RIPARARSI DAL FREDDO CON STILE

Maglione o cardigan? La scelta è ardua. Il primo è sinonimo di comfort e di uno stile rilassato, mentre il secondo è indubbiamente più funzionale, perché permette di giocare con diverse sovrapposizioni, senza mai scompigliare i capelli. Senza sottovalutare la comodità delle piccole tasche laterali.
Elemento irrinunciabile in questa stagione è il maglione. I capi in lana o cashmere sostituiscono, anche in ufficio, il tradizionale abbinamento giacca e camicia. Scegliendo il tessuto e le proporzioni adatte, è un capo che si adatta a tutti i tipi di fisico, slanciando le corporature più robuste e valorizzando i fisici più asciutti.
I modelli a tinta unita sono più formali ed eleganti, quelli colorati o a fantasia, invece, diventano i veri protagonisti del look, per cui vanno abbinati a elementi più semplici e monocromatici, come suggerisce, ad esempio, Prada. Molto di tendenza anche le lavorazioni a coste o intrecciate con un filato più robusto che interrompono la monotonia del capo senza alterarne la vestibilità. Sulle passerelle di questo autunno/inverno i brand hanno puntato anche su diverse allacciature, asimmetriche e laterali, e sull’introduzione di parti in materiali diversi.
Il dolcevita, soprattutto di colore scuro, si può indossare sotto la giacca di un abito, oppure da solo abbinato a un semplice jeans. Il maglione con scollo a V, invece, è preferito in abbinamento a una camicia o una polo, se si vuole apparire più ordinati. Questo modello fa apprezzare il nodo ben fatto della cravatta, messo in evidenza dallo scollo, che non deve essere eccessivamente profondo. Per occasioni più casual, si può optare per la classica t-shirt a scollo tondo. Nel caso del maglione girocollo si pone un quesito: il colletto della camicia va messo dentro o fuori? Sia con una camicia botton down sia con una classica, il colletto deve essere sempre infilato sotto il girocollo.
Da una sciabolata sferrata alla maglia d’ordinanza dell’Esercito Inglese ad opera del conte di Cardigan nasce il capo che noi tutti conosciamo. Dimenticate gli anonimi cardigan associati alle persone di una certa età, oggi questo capo è di gran tendenza, grazie a dettagli che lo rendono un passe-partout indispensabile dello stile informale.
Sono tanti i modi in cui il cardigan può essere interpretato: dal modello con allacciatura asimmetrica indossato da Steve McQueen, allo stile più classico di Paul Newman, a Woody Allen, che gli ha conferito un’aurea intellettuale, fino ad arrivare a Kurt Cobain, che lo ha trasformato in un must dello stile grunge, portandolo aperto con sotto una semplice t-shirt.
Che presenti la classica fila di bottoni o la più moderna cerniera, il cardigan può essere indossato direttamente come maglia per un look casual o come sottogiacca in occasioni più formali. Inoltre non va mai abbottonato del tutto, ma lasciato leggermente aperto sul torace o in corrispondenza della cinta. Brunello Cucinelli lo propone in proporzione over da indossare come soprabito con camicia e cravatta sottile, mentre Hermès predilige lo slim fit, inserendo intarsi in pelle scamosciata da sovrapporre a una t-shirt e da portare dentro i pantaloni. American Vintage opta per il morbido collo sciallato, così come Drumohr, in versione oversize, che gioca con colori e fantasie.

®Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione riservata

x

x