Sapone solido: vantaggi e svantaggi

Vintage, profumato, neutro, nutriente: il sapone solido è tornato alla ribalta negli ultimi anni e si conferma essere un degno sostituto del sapone liquido.

Il più famoso e imitato di sempre è il sapone di Marsiglia, la cui ricetta ufficiale fu codificata nel 1906 (gli ingredienti erano: 63% di olio, 9 % di soda e 18% d’acqua), ma ne esistono molti altri ognuno con fragranze diverse sino a quelli per uso curativo/cosmetico come quello con latte d’asina o con argilla per trattare l’acne.

Oggi sempre più persone preferiscono usare la saponetta anziché un detergente liquido: perché? Scopriamolo insieme.

I vantaggi del sapone solido

Sino agli anni ‘50 la saponetta era considerata un lusso alla portata di pochi. Nei decenni successivi è caduta in disuso, superata dai detergenti liquidi in flaconi di plastica, più pratici, ma sicuramente meno ecologici. Questi prodotti quotidiani, infatti, una volta terminati aumentano la quantità di rifiuti in plastica da smaltire.

Ma come ha fatto il sapone solido a scavalcare la moda compulsiva del sapone liquido? Uno dei motivi è che le persone preferiscono un prodotto naturale e non artificiale. Un altro punto di forza è la sua praticità, ad esempio quando si viaggia e si vuole portare solo il bagaglio a mano dove la quantità di liquidi da trasportare è limitata.

Il motivo principale però a sostegno della saponetta è la sua maggiore sostenibilità. Non ha un involucro di plastica nella maggior parte dei casi è in plastica, quindi è un prodotto che rispetta l’ambiente, non inquina e non crea rifiuti da smaltire.

Importante è la scelta del sapone solido anche dal punto di vista economico, sicuramente la saponetta vince, con pochi € si ha un sapone che dura davvero moltissimo.

Bisogna però sempre controllare l’INCI, ossia la lista ingredienti e verificare che siano tutti naturali e che sia un prodotto cruelty free (non testato sugli animali). Per i bambini è molto meglio usare la saponetta poiché prendendola la passano sotto l’acqua e qualsiasi traccia di sporco viene spazzata via. Al contrario premendo l’erogatore del sapone liquido con le mani sporche, restano i residui di germi e batteri sulla superficie.

Gli svantaggi del sapone solido

Rispetto al sapone liquido, la scelta è minore in termini di sapone solidi, anche se ultimamente molti brand hanno iniziato a produrre saponette di qualità in dimensioni e profumazioni diverse.

Un altro svantaggio è che non va lasciata sotto corrente di acqua come la doccia, altrimenti si rischia di consumarla senza averla veramente usata, quindi è bene riporla sempre in un porta saponetta appena non la si usa più.

© Riproduzione riservata