO2 nell’atmosfera, vive questa importante sfida come un’occasione di rinnovamento ed evoluzione, come succede per Dynamo Energies, società esperta a livello internazionale in ambito di produzione di energia pulita.

Attraverso l’utilizzo infatti di fonti rinnovabili come acqua, aria, terra e sole, le macchine Dynamo riescono a generare ed immagazzinare grandi quantità di energia, che possono servire a soddisfare il fabbisogno di elettricità, di acqua calda e di climatizzazione di case ed uffici, offrendo una preziosa indipendenza energetica. Che si tratti di un appartamento di 100 m2 o di uno spazio di 1.200 mq, questi impianti fotovoltaici assicurano elevata potenza e ottimizzazione dei consumi.

L’opportunità di fare del bene al pianeta è alla portata di tutti in vari modi, come per esempio grazie alla campagna di Equity Crowdfunding che è stata organizzata da Dynamo sul portale Extrafunding.it, dedicato proprio a raccolte fondi per le P.M.I., e che si è appena conclusa con notevole successo. È infatti stata superata la cifra di 453.000 euro, a testimonianza della grande fiducia che questo marchio e la sua visione riescono a suscitare.

Aiutare in prima persona a diffondere un modo di vivere più sostenibile vuol dire migliorare la salute del pianeta,  dando il proprio contributo per il raggiungimento degli obiettivi SDG (Sustainable Development Goals) di sviluppo sostenibile nel contesto dell’Agenda 2030, all’interno del quadro strategico delle Nazioni Unite:

  • innovazione e infrastrutture;
  • città e comunità̀ sostenibili;
  • agire per il clima.

Un impianto fotovoltaico di nuova generazione è infatti in grado, grazie a allo sviluppo tecnologico e all’adozione di forme solide, di recepire i raggi solari in maniera più efficace e continuativa rispetto ai tradizionali pannelli monodimensionali, e di garantire quindi una produzione energetica maggiore e costante.

Macchine affascinanti dai nomi evocativi come Monolite, Cubo e Piramide riescono a unire l’efficienza energetica con le linee eleganti del design italiano e a dare vita alla bellezza sostenibile, che si riallaccia alle  suggestioni antiche dei solidi platonici per lanciarsi verso la più ambiziosa modernità.

La sostenibilità viene perseguita in maniera concreta: basti pensare che grazie al modello Piramide, per esempio, è possibile evitare in un anno circa 30 tonnellate di emissioni di CO2, rispetto ad un sistema energetico di tipo tradizionale. Un bel passo in avanti verso un futuro migliore, da vivere non più in contrapposizione ma in armonia con l’ambiente.

Questo complesso percorso è facilitato da attività come la campagna di crowdfunding, accolta con così grande partecipazione, che ha permesso di investire in energia pulita, bellezza e tecnologia e di collaborare a ridurre l’attesa che ci separa dal mondo che verrà.

®Riproduzione riservata / All rights reserved

Autore

Condividi