WISH LIST 2017

Must-have, o oggetti del desiderio che dir si voglia, sono quegli accessori, capi, elementi di design che si affacciano ad ogni stagione nuovi e pieni di appeal su passerelle o vetrine, facendo brillare gli occhi di ogni fashionista che si rispetti. Ne ho scelti 15, in realtà qualcuno di più, per la primavera/estate 2017. Confesso di averli selezionati secondo il mio gusto, preferendo quello che mi colpiva, che avrei desiderato per me, senza un vero filo logico. Solo alla fine mi sono accorto che le scelte sono tutte dettate dal desiderio di colore, di positività, di divertissement. C’è voglia di sorridere e un certo senso di leggerezza. Forse, proprio in risposta ai tempi che viviamo, ho scelto inconsapevolmente humour e joie de vivre. E spero che i miei must-have piacciano anche a voi.

1 GREENERY
Il verde è il colore Pantone del 2017. Perché non scegliere alcuni oggetti di design in questa tonalità cromatica? A partire dal tappeto “Birth on the dance floor”, annodato a mano in Nepal, in lana Himalayana e seta, design di Marta Bagante e prodotto dall’azienda cc-tapis. L’avvolgente poltrona “Amburgo”, prodotta da Baxter e la stilosa “Beetle Chair”, dell’azienda GUBI, design di Gam Fratesi, sono entrambe in vendita da Spotti Milano. E se invece in casa proprio non ci volete stare, è verde anche la bici CS Bamboo, la trovate da Tokyobike, sempre a Milano.

2 T-SHIRT
Sarà che a volte il mondo della moda si prende un lo troppo sul serio, mentre io apprezzo sempre di più il gioco e l’autoironia, come quella dimostrata da Andrea Pompilio, che nella sua collezione primavera/ estate 2017 presenta una felpa con una domanda molto precisa: “Who the f… is Andrea Pompilio?”. Io la voglio subito e voi?

3 SOFT DAY PACK
All’insegna del travelling, anche quando è più urban che fuoriporta, lo zaino è tornato alla grande. Mi piace il Marni Soft Day Pack, caratterizzato dalla chiusura superiore con fibbia a scatto, che permette di portarlo anche come borsa a mano. L’ho scelto nella stampa Shutter, dai motivi grafici decisi che alternano rosso, grigio e nero, quasi un moderno e nuovo camo.

4 SANDALS
Saranno ai piedi di molti nei mesi caldi a venire. Un vero e proprio must-have i sandali di Prada, con suola in gomma, nastro bicolor a contrasto e velcro in gomma e tessuto.

5 SLIP-ON
Che protagonista sia il logo del marchio o una sinuosa e sensuale grafica, che finisce anche sulla suola, mi piacciono le slip-on di Bally.

6 JACKET
Mi piace sostenere i giovani designer e fra loro sicuramente degno di nota è Matteo Lamandini. Dalla sua collezione primavera/estate 2017 ho scelto questo total look a righe, che sono sicuramente un trend di stagione e qui coniugano un pizzico di eccentricità con lo stile sporty-street del designer emiliano.

7 BIKER
Un chiodo in primavera? Certo! Perfetto per le serate più fresche questo di Antony Morato in suede. E poi, ammettiamolo, quanto ci fa sentire fighi? Un po’ come Marlon in “The Wild One”, o come Nicholas Cage in “Cuore selvaggio”.

8 THREE-PIECE SUIT
E se deve essere completo tre pezzi, che almeno sia spiritoso. Leo Colacicco, con il suo LC23, ci porta spesso nel mondo dei fumetti. Questa volta tocca al Giappone, ai manga e a un robot stampato che è la summa di quelli visti in tv, con cui siamo cresciuti.

9 DUFFEL BAG
Strepitosa la Duffel bag della collezione “Neo- Vintage” di Gucci, in tessuto ricamato ad ago con motivo serpente corallo e ori, dettagli web verde- rosso-verde, manici e profili in pelle nera. Per chi, come me, rifugge le classiche borse da ufficio.

10 HOMME PLISSE
Cultura e moda: un binomio che trovo sempre vincente e che diventa davvero affascinante nel lavoro di alcuni designer. Ne è esempio la collezione HOMME PLISSÉ Issey Miyake primavera/estate 2017. Spring Series che prende ispirazione dalle correnti artistiche Shunga e Ukiyo-e, che si diffusero nella società Giapponese durante il periodo Edo. Il risultato sono capi di abbigliamento adatti a tutti i giorni, confortevoli, per uomini contemporanei, che rielaborano competenze sartoriali e concetti tradizionali giapponesi.

11 KNITWEAR
Vincitore dell’edizione maschile di “Who’s on Next?” 2015, Vittorio Branchizio si riconferma un nome da tenere d’occhio nel panorama di stile italiano. La sua maglieria, originale e di qualità, stupisce e affascina sempre anche per i molti riferimenti artistici. Facile innamorarsi quindi delle sue proposte primaverili dove i giochi grafici rivisitano il classico gessato, ispirandosi ai quadri di Frank Stella.

12 TRENCH
Non dimentico il (gentle)man caro a MANINTOWN. Per lui la primavera prevede un capospalla dal quale sarà inseparabile: l’impermeabile. E senza dimenticare il colore, come questo trench doppiopetto in lana 150s di Canali, da indossare su un completo lino-seta delavé, in un bell’arancione acceso.

13 POCKET WATCH
Non è colorato, ma sicuramente scintillante l’orologio Bulova. Un Pocket Watch elegantissimo, per un dandy moderno. Cassa e catena in acciaio con logo Diapason, quadrante tondo, in silver con datario a ore, movimento al quarzo analogico 3 sfere, impermeabilità a tre atmosfere.

14 DECOMPOSE LIGHT
Di Artemide, designed by Atelier Oï, la famiglia di lampade in alluminio “Decomposé Light”, che a me ricordano le stelle filanti. Sono capaci di animare lo spazio con il colore e il gioco geometrico della forma, che interagendo con la luce disegna sottili ombre.

15 DOUBLE-BREASTED JACKET
Il doppiopetto ha fatto un grande ritorno nel guardaroba maschile delle ultime stagioni. Ci piace quello classico nero, ma sdrammatizzato da un tocco di colore romantico. Questo di Christian Pellizzari sarà perfetto per un party cool nelle serate di tarda primavera.

®Riproduzione Riservata

© Riproduzione riservata

x

x