Starhotels promuove ‘La Grande Bellezza’, la sfida creativa per gli artigiani

Starhotels, primo gruppo privato alberghiero italiano, ha promosso la seconda edizione del concorso La Grande Bellezza. Un’altra iniziativa milanese che valorizza la creatività e il know-how dei maestri artigiani italiani, dando visibilità alle migliori opere realizzate nei laboratori e atelier del nostro paese. Vincitore di questa liaison è stato il cabinet Primitivo del piemontese Andrea Bouquet. La premiazione è avvenuta martedì 11 ottobre al Rosa Grand Hotel di Milano, che ospiterà fino al 9 gennaio 2023 l’allestimento delle opere vincitrici.

La Bellezza della Natura è il tema del’edizione 2021-2022

Sostenibilità e ambiente sono stati il centro focale per questa seconda edizione del premio, che ha avuto come tema La Bellezza della Natura. L’obbiettivo era quello di creare opere collocabili in ambienti domestici e alberghieri che trasmettessero le suggestioni che solo la natura sa offrire. Alla competizione hanno partecipato 164 artigiani di ogni età, 22 anni il più giovane, 85 il più esperto, provenienti da tutta Italia. Ciascuno di essi ha proposto delle creazioni di altissima qualità realizzate con tecniche e materiali differenti. Per il suo cabinet, un mobile contenitore, Bouquet ha utilizzato noce canaletto, frassino e ciliegio lavorati a marchetterie, un’antica tecnica di intarsio. Tuttavia, terracotta e ceramica sono stati i materiali privilegiati ma anche il ferro, il tessuto e la carta.

Una giuria d’eccezione, tra arte, design e cultura

Le opere sono state sottoposte al giudizio della giuria presieduta da Elisabetta Fabri, presidente e amministratore Starhotels, e composta da Alberto Cavalli, direttore generale di Fondazione Cologni, Matteo Parigi Bini, editore di Gruppo editoriale, Maria Pilar Lebole, responsabile di Associazione osservatorio dei mestieri d’arte, e Sara Ricciardi, designer e art director delle collezioni Starhotels La grande bellezza. In giuria anche Stefano Boeri, presidente di Triennale Milano, Marva Griffin Wilshire, fondatrice e curatrice del SaloneSatellite, e Barnaba Fornasetti, direttore creativo di Fornasetti. Meritano mezione anche l’artista e architetto Ugo La Pietra, Livia Peraldo Matton, direttore responsabile di Elle decor, di Ippolita Rostagno, fondatrice di Artemest, e della regista Cinzia Th Torrini, madrina del premio. Elisabetta Fabri ha affermato a proposito dell’opera Primitivo di Andrea Bouquet: «Mi è sembrata l’espressione più compiuta dello spirito stesso del premio: ispirarsi allo straordinario patrimonio storico italiano, ma con lo sguardo rivolto verso il futuro».

Il concorso La Grande Bellezza è stato promosso da Starhotels in collaborazione con la Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte, che sostiene e realizza iniziative culturali, scientifiche e divulgative per la diffusione e tutela dell’alto artigianato. Gli altri partner coinvolti sono Associazione Oma-Osservatorio dei mestieri d’arte e Gruppo editoriale, realtà specializzata nella realizzazione di riviste presenti nel canale hôtellerie di lusso.

© Riproduzione riservata