De Martini «su Instagram condivido la mia rincorsa ai sogni»

Un profilo Instagram decisamente in fermento, con scatti e stories che coinvolgono i suoi follower (quasi 150mila, numero in continua crescita) e tifosi. Matteo De Martini, azzurro di ginnastica artistica, ci ha raccontato il suo rapporto con i social network, attraverso la sua passione, i suoi sogni e una grande determinazione nell’inseguirli.

Quanto contano per te i social network e quanto li usi?
I social network rappresentano, per me, la principale fonte di informazione mediatica, sia privata che pubblica. Ritengo che siano una parte ormai consolidata della vita quotidiana, nonostante siano spesso sminuiti da persone che non ne percepiscono la reale potenzialità.

Come ti proponi ai tuoi followers?
Credo che sia importante essere se stessi, anche dietro lo schermo di un telefono, senza creare un “personaggio” con il solo scopo di accumulare “followers”.

C’è un social che usi più degli altri e perché?
È Instagram, mi piace davvero tanto fare foto fuori dagli schemi e modificarle come preferisco. Credo che ogni singolo post rifletta, anche solo in parte, la personalità di chi ci sta dietro.

Che consigli vorresti dare a chi ti prende come modello di vita e di sportività?
Quello di perseverare nelle proprie passioni e di sbattere la testa fino al raggiungimento dei propri obiettivi. Sembrano le solite frasi fatte, ma penso che la costanza sia davvero basilare.

Le qualità mentali e fisiche che richiede il tuo sport?
La ginnastica artistica è uno sport che richiede molta disciplina e continuità. Questo provare continuamente, quasi in maniera maniacale fino alla corretta esecuzione, mi ha insegnato molto su come affrontare le sfide che mi vengono proposte regolarmente.  Bisogna essere pazienti e allenarsi tanto. L’unico requisito, che si sviluppa anch’esso con l’età, è la concentrazione: durante gli allenamenti è importante essere focalizzati su ciò che si sta facendo, per evitare infortuni e per una buona riuscita dell’esercizio.

®Riproduzione Riservata

© Riproduzione riservata

x

x