Septum piercing: tutto quello che c’è da sapere

Da qualche anno impazza la moda del septum, un anello che fuoriesce da entrambe le narici del naso, e che tanto piace soprattutto al pubblico più giovane. Tutti ci siamo chiesti se sia un punto particolarmente delicato da perforare e se e quanto possa essere doloroso. In questo articolo, vi raccontiamo tutto ciò che c’è da sapere sul septum piercing.

Cos’è il septum piercing

Il septum piercing, è un piercing che prevede la foratura della membrana che divide le due narici. La perforazione, quindi, a dispetto di quanto potrebbe sembrare dal nome, non avviene sul setto nasale vero e proprio, ma su una zona di connessione di tipo “molle” e non ossea.

Ciò non significa, però, che le cose vadano prese alla leggera. La forma e la conformazione del naso, e della parte interessata, cambiano da persona a persona, il piercer deve fare perciò molta attenzione a dove e come effettuare l’operazione (sì, è paragonabile ad una piccola operazione) affinchè non ci siano complicazioni.

Innanzitutto quindi vi consigliamo di rivolgervi ad un professionista, che vi accolga in uno studio e che siate certi segua tutte le norme igieniche ed utilizzi solo materiali sterili ed adeguati.

Come si esegue il septum piercing

La procedura è di per sé rapida e non prevede la fuoriuscita di sangue. Di norma, il piercer, con una speciale pinza chirurgica, stabilizza la parte di membrana interessata. Dopodichè con un ago sterile, rivestito di un tubo (anch’esso sterile) perforerà la membrana che collega le due narici. Una volta fatto fuoriuscire l’ago, si passerà all’inserimento dell’anello anallergico. 

Quali sono i rischi del septum piercing e come si disinfetta

La procedura non è pericolosa, ma, come già accennato, si tratta di una zona delicata del volto, quindi è possibile che si soffra qualche fastidio e gonfiore nei giorni successivi. Ciò che si deve scongiurare è il rischio di infezioni. Per questo è opportuno che la zona venga tenuta pulita e disinfettata attraverso l’uso di una specifica soluzione salina. Durante i primi giorni sono del tutto normali delle secrezioni bianche, segno della cicatrizzazione corretta della ferita.

Consigliamo sempre di rivolgersi al proprio medico nel caso in cui ci si renda conto che c’è qualcosa di anomalo.

È sconsigliato cambiare l’anello inserito dal piercer prima che sia passato un mese dall’operazione, ed è sempre opportuno che si scelgano materiali anallergici.

Come pulire il septum piercing

Si dovrebbe pulire il piercing almeno due volte al giorno attraverso un batuffolo di cotone imbevuto di soluzione salina che va tamponato delicatamente attorno a tutta l’area del septum. Le eventuali crosticine vanno prima ammorbidite con la soluzione salina, e poi, eventualmente rimosse. Durante la pulizia l’anello dovrebbe essere mosso delicatamente da un lato all’altro. Nel momento in cui sarà possibile rimuovere il piercing, perché guarita completamente la ferita, allora la pulizia riguarderà anche l’anello.

Quanto costa un septum piercing?

L’operazione costa solitamente attorno ai 60€, ai quali va aggiunto il costo del gioiello che sarà inserito all’interno del foro. vi consigliamo di acquistarne uno anallergico e di buona qualità, il piercer di certo potrà aiutarvi nella scelta.

© Riproduzione riservata