Profumi uomo: essenze di primavera

Le essenze di questa primavera, con un solo spruzzo riusciranno a calmare i nostri sensi aiutandoci ad affrontare al meglio il periodo che stiamo attraversando. La nostra selezione si ispira ad un viaggio ideale, fatto di aromi e note profumate che ci portano lontano.


Copper – Comme des Garçons

Composto da ingredienti provenienti da tutto il mondo come il galbano raccolto sulle montagne iraniane, i luminosi granelli di pepe raccolti in Perù, i rizomi di intenso zenzero del Madagascar distillati in olio, l’ambra artificiale, la vaniglia naturale e la mirra etiope che si armonizzano in un singolo profumo e fanno trasparire un tocco di sensualità.

Bal d’Afrique – Byredo

È ispirato alla Parigi della fine degli anni ‘20 ed è un vibrante melange di avanguardismo e cultura popolare africana che ha segnato un’epoca colorata di eccessi e euforia sulle note di un jazz melodico.


Beau De Jour – Tom Ford

È un fresco fougère aromatico amplificato da un ibrido energetico di lavanda. Il cuore pulsa con l’inflessione delle erbe del rosmarino africano e del floreale geranio verde con il suo sottile accento di menta. Patchouli e ambra creano una base terrosa di legno radioso con un sensuale calore muschiato, elevando ulteriormente la rinfrescante nozione di mascolinità della fragranza.

Impact – Tommy Hilfiger

È una fragranza mascolina che fonde sentori agrumati, fumosi aromatici e un trio di legni preziosi, aggiungendo un tocco potente ed inconfondibile di Akigalawood®, estratto di patchouli.


Good girl gone Bad Eau Fraîche – Kilian

Il profumo si apre con luminose note di fiori d’arancio dal Nord Africa, accanto a rose dalla Turchia e Marocco. È un drydown moderno e vellutato, con un caratteristico muschio floreale. A metà tra il narcotico e l’arioso.


Wisteria & Lavander Cologne – Jo Malone

Il glicine a cascata incornicia una fragranza di carattere, creando un nostalgico quadro viola. Questa morbida presentazione floreale della lavanda inglese è intrecciata con glicini dolci ed eliotropio polveroso. Un trio pittoresco, avvolto in un muschio bianco pulito e delicato.


Coeur de Cologne – Mizensir

Coeur de Cologne è un’eau de parfum che racchiude tutto ciò che si desidera da una colonia, assicurando una persistente sensazione di freschezza grazie alle note di bergamotto, neroli, limone, essenza di fiori d’arancio, liatrix e incenso.

Erolfa Millesime – Creed

Erolfa coglie la sua perfezione nell’equilibrio tra i componenti moderni ed una base classica, ricreando il profumo dell’aria marina, tonificante ed inebriante allo stesso tempo Oceanico, fresco ed erbaceo. Note marine, erbacee ed agrumate con mandarino, sandalo, bergamotto ed ambra grigia. Ideale dopo la lunga pausa invernale.

Eau Fraîche Homme – Eisenberg Paris

Un soffio rivitalizzante animato nelle note di testa dal pompelmo e raggiunto nel cuore dalle note fresche del dragoncello e della salvia. La sensualità speziata del ginepro e dello zenzero, temperata da una lavanda moderna e discreta, dona forza e rilievo. Infine l’eleganza del vetiver e del sandalo.

Profumi legnosi: i migliori da avere

Le fragranze legnose nei profumi, chiamati in gergo boisé, sono tipicamente maschili e sono caratterizzate dalla presenza nella piramide olfattiva di legni pregiati, come quello di cedro o di sandalo. A tratti romantiche, possiedono una combinazione di ingredienti che le rende avvolgenti senza perdere un fermo stampo di mascolinità. Risultano perfette per questo periodo perché riscaldano le giornate fredde e creano subito atmosfera. Tra legni, affumicati e bruciati, cuoio, tabacco e note aromatiche abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta.

® Riproduzione riservata

FRAGRANZE MEDITERRANEE

È un dato di fatto, baie e calette italiane sono tra le più belle del mondo, così il mediterraneo diventa una fonte inesauribile d’ispirazione. Ogni terra che si affaccia sul mare porta con sé aromi particolari, legati alle tradizioni e alla flora del luogo. Perché non ritrovare questi profumi anche nelle fragranze che ci accompagneranno questa stagione? Eccovi alcuni suggerimenti dal cuore meditarraneo da scoprire:

Acqua di Parma, Chinotto di Liguria

L’ingrediente principale di questa fragranza ha leggendarie origini orientali, ma è italiano da secoli, anzi ligure. Amaro e dolce al tempo stesso, è il centro di delizie di pasticceria e irresistibili bevande amaricanti. Chinotto di Liguria è il respiro della natura ligure che cresce rigogliosa sulle rocce a picco sul mare. Il cuore della fragranza fiorisce di gelsomino e geranio, rinfrescandosi con le note dinamiche e vibranti del cardamomo e rosmarino. Nel fondo sopraggiungono il silenzio e la pace del patchouli e del muschio.

