Il nuovo menù di Rotonda Bistrò dedicato ai sapori autunnali firmato Tommaso Arrigoni

Il nuovo menù della Rotonda Bistrò messo a punto dallo chef Tommaso Arrigoni definisce le tappe di un percorso di gusto dedicato alle tipicità gastronomiche autunnali. Sapori semplici ma autentici, che portano sul piatto colori e profumi di una stagione che offre dalla terra molti elementi alla cucina mediterranea. A rendere unica l’esperienza di gusto creata dallo stellato di Innocenti Evasioni, l’eccellente proposta enologica, resa possibile grazie alla partnership con Vindome: l’app dedicata all’investimento sui vini, semplice da usare, che ha permesso a utenti di nuova generazione e neofiti del settore enologico di affacciarsi e lasciarsi conquistare dall’universo dei vini, con un focus particolare sulle cantine francesi, portatrici di un fascino e un metodo riconosciuti in tutto il mondo.

Rotonda della Besana ristorante
La Rotonda della Besana

Il pairing dei piatti con la selezione di Vindome

È qui, tra le storiche mura della Rotonda della Besana, che le etichette più prestigiose e dai rating altissimi, finora considerate inaccessibili al grande pubblico, entrano nella carta dei vini di Rotonda Bistrò, offrendo un’esperienza di gusto inedita. Dall’uovo CBT, signature dish del bistrot rivisitato in chiave autunnale con polpa di zucca leggermente senapata, pane di recupero alle erbe e grana padano, agli gnocchi con funghi porcini, fontina ed erbe aromatiche, abbinati a un Les Arums de Lagrange 2019 by Château Lagrange 3ème Grand Cru Classé, bianco d’eccezione apprezzato da appassionati e investitori francesi, che troverete sull’app Vindome a un rating di 91/100.

Oppure lo stinco con funghi alle erbe, che trova il suo perfetto abbinamento in uno Château Latour Martillac 2018 Grand Cru Classé Pessac-Léognan, valutato 93+/100. Per chiudere con dolci come il plumcake con mela al caramello e gelato alla vaniglia accompagnato da uno straordinario Château Suduiraut 2005 Grand Cru Classé Sauternes, che vanta 97/100 di rating. Gli ospiti del locale, inoltre, avranno l’opportunità di scoprire il funzionamento di Vindome direttamente al tavolo, attraverso speciali QR code tramite i quali scaricare l’app e approcciare il mondo del wine investment attraverso una user experience diretta, proprio mentre gustano una selezione di quei vini direttamente in carta.

Il fascino dell’essenziale nell’architettura e nel design interno

L’eleganza palladiana del loggiato, definita da una ricerca delle proporzioni armoniche e una serenità compositiva, in cui la luce calibrata attraversa lo spazio creato da quel bilanciamento perfetto tra pieni e vuoti, crea l’atmosfera ideale per il pubblico che s’identifica in un luogo discreto e raccolto per la cena. La luce è complice dell’eleganza pacata di questo locale, curato nei minimi dettagli dallo studio OBR, del duo Palo Brescia e Tommaso Principi, nella realizzazione di un progetto architettonico che non ha voluto sovvertire i tratti ecclesiastici del luogo ma ha elaborato un concept contemporaneo attraverso l’arredo essenziale, ispirato proprio alla cultura monacale: moderni tavoli fratini e una lunga panca dialogano con la pavimentazione in cotto.

Una visione che fa seguito al percorso effettuato negli anni da Pasquale Formisano, fotografo che al design ha dedicato la sua ricerca e fondatore di Rotonda Bistrò. Il progetto, in continua evoluzione, si affaccia a una nuova visione, accompagnata dalle luci della sera e dai mesi più freddi, ed è rivolto a un pubblico più consapevole in tema di ricerca gastronomica e di atmosfera, definita da un concept ricercato ed essenziale.

Vindome vino
Vindome

Nell’immagine in apertura, il bar della Rotonda Bistrò

© Riproduzione riservata