Vocast, l’innovativa tech company si espande in Italia

Vocast

Una piattaforma al servizio dei brand di lifestyle, moda e beauty: Vocast, la tech company danese che dà sostegno agli imprenditori italiani. Il progetto nasce con uno scopo ben preciso: presentare contenuti digitali e materiali di comunicazione con un taylor made method e un’ interfaccia di design ai partner, ai media e alla stampa.

Jens Hamborg Koefoed

Alla conquista della moda

Fondata nel 2007 a Copenaghen dall’ex giornalista danese Jens Hamborg Koefoed, ben presto si espande a Berlino e Stoccolma e oggi si appresta a conquistare anche il mercato italiano. In continua crescita, attualmente il software è utilizzato da oltre 500 marchi in tutto il mondo, alcuni molto famosi nel fashion system come Versace, Ganni e ancora: WoodWood, Salvatori, ex.it, Samsøe Samsøe, Karakter, HAY, &tradition e Menu.

Il duro lavoro e la perseveranza ripagano di tutti gli sforzi e il risultato ottenuto da Koefoed è evidente: VOCAST è, infatti, partner ufficiale della Copenhagen Fashion Week, della Swedish Fashion Association, del British Fashion Council, del Fashion Council Germany, della Stockholm Furniture and Light Fair e di OsloRunway.

Adesso, il proposito è un altro. Dopo aver constato una crescita organica, dal 2019, pari al 50% (con un traffico mensile stimato a 3.000.0000 di visite), il progetto si propone di rivoluzionare e perfezionare il marketing digitale, offrendo uno strumento di facile consultazione, esteticamente accattivante e in grado di comunicare con un’ unica piattaforma a livello internazionale, attraverso quattro pilastri.

I quattro pilastri che hanno portato al successo VOCAST

-Il digital showroom che abilita i brands a presentare visivamente le proprie collezioni, e dà la possibilità di condividere e far scaricare immagini di campagne, clippings, immagini di lookbook e materiali video.

-Una nuova funzione di invio, che offre ai brands la chance di creare ed inviare press release personalizzate e newsletter in tempi brevissimi.

-Liste di contatti internazionali che includono influencer, editor, giornalisti e altri stakeholder rilevanti per il settore.

-Uno strumento di reach intelligence che analizza e raccoglie i dati su chi stia visitando lo showroom digitale, chi siano i più assidui downloader, da quale parte del mondo provengano, quali file siano le più popolari e quali creino maggior traffico.

Il commento di Jens Hamborg Koefoed

Prima di internet e dei social media, i brand si affidavano ad un piccolo gruppo di editors per il posiziona-mento del loro brand e per comunicarlo ai mercati. Oggi un brand è definito dai suoi contenuti ed utilizza un mix di media tradizionali, social media, influencers e retailers che veicolano lo storytelling del brand. Per questo motivo, il materiale da condividere si è moltiplicato. Questo è uno dei motivi per cui il content marketing è in forte espansione oggi, ed è per questo che i brand si rivolgono a noi per ottenere uno strumento adatto con cui lavorare”, dichiara Jens Hamborg Koefoed – co-founder di VOCAST.

© Riproduzione riservata