Hermes, Un Jardine en mediterranee

Il primo Parfum-Jardin Hermès creato nel 2003, in sintonia con il tema dell’anno: il Mediterraneo. Un viaggio emozionale, una passeggiata olfattiva in un giardino in riva al mare, traboccante di alberi e di fiori, pieno d’ombra e di luce, di mormorii e di silenzi, di emozione e di pace. L’alchimia della creazione ne fa un luogo immaginario accessibile a tutti tramite la magia del profumo. Con la sua fragranza legnosa, verde, fruttata, è un mosaico di sensazioni olfattive, visive e tattili.

Chanel, Eau de Cologne

Appartiene alla collezione Les Exclusifs che racconta una storia di fragranze che parlano tutte il linguaggio di Chanel. Questo significato singolare e universale fonde, come nessun altro, il passato, il presente e il futuro.  Notiamo subito Esperidi e il neroli che per tradizione rappresentano la colonia, ma la qualità è così rara e i composti sono così finemente assemblati da farle perdere un po’ della sua modestia. Più fine, più nervosa, ha già un tono fiorito e leggero. Ma sempre generosa, regala grandi spruzzi di innocente voluttà.

Dolce&Gabbana, Velvet Cypress

Una fragranza legnosa, agrumata e fresca ispirata al cipresso italiano dei paesaggi mediterranei. La dose vigorosa di cipresso riflette la sua sfaccettatura frizzante in un’elegante essenza legnosa agrumata fresca. Il cipresso italiano è uno dei tratti più iconici dei giardini mediterranei. A chiudere l’eleganza del legno di Cedro per un omaggio alla campagna italiana di fine estate.
DG-VELVET-CYPRESS-e1488445003434

Tom Ford, Neroli Portofino

È la rivisitazione di un’Eau de Cologne classica ispirata alle acque azzurre e splendenti, alla freschezza della brezza marina e alla verde della vegetazione che fa da cornice alla Riviera italiana. L’esordio è di olii agrumati come il neroli tunisino, limone siciliano, mandarino invernale siciliano e bergamotto. Lavanda, fiore d’arancio, rosmarino e ambra conferiscono alla fragranza la ricca complessità che la contraddistingue creando un effetto che non può passare inosservato.

Kilian, Intoxicated e Vodka on the rocks

Appartengono alla collezione Addictive State of Mind e sono l’ideale per accompagnare con un tocco lussuoso e irriverente le serate estive. Del resto, questi profumi accattivanti con ingredienti e oli squisiti non possono che suscitare pensieri pericolosi. Come la miscela afrodisiaca di Intoxicated con vaniglia, geranio e bergamotto, oppure Vodka on the rocks con la suggestione orientale del cardamomo e del coriandolo uniti a rosa e mughetto.

