GUIDA ALLA GIACCA PERFETTA: MONO O DOPPIOPETTO?

Dalle uniformi militari di fine ‘700 a capo di punta dell’Autunno/Inverno 2017.
La giacca doppiopetto è tornata in grande stile sulle passerelle e come passe-partout per l’uomo metropolitano. Nel corso dei secoli, si è passati dall’originaria versione a sei bottoni, al modello con allacciatura alla “Kent”, ideato dal Duca di Kent, con soli quattro bottoni e un rever che mette in risalto il petto e le spalle, distogliendo l’attenzione dalla vita e conferendo, così, una figura più alta e slanciata. È stato il ribelle Edward Duca di Windsor, il principe inglese passato alla storia per il suo amore con l’americana pluridivorziata Wallis Simpson, a rendere celebre quest’ultima versione. La sua relazione gli costò la corona, ma entrambi sono ricordati come autentiche icone di stile e glamour del tempo.
L’eleganza inglese è di ispirazione per l’Autunno/Inverno 17-18 di Tagliatore, con blazer dai rever ampi, linee over e lunghezze rivisitate, che interpretano il gusto del neo-dandy.

Il fit moderno ha definitivamente abbandonato l’iniziale rigidità del blazer, che, pur rimanendo un’icona dello stile sofisticato, è un capo che si può adattare a occasioni casual, magari in versione spezzata per eventi diurni, come suggerisce Emporio Armani, che combina una classica giacca doppiopetto a pantaloni morbidi a fantasia.

Il doppiopetto può anche essere abbinato a pantaloni dal taglio regolare e stivali per uno stile rilassato, o a jeans e sneaker per un look sportivo, ma chic. Un esempio è il completo in mischia di cashmere e seta spigata blu pavone e grigio proposto da Ermenegildo Zegna, abbinato a una semplice maglia con scollo a V, per un look da ufficio impeccabile.

Immancabile completo nell’armadio di un uomo, l’abito monopetto si compone di due pezzi: giacca e pantaloni confezionati con la stessa stoffa. La giacca può avere due o tre bottoni, più raramente il monobottone, più formale, che è diffuso in USA e nel Regno Unito e che dovrebbe essere sempre abbottonato. Se la giacca ha due bottoni, si allaccia quello più in alto, invece se ne ha tre, si allaccia quello centrale. Negli anni la vestibilità di giacca e pantalone è diventata sempre più slim, anche se la giacca dovrebbe seguire semplicemente la silhouette di chi la indossa. La linea Z Zegna sceglie la giacca monopetto in mischia di lana bouclé in pied de poule, indossata con un morbido cardigan in lana, scaldamuscoli e guanti.

Rispetto alla semplice giacca monopetto, preferita da Ferragamo per questa stagione, il doppiopetto regala immediatamente un’allure più sofisticata, soprattutto se indossata con una camicia e abbinata a dettagli vintage come papillon e pantaloni con pince.

Un’alternativa alle due versioni è offerta da Brunello Cucinelli, che propone una giacca un petto e mezzo, pensata appositamente per essere indossata anche con capi più informali, come magliette girocollo, cardigan con pattern basici e sneaker.

Che la giacca sia monopetto o doppiopetto, ecco un piccolo consiglio per renderla maggiormente raffinata: tenere slacciati i bottoni cuciti sulle maniche; questo dettaglio, infatti, è una caratteristica peculiare degli abiti di fattura sartoriale.

®Riproduzione Riservata

© Riproduzione riservata

x

x