Milano Su Misura: premiate le eccellenze dell’artigianato di moda made in Italy

Si è conclusa sabato la terza edizione di “Milano su Misura”, l’evento promosso dal magazine Arbiter che per due giorni, 14 e 15 ottobre, ha riunito nel capoluogo lombardo i migliori sarti e gli artigiani più esperti provenienti da tutta Italia, da Nord a Sud. Tra presentazioni, convegni e incontri, è stata un’occasione per celebrare il fatto a mano, la pura esclusività, il mondo sartoriale, conoscendo da vicino i maestri con la M maiuscola, veri, illustri rappresentanti del Made in Italy.

Milano su misura Arbiter
Giuria e sarti del terzo trofeo Arbiter

La sfilata di sartoria nel cuore di Milano

Una vera e propria gara ha animato l’edizione 2022 della manifestazione, coinvolgendo sia sarti con alle spalle una lunga esperienza, raggruppati nella categoria dei Magistri, sia i giovani più promettenti, nuovi volti del settore, concorrenti nella categoria Iuvenes, riservata agli under35. L’attenzione principale è andata alla confezione dell’abito maschile, dunque giacche e abiti di alta qualità; ciascun partecipante li ha realizzati con straordinari tessuti Loro Piana, declinando il tema scelto per l’occasione, “I valori del passato nella contemporaneità”.

Il frutto di questo lavoro durato mesi, vere e proprie ore d’arte realizzate “solo” con ago e filo, è stato poi presentato in passerella durante la Sfilata dei sarti, valida per l’assegnazione del Terzo Trofeo Arbiter, tenutasi a Palazzo Giureconsulti in piazza dei Mercanti, nel cuore pulsante di Milano, a pochi passi dal Duomo. Il meraviglioso edificio cinquecentesco ha perciò ospitato, tra gli archi del porticato e le sue storiche gallerie, la terza edizione di Milano su Misura; una rassegna che si conferma un momento d’incontro per i grandi appassionati di stile e moda maschile, interpreti del gusto tutto italiano del vestire.

Milano su misura 2022
Una creazione tailor made di Vincenzo Cuomo

I vincitori dei trofei in palio a Milano su Misura

A chiusura della kermesse, la cena di gala ospitata, come da tradizione, dall’Hotel Principe di Savoia, cui ha fatto seguito l’assegnazione dei 13 premi in palio. Il Trofeo Arbiter, riconoscimento più prestigioso per la sartoria maschile, va quest’anno al napoletano Vincenzo Cuomo, che occupa ormai una posizione di rilievo nella scena della nuova generazione di sarti, non solo partenopei. Per la categoria Iuvenes, invece, il primo classificato è Francesco Florio, proprietario dell’omonima sartoria romana.

Milano su misura 2022 premi
Vincenzo Cuomo

Gianfranco Orrù
Gianfranco Orrù, vincitore del trofeo Arbiter 2021

Nell’immagine in apertura, il vincitore del trofeo Arbiter 2022 Vincenzo Cuomo

© Riproduzione riservata