CLIO MAKE UP: IL SUCCESSO DELLA SEMPLICITÀ

Se in Italia sappiamo cos’è un primer, un blush o un piega ciglia lo dobbiamo a lei, Clio Zammatteo, in arte ClioMakeUp che, nel 2008, ha aperto il suo canale YouTube, quando la professione di Youtuber, soprattutto in Italia, non esisteva. Mentre viveva il suo sogno americano a New York, condivideva ciò che imparava nella scuola di make-up attraverso dei brevi tutorial, sempre più tecnici con il passare del tempo, contribuendo a diffondere l’arte del trucco: dalle passerelle alla vita quotidiana. Ora Clio è make-up artist,YouTuber, beauty blogger, autrice di libri e personaggio televisivo, ma è rimasta sempre la ragazza dolce e un po’ impacciata degli inizi, l’amica virtuale a cui chiedere consiglio e da cui ci si aspetta una risposta sincera. Da poco ha creato anche una linea di rossetti, prodotti interamente in Italia e venduti online, che dopo solo 14 ore dal lancio, è andata sold out. Un momento d’oro per Clio, coronato dalla nascita della piccola Grace. MANINTOWN l’ha intervistata per voi.

Quando hai capito di poter investire tutto su questo tuo sogno e progetto?
In realtà l’ho capito abbastanza tardi, verso il 2012, perché fino a quel momento ho avuto tante collaborazioni, programmi TV, libri, però facevo quasi tutto da sola, ero più una YouTuber vera e propria, un personaggio singolo che guadagnava grazie alla sua passione. Verso il 2012, quando in più persone abbiamo cominciato a lavorare al progetto, e soprattutto abbiamo aperto il blog, ho iniziato a capire che potesse diventare una professione, perché stavo dando lavoro ad altre persone, non stavo soltanto sostenendo me stessa. Ogni anno c’è stata una piccola crescita, cosa che mi ha fatto credere nella longevità del progetto, mentre sul web, molto spesso, ci sono fenomeni che nascono, ma che poi si spengono in fretta. Questo, invece, ha continuato a crescere, perché io, mio marito e mia cognata, che siamo il trio principale di ClioMakeUp, abbiamo sempre pensato a come poter crescere.

Dimostri che i sogni possono avverarsi. Quali sono stati gli ingredienti del successo?Sicuramente l’onestà e il lavoro di squadra, perché ormai ClioMakeUp è una realtà formata da una ventina di persone. Vogliamo comunicare un’idea di casa, di famiglia, di lealtà e onestà, i valori su cui abbiamo sempre puntato in tutto ciò che facciamo. Anche le collaborazioni esterne partono sempre dai prodotti, dai test e dalla volontà di essere corretta nei confronti di una community che ci ha sempre seguito e supportato. Poi, il fatto di non aver mai perso le mie origini ed essere rimasta sempre me stessa è stato importante.

Ti sei sempre schierata a favore di messaggi body-positive, senza distorcere la realtà con Photoshop e simili. Cosa ne pensi di chi ricerca ossessivamente la perfezione?
Penso che l’aspetto fisico sia solo una piccola parte di ciò che una persona è. Detto questo, non posso criticare le scelte altrui. Un sedere un po’ più grosso o un naso un po’ più lungo non fanno la differenza oggigiorno, anzi bisogna pensare ad altro. È ovvio che per me il trucco e apparire al meglio conta, ma non è una cosa con cui combatto quotidianamente e non è un aspetto che fa di me una persona migliore o peggiore. Nel mio piccolo io sono sempre stata onesta, anche con me stessa, riguardo ai miei pregi e difetti.

Qual è il segreto per accettarsi?
La chiave sta nel capire quali sono le cose importanti nella vita, dopodiché il resto passa in secondo piano. Un’altra cosa fondamentale è circondarsi di persone che ti amano per quello che sei. Trovare una persona come Claudio, mio marito, che mi ha sempre apprezzato e sostenuto, ha fatto sì che anch’io iniziassi ad amarmi di più.

Un altro tema delicato su cui hai puntato l’attenzione riguarda la maternità e l’invadenza, anche involontaria, dei follower, che a volte può ferire. Per chi condivide (quasi) tutto sui social ci sono dei paletti da rispettare?
Sicuramente ci sono, io stessa non pubblico tutto della mia vita. Nessuno lo fa. Molto spesso la gente cerca di pubblicare solo le cose positive, nel mio caso non è neanche così, non cerco di far vedere la mia realtà edulcorata. La cosa importante è non condividere tutto, altrimenti la gente si aspetta troppo da te, e non è giusto che si aspettino di sapere qualsiasi cosa della tua vita. Secondo me è un bilanciamento che si impara col tempo.

