Berton Al Lago: gusto asiatico, vegetali e contaminazione per una cucina sana tra benessere e arte dell’accoglienza

Il Sereno Hotel sul Lago di Como è ormai un must dell’ospitalità del lago di Como. Progettato da Patricia Urquiola, designer dell’anno 2015 della rivista Wallpaper* ha ottenuto riconoscimenti in tutto il mondo, inclusi ambiti spot nella lista “Gold List” 2018 di Condé NastTraveler e nella lista “World’s Greatest Places” di TIME Magazine 2018. Ognuna delle 30 spaziose suite sul lungolago vanta finestre dal pavimento al soffitto e ampie terrazze arredate.

Noi siamo stati al ristorante stellato Berton Al Lago gestito dall’executive chef Raffaele Lenzi con l’F&B Manager Stefano Gaiofatto per scoprire un’esperienza di gusto davvero sorprendente. Si tratta del Menu – Radici Tuberi e Vegetali ideato dallo chef Lenzi insieme ad altri due percorsi di degustazione che raccontano una filosofia di cucina che lui stesso ama definire “intraprendente, appassionata e delicata”.
Parliamo infatti di vegetali, elementi in grado di rendere un piatto completo e da qui la volontà di farli diventare dei protagonisti. E’ un percorso che vuole omaggiare alla stagionalità per quanto possibile e alla materia prima nella sua essenza più pura e vera.

L’arte del Ricevere al Berton al Lago consiste in un concetto di sala che pone “al cuore” il cliente e i suoi bisogni in un servizio di lusso raffinato ma allo stesso tempo informale. La ”grande” sala di Stefano Gaiofatto è un racconto vero e raffinato di un’arte del ricevere di bellezza dove vi è cura elegante per ogni dettaglio e particolare.
La cucina di Raffaele è poi sublimata da un’attenta proposta di vini italiani, di territorio che esaltano i piatti con armoniosità e rispetto della materia prima.  Noi siamo riusciti a provare anche un’interessante progetto di mixology che nasce al lounge bar del resort dove preparati barman studiano ad hoc miscelati e mocktail di grande qualità. Si ispirano al giardino verticale di erbe botaniche realizzato dal botanico Patrick Blanc e sono basati sulla natura e sui concetti di sostenibilità e stagionalità.

Questi drink ci raccontano storie di lago e ispirazioni internazionali accompagnandoci in un’esperienza che consigliamo davvero di provare.


®Riproduzione riservata / All rights reserved

Autore

Condividi