Invicta x Dsquared2, debutta ad agosto la capsule collection A/I 2022

Un’azienda italiana che ha fatto degli zaini (considerati alla stregua di una tela bianca su cui sbizzarrirsi attraverso scritte col pennarello, tag e adesivi, complemento indispensabile degli anni scolastici di migliaia di studenti) il proprio marchio di fabbrica, e una label di prêt-à-porter che, da oltre 25 anni, furoreggia sulla scena fashion internazionale grazie al mix inconfondibile di estro e saper fare artigiano. Si sa che, alle volte, gli opposti non solo si attraggono ma, insieme, possono valorizzare i rispettivi punti di forza, dando vita a operazioni tanto inaspettate quanto convincenti. È il caso della nuova co-lab tra Dsquared2 e Invicta, produttore dei mitici zainetti di cui sopra, una selezione di accessori e capi ready-to-wear a tutto colore, svelata durante la sfilata uomo della griffe per l’Autunno/Inverno 2022, #D2Hi_king (con un’appendice nello show femminile A/I 2022 #D2takeatrip, sotto forma di un backpack ad hoc).

Zaini, accessori e capi ready-to-wear nella collab tra i due marchi

A ben guardare, le filosofie dei due brand hanno in comune più elementi di quanto si possa pensare: entrambi, infatti, prendono ispirazione dal tema dell’avventura, della scoperta. Se gli abiti d’impronta outdoor, che attingono alla natura del Canada (paese natale dei fondatori Dean e Dan Caten), contraddistinguono da sempre le collezioni Dsquared2, Invicta si è radicato nell’immaginario collettivo negli anni ‘80;  è stato allora che i suoi zaini sono divenuti un must assoluto, simbolo della voglia di ricercare esperienze, culture e approcci diversi al vestire quotidiano.

Nella capsule collection in questione, i rispettivi loghi (la foglia d’acero della maison canadese e la “I” in corsivo dell’etichetta italiana) la fanno da padrone; sono riprodotti su patch ricamate che arricchiscono cartelle (ça va sans dire), cappellini, felpe, magliette e ghette. Gli zaini, in particolare, riprendono le silhouette dei pezzi iconici di Invicta. Lo zaino Jolly è dunque una rivisitazione dell’iconico modello rettangolare lanciato negli Eighties, proposta ora in versione color block, con spallacci imbottiti realizzati per l’occasione usando una specifica fettuccia jacquard gialla, e rifinita da metallerie co-branded. Scritte personalizzate si stagliano sulla tela, enfatizzando l’aspetto used degli zaini di una volta, vissuti, logori ma, proprio per questo, unici nel proprio genere.

Anche il backpack Monviso, entrato nella storia dell’alpinismo, viene rivitalizzato dall’incontro con i codici della maison, declinati in inaspettate combinazioni cromatiche e logo over co-mixed. Il design mantiene invece la funzionalità dell’originale, pensato per riporre comodamente ogni oggetto, tra spallacci imbottiti e chiusura a coulisse provvista di cordino tecnico tubolare. Cappelli da baseball (un classico della casa) e ghette, poi, riprendono le stesse, energiche tonalità degli accessori citati.

La collezione sarà disponibile da agosto in tutte le boutique Dsquared2, sull’e-store ufficiale e presso rivenditori selezionati.

© Riproduzione riservata

x

x