Cosa rende diversa la tua linea di rossetti?
Parla a tutti. Spesso oggigiorno, soprattutto i nuovi brand, sono rivolti soltanto a un target specifico. Il mio marchio, invece, parla a tutte: alle ragazze che si vedono belle e a quelle che si vedono meno belle e che hanno voglia di sperimentare. Alle giovanissime, ma anche alle signore. È un brand che non fa distinzioni, facile da utilizzare. Soprattutto, la gente che compra i miei prodotti è consapevole che dietro c’è stato tanto lavoro, ricerca e sperimentazione, mesi e mesi di test e non è un’attività nata solo per fare soldi. Quindi le persone si fidano, perché sanno che nella mia esperienza ne ho provati tantissimi e che se presento qualcosa vuol dire che per me è il meglio.

Com’è il tuo rapporto con la moda? Cosa non può mai mancare nel tuo guardaroba?
Non c’è un grandissimo rapporto con la moda (ride, ndr). Mi sono resa conto che, avendo scelto il trucco, la moda passa un pochino in secondo piano. Più che altro, non spendo tantissimo per vestirmi, perché la moda è un po’ come il trucco, ogni giorno escono milioni di vestiti, scarpe, borse nuovi, se apriamo la pagina di un sito, ogni settimana è aggiornata. Se il make-up è il mio lavoro e ci posso investire, sulla moda non così tanto e cerco di contenermi. Acquisto dei capi basic che si possono utilizzare quasi sempre. Inoltre, sono una patita dei vestiti e li metto quasi sempre, sia d’estate che d’inverno. Quelli estivi li indosso anche nella stagione fredda con calze pesanti e maglioni oversize. Ho il mio stile ben definito, per questo non seguo molto le tendenze. Mi piacciono le stampe floreali, ma non possono mai mancare abiti neri, sia perché come make-up artist, quando vado a fare dei lavori, il nero è il colore classico, così quando ci si sporca non si nota, sia perché è un colore che mi piace e che si abbina con tutto, va sempre bene e soprattutto, con diversi abbinamenti, risulta sempre differente. Poi è un evergreen, non ha era, stagione o periodo.

Non solo tutorial, ma anche vlog. Il viaggio più bello che hai fatto?
Ne ho fatti tanti, ma quello che più mi è rimasto nel cuore è stato in Islanda, in cui ho fatto tre vlog. È stato un viaggio meraviglioso, anche se siamo andati in un periodo un po’ misero, verso i primi di gennaio, quando c’erano solo quattro ore di sole al giorno e un freddo incredibile. Nonostante la situazione climatica non fosse delle migliori, è stato un viaggio emozionante, i tramonti che ho trovato lì non li mai visti in nessun altro posto. La serenità che mi ha trasmesso quel luogo, l’accoglienza delle persone, è stato tutto veramente fantastico. Sono stati dei giorni bellissimi, non vedo l’ora che Grace sia un po’ più grande per poterla portare, perché secondo me anche a lei piacerà.

Nei tuoi post traspare, spesso, il profondo amore per l’Italia. Hai mai pensato di tornare a viverci?
Sì, ci ho pensato tante volte. Dobbiamo ancora finire la nostra esperienza in America, che ci ha dato già tanto, ma ci sono ancora un paio di cose che dobbiamo fare. Sicuramente per il futuro abbiamo iniziato già a pensare alla città italiana in cui ci piacerebbe vivere con Grace, soprattutto perché mi piacerebbe far crescere la mia piccolina più vicino a casa e ai nostri affetti.

Un progetto ancora irrealizzato?
Posso dire di essere fortunata, sto realizzando tutti i miei sogni, è una sensazione incredibile. Direi che il mio goal futuro sia quello di far crescere la nostra linea, ancora piccola, però senza fretta, non sono una di quelle persone che vuole tutto e subito, sono consapevole che per far bene le cose bisogna prendersi i propri tempi e quindi lo stiamo facendo. Grazie alle persone che ci seguono e alla qualità, sono sicura che si potranno fare grandi cose in futuro.

Che prodotti consiglieresti per l’uomo?
Secondo la mia esperienza con Claudio, consiglierei i sieri per idratare perché, rispetto alle creme, hanno una consistenza più leggera, quindi si adattano soprattutto agli uomini che odiano gli effetti “pesantoni” o l’effetto un po’ grasso di alcune creme, e anche a quelli che hanno la barba, come Claudio, che usa il siero perché penetra senza lasciare la barba unta e riesce ad arrivare in profondità. Altri due prodotti sono le creme opacizzanti, di cui ce ne sono di ottime in commercio specifiche per la zona “T”, soprattutto per gli uomini con la pelle grassa, e poi tutti gli oli per la barba, specialmente in questo momento in cui la barba lunga è di tendenza. Gli oli fanno sì che la barba sia più disciplinata, più lucente e applicandoli si vede proprio la differenza.

cliomakeupshop.com

®Riproduzione Riservata

®Riproduzione riservata / All rights reserved

Autore

Condividi