®Riproduzione Riservata

Cinema e moda complici nel nuovo revival

Café Society courtesy of Warner Bros. Pictures

Realtà e finzione, passato e presente, mito e quotidiano non sono termini di una dicotomia ma di un’endiadi. Lo conferma il fatto che il cinema che fa volare la nostra fantasia e la moda che appartiene al nostro vissuto reale, intrecciano i loro ruoli sempre più spesso, soprattutto per definire personaggi maschili che abbiano una solida credibilità, preferibilmente ambientati nel passato. Non a caso il vintage futuribile è la grande tendenza del gusto e del costume attuale e infonde nuova linfa non solo nella vita, ma anche in alcuni film sul grande schermo. Sull’onda di questo tormentone che volge lo sguardo al futuro con un occhio legato al passato e a un mondo a volte fantastico ricreato sulla base di spunti fumettistici collegati alla realtà attuale, le liaison fra moda maschile e cinema sono state e sono tuttora molteplici. Armani ha creato il guardaroba di Richard Gere per il film ‘American Gigolò’ manifesto della nuova virilità anni ‘80 e ha trionfato a Hollywood con i costumi del film ‘Gli intoccabili’, che si rifà all’epoca di Al Capone. Neanche una decade prima Ralph Lauren, negli anni ’70, rilanciò lo stile rétro dei ruggenti ’20, disegnando gli abiti di Robert Redford per ‘Il grande Gatsby’, che recentemente sono stati ideati da Brooks Brothers per il remake del film con Di Caprio. Poi c’è anche chi dall’ufficio stile di grandi maison è passato a dirigere film, transitando dietro la macchina da presa: è il caso del visionario texano Tom Ford, vincitore con il film da lui scritto e diretto ‘Animali Notturni’, del Gran Premio della Giuria al Festival di Venezia 2016, un riconoscimento importante per un cineasta alla sua seconda prova, dopo l’esordio con il multi premiato ‘A single man’ del 2009. Anche in questa seconda avventura, che forse condurrà i suoi attori protagonisti Amy Adams e Jake Gyllenhaal a vincere gli Oscar come migliori attori protagonisti, Ford ha voluto avvalersi della costumista Arianne Phillips, che ha collaborato spesso con Madonna e ha firmato già il guardaroba dei protagonisti di Kingsman con Colin Firth, tutto incentrato sulla sartorialità inglese di Savile Row. Il sequel sarà svelato nelle sale nel 2017 e prevede ancora i costumi della Phillips sul set. In ‘Animali notturni’, ambientato nel Texas e a Los Angeles, un film in cui la stessa idea di mascolinità si trova messa in discussione attraverso la visuale del protagonista, come osserva la Phillips, “Tom capisce che c’è un rapporto tra quello che indossiamo e la nostra identità”. E così gli abiti di scena diventano una seconda pelle alimentando una sorta di spirito di emulazione nello spettatore, incantato dalla visione estetizzante del regista, molto apprezzata in ‘The single man’ dove l’elegantissimo Colin Firth appariva un dandy anni ’60. Due film molto romantici e ambientati negli anni ’30, ‘Genius‘ di Michael Grandage e ‘Café Society‘ di Woody Allen, rinnovano l’alchimia fra cinema e moda maschile esaltando il ruolo del passato come guida e chiave di lettura del presente. Nel primo film i cappelli Borsalino anni ’30 e i cappotti doppiopetto con i revers a lancia di Colin Firth fanno da contrappunto agli abiti elegantemente sciatti e quasi logori di Jude Law nel ruolo di Thomas Wolfe, mentre in Café Society si descrive la mondana frivolezza della società dell’epoca jazz. Il film, che si svolge fra New York e Los Angeles, presenta il protagonista Jesse Eisenberg infilato in giacche da smoking immacolate, pantaloni a vita alta e con al collo cravatte ampie nel segno di un’esibita ed edonistica ricercatezza tipica di un’epoca dominata dallo charme del playboy da silver screen. E per chiudere il cerchio, non è raro vedere casi di attori che anche al di fuori dal set scelgono i canoni di un’eleganza un po’ vintage, ma in fondo senza tempo. Benedict Cumberbatch che sul set di ‘Doctor Strange‘ sfoggia un ampio mantello rosso molto costruito e icastico per far sognare le platee, sul tappeto (sempre rosso) sa interpretare abilmente la modernità di un completo blu scuro di Giorgio Armani Made to Measure che agli anni ’30 si ispira da sempre.

@Riproduzione Riservata

Tutti al mare! Pronti per godervi un po’ di sole e di mare?

Ha collaborato Orsola Amadeo

È arrivato il periodo dell’anno in cui, almeno nei week end, le città si svuotano e si riempiono invece le spiagge. In realtà dovremmo usare il condizionale, perché il meteo in questo periodo non ci è sempre stato favorevole. Noi proviamo a sfidare piogge e affini, ma anche il caldo che, almeno durante la settimana, ci attanaglia dentro a case ed uffici o, se proviamo a mettere fuori il naso dalla porta, nei nostri percorsi sull’asfalto bollente, ci fa immaginare vicino all’acqua, che sia quella del mare o quella di una piscina, magari con un leggerissimo venticello ad alleggerire la calura e con una bevanda fresca in una mano. Avete presente il quadro?
Con questa gallery, divisa in due parti, vi raccontiamo cosa dovete avere con voi se opterete per un week end by the sea!

Se, come chi scrive, non riuscite ad essere essenziali e portate sempre un sacco di cose, il primo step è scegliere una borsa adatta. Noi ve ne proponiamo tre! La prima è di Berluti e fa parte di una capsule il cui nome spiega già tutto: Beach Essentials! Una tote bag elegantissima, dalle linee pulite, in un discreto beige, ma c’è anche in blu navy,è in tela di cotone e lino, con profili in pelle e lunghi manici che consentono di portarla sia a mano che a spalla. Perfetta per chi anche nei momenti di relax non rinuncia ad essere elegante e ricercato. I più sportivi forse preferiranno portare uno zaino. Decisamente tecnico quello della linea Revenge di Mandarina Duck, in tessuto di lino spalmato con gli spallacci in corda da arrampicata. Più colorato è quello di Dirk Bikkembergs Sport Couture, composto per il 60% da neoprene, come le mute dei sub, piacerà a chi ama un tocco di colore acceso anche negli accessori.

Per asciugarsi dopo un tuffo in acqua o per chi va in spiaggia per imitare le lucertole e passare ore steso al sole, un must-have è il telo. Noi ve lo proponiamo colorato e pieno di brio. Ci piace quello con i disegni geometrici di Paul Smith e quello più marinière, con le sue mille righe, in morbido cotone di Arena.

