C’ERA UNA VOLTA L’OPIFICIO SAN NILO

Less is more. Quando è la Natura a ispirare un prodotto, non c’è bisogno di molto altro. Questa la filosofia di Opificio San Nilo, un marchio di fitocosmesi nato dall’iniziativa di un farmacista romano, il Dr. Luigi Macchiagòdena, che ha voluto creare qualcosa di differente dalle comuni proposte commerciali. Grazie alla sua esperienza nella farmacopea, i prodotti cosmetici sfruttano i principi attivi estratti dai vegetali: le materie prime sono i fiori, le piante e i frutti, trattati con lavorazioni artigianali, alcune di queste effettuate a mano, come una volta. Niente etichette dall’INCI kilometrico, ma solo principi funzionali vegetali, combinati da una buona chimica di laboratorio. La proposta dell’Opificio San Nilo è ampia e comprende creme con diverse funzionalità, idratanti, rigeneranti, anti-age, opacizzanti e rigorosamente senza parabeni, ma anche bagni doccia e shampoo, sia per lui che per lei. In questa stagione, un’ottima idea regalo per una donna potrebbe essere la crema corpo “prova costume” o il trattamento nebulizzato contro gli inestetismi della cellulite, i veri alleati must have dell’estate. Proprio in virtù della loro purezza e genuinità, è consigliabile consumare i prodotti in un periodo di tempo non superiore ai tre/quattro mesi dopo l’apertura. Sempre targate Opificio San Nilo, le fragranze ambientali sono studiate in collaborazione con i migliori nasi profumieri francesi, che hanno ideato combinazioni particolari e armoniose, come fico e mela o melagrana e uva fragola, diffuse attraverso bastoncini di rattan, che, per ottenere una profumazione più intensa, andrebbero capovolti ogni due/tre giorni. Semplicità e naturalezza caratterizzano anche il packaging: flaconi e vasetti minimal, dall’aspetto vintage, sono realizzati con materiali riciclati e, a loro volta riciclabili, nel totale rispetto dell’ambiente in cui viviamo.

opificiosannilo.com

Vedi anche -> Agocap.it

®Riproduzione Riservata

https://www.youtube.com/watch?v=6cS7EXc5AUg&feature=youtu.be

© Riproduzione riservata