Lo stile del nodo alla cravatta

La cravatta, sempre, anche in ufficio, o solo per le occasioni speciali? Se optate per questo accessorio solo quando è strettamente necessario la domanda sorge spontanea, siate sinceri: il nodo, ve lo fate voi o la vostra fidanzata? Ecco, forse ormai il classico Four in Hand lo sapete fare anche a occhi chiusi, ma, senza dubbio, non vi siete mai cimentati in quelli più fantasiosi e complicati, come il Windsor o l’Onassis. Che poi, complicati, nulla è impossibile, anzi, basta solo provare e riprovare. Insomma diciamolo, non è giusto che siano solo le donne a doversi complicare la vita per essere più belle. Un unico accorgimento, attenzione alla fantasia della cravatta che scegliete, se abbinata al nodo giusto farà la sua parte e contribuirà a rendere un look classico un po’ più colorato e spiritoso, ma se la sbagliate c’è il rischio che il motivo risalti sul nodo, rendendo, così, vano ogni sforzo. Non c’è poi troppo da preoccuparsi, infatti, di cravatte ce n’è davvero per tutti i gusti, a righe colorate – magari fatte a mano – come quelle proposte da Bigi Cravatte; in micro-fantasia, come le spiritosissime Salvatore Ferragamo; di seta, ma anche, perché no? per un inverno più casual, in lana, un limpido esempio sono le proposte multicolor di Cividini. Non importa che si caldo o freddo, a seconda della stagione potrete sbizzarrirvi, dalle più formali alle più casual, senza prendervi per forza troppo sul serio.

Photographer | Marco Paris
Fashion Stylist | Orsola Amadeo
Talent | Giuseppe Porrovecchio

@Riproduzione Riservata

 

© Riproduzione riservata

x

x