Ovviamente non si può immaginare una giornata in spiaggia senza pensare al costume, anzi a più di uno! E noi vi diamo un po’ di opzioni. I nuotatori incalliti, che preferiscono lo slip classico da mare, sceglieranno il costume Arena, che per la s/s 2016 si ispira all’Amazzonia, il dettaglio verde dona a questo modello un animo sicuramente grintoso.
Il costume a bermuda è un grande classico e rimaniamo in zona carioca, con la grafica Parrot della collezione Jolly Rogers, ispirata al mondo dei pirati, proposta dal brand Dolly Noire. Spiritosi anche quelli proposti da Paul Smith con la stampa che riproduce tanti coni gelato, mentre più corto è il pantaloncino di Missoni, che riproduce il classico motivo zig-zag caro al brand. A pantaloncino e con una stampa dal sapore retrò, che rimanda alle icone di stile maschile della Hollywood anni Cinquanta, il costume di Coast Society tailored by The BespokeDudes, mentre più sportivo, quasi da college americano quello di Tommy Hilfiger. Chiude la nostra rassegna di proposte il costume di Sweet Years, un modello di boxer aderente in black and white.

Per una giornata estiva all’aperto non possono mancare gli occhiali da sole. Il gentleman di Dolce&Gabbana sceglie un modello dalla forma pilot, caratterizzato dall’iconica silhouette “taglio sartoriale” a 45° sull’arco cigliare laterale. Frontale e terminale sono in nero opaco e le lenti grigio scuro. In fibra di nylon e caratterizzati da un vivace pattern “palm” sulle aste quelli di Boss Orange, abbiamo scelto quelli proprio in arancione, per chi d’estate vuole divertirsi un po’ con lo stile! Colori accesi anche per gli occhiali Lacoste, ma la caratteristica più importante è che questo modello unisex, dalla forma rettangolare, è realizzato con una tecnica di iniezione all’avanguardia che consente alla struttura di galleggiare! Le montature da sole maschili di Tom Ford comprendono Trevor, un modello aviator di ispirazione vintage, la montatura è leggera, in sottile acetato, ed ha un piccolo doppio ponte che lo rende ancor più elegante. Stile retrò anche per Lanvin, il modello ricorda “Mad Men”, per sentirsi come Don Draper, caratteristico il dettaglio delle viti sul front dell’occhiale. Una tendenza nel mondo dell’ottica è sicuramente quello della lente arrotondata, se poi è anche colorata l’immagine che ne risulta è fresca e giovane, ne è un esempio il modello di Pugnale & Nyleve.

@Riproduzione Riservata

ACQUA DI COLONIA

Ha più di tre secoli di storia, ma non li dimostra. L’Eau de Cologne uno dei classici della profumeria, dalle note domi- nanti di agrumi, nata come “Aqua mirabilis” acqua profuma- ta dalle proprietà medicamentose a ne ‘600, cambia pelle…

Colonia Club Travel Spray di Acqua di Parma

Flacone da viaggio, rivestito in pelle, per la nuova Eau De Cologne, ispirata ai club sportivi esclusivi, che si apre con le note agrumate di mandarino, limone e bergamotto che si fondono con quelle più opulente del neroli e petit grain, insieme a quelle fresche e croccanti della menta. Nel cuore le note aromatiche di geranio, lavanda e galbano. Il fondo é un tripudio di accenti legnosi del vetiver haitiano che si fondono con l’opulenza del muschio e dell’accordo di ambra grigia.

Fahrenheit Cologne di Dior

Tripudio di agrumi freschi e succosi in apertura: mandarino siciliano, berga- motto calabrese e limone. Sensuale patchouli e viola francese inebriano il cuore. Le note calde del vetiver di Haiti e del cedro della Virginia, e quelle speziate di noce moscata e cumino chiudono la fragranza.

Pour Homme Essence Aromatique di Bottega Veneta

Una rivisitazione della classica colonia che si apre con la freschezza del bergamotto italiano, mentre il cuore é sensuale: mix di patchouli indonesiano, narcotico e opulento, e accordo di pino siberiano. Nelle note di fondo il cedro del libano.

Neroli Portofino Forte di Tom Ford

Note di testa agrumate a base di ber- gamotto, arance sanguigne e lavanda, e ricordano il profumo dei pergolati di Porto no, a cui si aggiungono note di basilico e quelle silvestri del garbano. Il fondo della fragranza riproduce
il sentore del sottobosco costiero incolto con note boisé, un accordo di cuoio, ambra, assoluta di muschio di quercia. Per lasciare spazio in ne alla sensualità del suede e dei muschi che chiudono la fragranza.

@Riproduzione Riservata 

x

x