Testosterone naturale: 6 modi per aumentare i valori

Il testosterone è un ormone steroideo prodotto dagli uomini in maggiore quantità dai testicoli, non manca nelle donne dove la produzione avviene dalle ovaie. Sia negli uomini che nelle donne è anche prodotto dalle ghiandole surrenali.

I livelli di testosterone naturale non dovrebbero mai essere troppo bassi perché si potrebbero presentare diversi disturbi come:

  • crescita muscolare lenta
  • massa grassa che si deposita facilmente
  • carenza di libido
  • mancanza di energia
  • sbalzi d’umore

Se hai uno di questi sintomi e dalle analisi scopri di avere il testosterone basso, ti suggeriamo 5 modi per aumentare i valori.

6 modi per aumentare il testosterone naturale

Omega 3

L’assunzione di Omega 3 favorisce la produzione di cortisolo riducendo lo stress, causa principale della produzione di testosterone bassa. Favorite dunque un’alimentazione a base di pesce azzurro, salmone, sgombro, sardine, acciughe e noci.

Assumere integratori

Gli integratori che favoriscono la produzione di testosterone sono diversi fra cui vi segnaliamo lo zinco.

Lo zinco favorisce diverse funzioni del nostro organismo fra cui anche la produzione di testosterone e protegge il sistema immunitario. Lo zinco si trova anche in diversi alimenti fra cui zucca, anacardi, spinaci, cozze, molluschi, ostriche, aragoste, manzo.

Un altro minerale che favorisce la produzione di testosterone è il selenio, essenziale per la fertilità maschiale. A livello alimentare si trova in patate, molluschi, fegato e noci, ma non viene mai assunto in grandi quantità solo mangiando. Quindi un integratore è senz’altro di aiuto.

Oltre ai Sali minerali sono fondamentali anche vitamina D e K, la prima limita la conversione del testosterone in estrogeni, la seconda ne stimola la produzione. Un integratore che le contiene è utile per aumentare i livelli di testosterone naturale e anche stare all’aria quando c’è il sole.

Consumare crucifere

Si sa che il consumo di verdure è salutare per il nostro organismo, in particolare le crucifere riducono l’effetto inibitorio degli estrogeni sulla produzione di testosterone. Le crucifere sono cavoli, broccoli, cavolfiore, cavoletti di Bruxelles.

Ridurre il consumo di alcool

Il consumo eccessivo di alcool agisce negativamente sulle funzionalità del fegato e ne influenza negativamente l’equilibrio fra estrogeni e testosterone. Inoltre l’alcool inibisce la produzione di questo ormone.

Colesterolo “buono”

Il colesterolo DHL aiuta la sintesi di testosterone naturale, si al consumo di uova, pollo, burro, fagioli e olio di oliva per mantenere il colesterolo buono alto e di conseguenza anche il testosterone.

No alle diete restrittive

Le diete non equilibrate con un consumo ridotto di carboidrati rallentano la produzione di testosterone, così come le diete povere di grassi. Per questo prima di mettersi a dieta è necessario rivolgersi ad uno specialista ed evitare il fai da te.

Autore

Condividi